Salute 3 Aprile 2020 11:56

Coronavirus, allo studio il “certificato di immunità” per tornare gradualmente al lavoro

Il progetto è curato dal team di Sergio Rosati, ordinario di malattie infettive del Dipartimento di scienze veterinarie dell’Università di Torino. Operatori sanitari i primi a poter beneficiare di questa possibilità

Coronavirus, allo studio il “certificato di immunità” per tornare gradualmente al lavoro

Come riaprire gradualmente l’Italia e le sue attività produttive senza il pericolo di una nuova ondata di contagi e ricadute di Coronavirus? La soluzione potrebbe essere un certificato di immunità al Covid-19 realizzato grazie ad un test del sangue che potrebbe rivelare chi è immune al virus e può riprendere la propria attività produttiva senza rischi per gli altri.

Secondo quanto riportato da Adnkronos Salute, è questo il progetto portato avanti da Sergio Rosati, ordinario di malattie infettive del Dipartimento di scienze veterinarie dell’Università di Torino, e dal suo team. Si stima, infatti, che a fronte di oltre 100mila casi accertati nel nostro Paese, circa un milione e mezzo di persone siano immuni al Covid-19 senza, ovviamente, esserne a conoscenza.

«Abbiamo già il test, ma prima di produrre il kit dobbiamo procedere alla sua validazione: abbiamo avviato la richiesta per usare il siero dei pazienti, ci siamo rivolti al Comitato etico del nostro ateneo e, in collaborazione con le Molinette, proporremo una sperimentazione unica a livello regionale per ricevere i sieri dei pazienti. A quel punto serviranno 7-10 giorni per avere le risposte».

LEGGI ANCHE: COVID-19, DE LEO (OMCEO MILANO): «ATTENDIAMO OK A LIMITAZIONE RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE, MA SI VALUTI INDENNIZZO STATALE A VITTIME»

I primi a beneficiare di questa possibilità potrebbero essere gli operatori sanitari: «Come categoria – spiega ancora Rosati – sono i più esposti: sapere di aver sviluppato gli anticorpi a livelli tali da essere protetti, potrebbe aiutarli a lavorare adottando sempre tutte le precauzioni, ma con più tranquillità».

La ricerca è nata da una collaborazione con l’Istituto zooprofilattico sperimentale della Lombardia ed Emilia Romagna e il Dipartimento di Chimica dell’Università di Torino: «Siamo partiti un mese e mezzo fa con questa idea, vedendo ciò che era successo in Cina, ma all’inizio ci davano poco retta. Adesso tutti ne parlano». Per ora, dunque, si attendono i risultati dei test, ma per la produzione made in Italy è necessario attendere il supporto dell’Istituto zooprofilattico e della validazione dell’Istituto Superiore di Sanità.

Anche la Germania si sta muovendo in questo senso. Il progetto, curato dal Centro Helmholtz per la ricerca sulle malattie infettive di Braunschweig, si concentra sugli anticorpi che dovrebbero indicare il superamento della malattia da parte di soggetti che, di conseguenza, sarebbero in grado di riprendere l’attività lavorativa. I ricercatori stanno programmando test su blocchi di circa 100mila persone che hanno contratto il virus e che poi sono guarite.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Terapia del plasma, Perotti (San Matteo di Pavia) «Oggi sospesa per mancanza di pazienti, ma tesoretto di 200 sacche pronte all’uso»
Il direttore del servizio di immunoematologia dell’IRCCS pavese ricorda il collega De Donno: «Era una brava persona, molto volenterosa, di quelli che gettano il cuore oltre l’ostacolo, ma non strumentalizziamo la sua morte. Il plasma non c’entra»
di Federica Bosco
Covid-19, svelato il motivo per cui i bambini si ammalano molto meno
Una molecola “chiave” che apre le porte al virus è meno attiva. Lo hanno scoperto i ricercatori del CEINGE-Biotecnologie Avanzate di Napoli, studiando i meccanismi di attacco del virus all’interno delle prime vie respiratorie in soggetti di età inferiore o superiore ai 20 anni
Report ISS, Rt a 1,57 e 20 regioni a rischio moderato. Salgono i ricoveri
Tasso di occupazione in terapia intensiva fermo al 2%, ma quello in area medica sale al 3%. Scende anche la percentuale di contagi tracciati, al 28% rispetto al 30 della settimana precedente
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 luglio: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto […]
Vaccino Pfizer, lo studio: «Efficacia cala nell’arco di 6 mesi»
Su questo trend poggiano le ulteriori valutazioni avviate dall'azienda, che ha aperto il dibattito sull'opportunità della terza dose di vaccino
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva