Salute 26 Agosto 2022 09:27

Caldo e salute mentale, perché i pazienti psichiatrici soffrono più il cambiamento climatico

Zanalda (SIP): «Necessario porre in essere campagne di prevenzione come per altre categorie fragili»

Caldo e salute mentale, perché i pazienti psichiatrici soffrono più il cambiamento climatico

L’estate 2022 passerà alla storia per il suo caldo record, sia per intensità che per durata. E se gli effetti del calore eccessivo sulla salute fisica sono ormai ben note, così come le strategie per farvi fronte, meno si parla del rapporto tra ondate di calore e benessere psichico.

Sono ormai molti gli studi che analizzano gli effetti negativi delle alte temperature sulla salute mentale, sottolineando in particolare, come anche l’aumento di solo 1 grado sia correlato a una maggiore incidenza di decessi collegati a patologie psichiche (+2.2%), di slatentizzazione di disturbi psichici non diagnosticati, di peggioramento di quelli già in essere, tra cui ansia, depressione, e disturbo bipolare, addirittura aumento delle condotte violente.

Sanità Informazione ha approfondito la questione con l’aiuto dello psichiatra Enrico Zanalda, presidente della SIP (Società Italiana Psichiatria).

I pazienti psichiatrici e le strategie di adattamento

«Sicuramente – spiega Zanalda – le persone che soffrono di disturbi psichici hanno in generale meno possibilità di porre in essere strategie di difesa o adattamento, e possono quindi risentire maggiormente di condizioni climatiche sfavorevoli. Di conseguenza lo stress che ne deriva amplifica una serie di disagi che talvolta sono sotto soglia, o esasperandoli a tal punto da fare aumentare, in alcuni casi già a rischio, la probabilità che sfocino in condotte aggressive».

Ridotta efficacia di alcuni farmaci

Gli studi parlano anche del rischio di alterazione, a causa del caldo, di alcune molecole comunemente contenute nei farmaci più in uso contro i disturbi psichici, ad esempio il litio, che si associa quindi ad una minore efficacia. «Soprattutto – osserva lo psichiatra – c’è il rischio che una eccessiva sudorazione dovuta appunto alle alte temperatura possa causare una minore concentrazione ematica della sostanza e quindi ridurne gli effetti».

Il fattore climatico e l’imprevedibilità

«Quello che è importante sottolineare – spiega  Zanalda – è che non è il gran caldo di per sé responsabile di tutto questo: nelle regioni tropicali infatti non assistiamo a una maggiore incidenza di questi disturbi. Il fattore scatenante è, invece, l‘aumento della temperatura inaspettato e protratto nel tempo, a cui non si è abituati, che è proprio quello che sta caratterizzando questa stagione».

Campagne di prevenzione come per altri soggetti a rischio

«A causa dei cambiamenti climatici in atto – continua lo psichiatra – possiamo dire con ragionevolezza certezza che questa estate così torrida e lunga non resterà un caso isolato. È quindi necessario che, così come accade con le campagne di prevenzione dal caldo rivolte agli anziani, categoria particolarmente a rischio in caso di temperature elevate – conclude – si pongano in essere analoghe campagne per i soggetti con patologie psichiche».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Salute mentale, scoperto biomarcatore utile per la diagnosi della psicosi
Potrà diventare l’integratore del futuro, tutto naturale, per il benessere del cervello, ma anche il primo biomarcatore naturale di una patologia psichiatrica: per questo sulla palmitoiletanolamide, o PEA, sono puntati i riflettori degli esperti della Società di NeuroPsicoFarmacologia (Sinpf), riuniti da oggi a Milano al XXV congresso nazionale dedicato a “Le neuroscienze del domani: la neuropsicofarmacologia verso la precisione e la personalizzazione delle cure”
di V.A.
Più di 4 ore al giorno sullo smartphone mette la salute degli adolescenti a rischio
Gli adolescenti che utilizzano lo smartphone per più di 4 ore al giorno hanno un rischio maggiore di sviluppare disturbi di salute mentale o di fare uso di sostanze pericolose. A far emergere questa preoccupante associazione è stato uno studio coreano pubblicato su Plos One
Nel 2022 il caldo ha ucciso oltre 70mila persone in Europa, più di quanto stimato prima
Durante l'estate del 2022 la mortalità per caldo in Europa è stata piuttosto elevata, più di quanto precedentemente stimato. Uno studio condotto dall’Istituto di Barcellona per la salute globale, pubblicato su The Lancet Regional Health – Europe, ha concluso che, a causa delle temperature elevate, si sarebbero verificati oltre 70.000 decessi nel Vecchio Continente lo scorso anno
Dall’inizio della pandemia +25% della spesa per i servizi di salute mentale rivolti ai giovani
La spesa per i servizi di salute mentale per bambini e adolescenti è aumentata di oltre un quarto dall’inizio della pandemia. L’uso della telemedicina, invece, si è stabilizzato. Questo è quanto emerso da un nuovo studio pubblicato su JAMA Network Open
«Colpi di calore, a rischio donne in gravidanza e menopausa». I consigli del ginecologo
«Donne in gravidanza e in menopausa attenzione ai colpi di calore in agguato». A mettere in guardia,  invitando a proteggersi in queste giornate roventi, è Claudio Giorlandino, ginecologo, direttore scientifico dell'Istituto di Ricerche Altamedica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Patologie dei polmoni, ‘Respiriamo Insieme’: “Una legge ad hoc per il riconoscimento dell’asma grave”

La Presidente Barbaglia: "Necessario assegnare un codice specifico e riconoscere numerose prestazioni fondamentali, al fine di garantire a tutti i pazienti una tempestiva e corretta diagnosi, follow-u...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...