Salute 4 Aprile 2020

Patente di immunità, Rezza (ISS) frena: «Al Nord potrebbe aiutare, ma dove virus ha circolato poco serve altro»

Il Direttore del Dipartimento di malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità invita alla cautela sui test sierologici per scoprire l’immunità da Covid-19: «Sono ancora in via di validazione, quindi bisogna avere un po’ di cautela di fronte ai risultati». Poi aggiunge: «Stiamo valutando l’uso obbligatorio delle mascherine»

Immagine articolo

In questi giorni l’attenzione di governo, regioni e autorità sanitarie è sulla cosiddetta ‘fase 2’, quella della ripartenza dopo il lockdown di queste settimane. Un passaggio delicato che, se fatto nei tempi e nei modi sbagliati, rischia di far ripartire l’epidemia. Per questo si parla ovunque dei cosiddetti “test sierologici” e della “patente di immunità”: in sostanza attraverso un test del sangue si cercano gli anticorpi che dovrebbero indicare il superamento (o meno) della malattia da parte di soggetti che, di conseguenza, sarebbero in grado di riprendere l’attività lavorativa.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, ALLO STUDIO IL “CERTIFICATO DI IMMUNITÀ” PER TORNARE GRADUALMENTE AL LAVORO

Ne abbiamo parlato con Giovanni Rezza, Direttore del Dipartimento Malattie Infettive dell’Istituto Superiore di Sanità, che però invita alla cautela: «Si assume che una persona che abbia superato l’infezione in maniera sintomatica o asintomatica abbia degli anticorpi che lo proteggono – spiega Rezza -. Allora, se risultasse positivo a un test sierologico che rilevi la presenza di questi anticorpi contro il virus, si potrebbe dire che questa persona è immune. Però questi test sono ancora in via di validazione perché sono arrivati adesso sul mercato. Una valutazione accurata ancora non è stata fatta, quindi bisogna avere sempre un po’ di cautela di fronte ai risultati ».

Ma aver avuto la malattia significa esserne immune? Anche su questo, ancora non ci sono evidenze scientifiche. «In linea di massima – spiega Rezza – con le malattie infettive c’è una immunità che resta a vita. In questo caso il follow up dei pazienti non c’è, è un virus nuovo, però si pensa che una persona che abbia superato la malattia e abbia gli anticorpi, possa essere considerata immune. Ma servono studi a lungo termine».

Test sierologici sono allo studio in diverse regioni italiane: apripista il Veneto, ma poi anche Lazio, Emilia Romagna, Campania e ora anche la Lombardia. Una corsa, però, che necessita di una cabina di regia nazionale, o si rischia di avere test diversi da regione a regione. «Questo rischio c’è – continua Rezza -. Questo è uno dei motivi per cui è stato proposto uno studio nazionale che si sta definendo».

C’è poi un’altra incognita che pesa sull’utilità dei test sierologici: dove il virus ha circolato poco, non servirebbero a ripartire. «Le strategie per ripartire possono essere tante. Anche perché al nord chiaramente il numero di persone che possono essere considerate immuni potrebbe essere discreto. Diverso al centrosud, dove il virus ha circolato poco».

«Al centrosud – conclude il Direttore delle Malattie Infettive dell’ISS – la cosa più importante è l’identificazione tempestiva dei casi, l’isolamento delle persone infette, il contact tracing cioè il rintraccio dei contatti, l’isolamento dei contatti che abbiano avuto un contatto stretto con i malati. Si sta anche valutando l’uso di app che potrebbero in qualche modo aiutare. Ci sono diverse strategie che possono essere messe in atto ancora in via di valutazione, tra cui anche l’uso obbligatorio delle mascherine. Ne stiamo parlando».

Intanto, l’ultima circolare del Ministero della Salute ha fatto chiarezza sull’utilizzo dei test: questi sono molto importanti nella ricerca e nella valutazione epidemiologica della circolazione virale ma molto meno «nell’attività diagnostica d’infezione in atto da SARS-CoV-2, dove necessitano di ulteriori evidenze sulle loro performance e utilità operativa». Secondo il Comitato Tecnico scientifico «i test rapidi basati sull’identificazione di anticorpi IgM e IgG specifici per la diagnosi di infezione da SARS-CoV-2 non possono, allo stato attuale dell’evoluzione tecnologica, sostituire il test molecolare basato sull’identificazione di RNA virale dai tamponi nasofaringei secondo i protocolli indicati dall’OMS».

LEGGI LA CIRCOLARE DEL MINISTERO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 18 settembre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 294.932 (1.907 in più rispetto a ieri). 99.839 i […]
Coronavirus, nell’ultima settimana +26% di ricoveri e +41% di terapie intensive
Nella settimana 9-15 settembre si stabilizza l’incremento dei nuovi casi, ma cala di oltre 58mila il numero dei tamponi. Il report di Gimbe
Recovery Fund, Senatrice Binetti: «Ministero dimentica di destinare quota alle malattie rare»
Presentata relazione programmatica dell’intergruppo parlamentare per le malattie rare sottoscritta dalle Associazioni di pazienti: «Dimenticati durante la pandemia, da quattro anni aspettiamo un nuovo Piano Nazionale finanziato»
Ritorno a scuola, a Milano test sierologici per 6000 studenti dai 3 ai 18 anni
Test pungidito analizzati al Buzzi per fotografare la situazione epidemiologica nelle scuole. In caso di esito positivo, immediato il tampone. Presto camper per esaminare anche studenti con sintomi influenzali. Il progetto pilota dell’ASST Fatebenefratelli Sacco con la collaborazione del Provveditorato agli studi e dell’Università Statale
di Federica Bosco
Coronavirus e cariche virali: a dieci anni resta positivo (e in isolamento) per tre mesi con pochissimi sintomi
Due studi dell’Istituto Villa Santa Maria di Como, pubblicati sul Journal of Infection, approfondiscono casi asintomatici fra bambini e adolescenti dimostrando che possono risultare positivi al tampone per lunghi periodi a causa della cariche virali alte
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 18 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto