Salute 5 Novembre 2020 14:46

Calabria “Zona Rossa”, Minniti (AAROI-EMAC): «Il Governo ha ragionato in prospettiva, abbiamo ancora numeri bassi»

Il Presidente degli anestesisti-rianimatori sezione Calabria spiega qual è la situazione negli ospedali della regione alla luce dell’ultimo DPCM

Calabria “Zona Rossa”, Minniti (AAROI-EMAC): «Il Governo ha ragionato in prospettiva, abbiamo ancora numeri bassi»

«La situazione in Calabria, al momento, non mi sembra così preoccupante da giustificare una “Zona Rossa”. Immagino però che il Governo centrale abbia ragionato in prospettiva, considerato che in caso di aumento dei contagi potremmo andare incontro ad una catastrofe sanitaria. Insomma: la curva non ha preso un’impennata drastica ma si chiude perché la capacità di dare risposte sanitarie della Calabria è molto limitata». Così Domenico Minniti, Presidente AAROI-EMAC (anestesisti-rianimatori) Sezione Calabria, sulla decisione di far diventare “Zona Rossa” la Regione governata da Nino Spirlì, che ha annunciato un ricorso contro il provvedimento firmato dal Ministro Roberto Speranza.

«I posti letto in terapia intensiva che abbiamo nei nostri ospedali sono inferiori di circa un terzo rispetto agli standard nazionali e quelli occupati non raggiungono la soglia d’allarme del 30%. È sbagliato però concentrarsi solo su questo. Le terapie intensive sono solo la punta dell’iceberg. Abbiamo difficoltà a trattare i pazienti che andrebbero ventilati perché mancano gli anestesisti-rianimatori. Nella nostra regione – spiega Minniti – questi professionisti devono farsi letteralmente in quattro per gestire i pazienti in terapia intensiva e dare un supporto a chi opera nelle terapie sub-intensive. Accade a volte che alcuni pazienti in sub-intensiva vengano spostati in terapia intensiva per gestirli in maggiore sicurezza. Molti operatori sanitari si stanno ammalando di Covid e non possono lavorare anche se sono asintomatici. Ciò può comportare il rischio di chiusura di interi reparti».

Secondo Minniti molti malati di Covid che dovrebbero essere curati a casa vengono dunque curati in terapia sub-intensiva, così come alcuni malati che andrebbero curati in sub-intensiva vengono portati in intensiva per una maggior sicurezza. «Ciò però comporta – spiega Minniti – che se un domani dovesse verificarsi un’impennata di casi noi avremo posti letto già occupati, e questo non va bene».

Secondo il Presidente di AAROI-EMAC Calabria, dunque, al momento le strutture non sono ancora sotto pressione ma ciò non significa che non esistano criticità: «La vera questione è il territorio, dove le cure primarie non funzionano. I medici di Medicina Generale, delle Usca e di continuità assistenziale dovrebbero fare il loro lavoro sulla fetta maggiore di pazienti Covid, ovvero i paucisintomatici, i quali andrebbero curati a casa e non nelle strutture sanitarie regionali. Se lo fai e lo fai bene, l’esperienza della prima ondata ci ha mostrato che queste persone non arriveranno in terapia intensiva».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, trend in continuo miglioramento: 4 Regioni a rischio moderato
Rt a 0.83, variante delta predominante in Italia. Incidenza sotto i 50 casi su 100mila abitanti. Sicilia torna in zona bianca
«Per il 118 servono le competenze di medici e infermieri ospedalieri». Vergallo (Aaroi-Emac) spiega le ragioni della Carta di Riva del Garda
«L’estromissione degli ospedalieri dall’emergenza-urgenza extra ospedaliera è scandalosa», spiega il Presidente degli anestesisti rianimatori, che chiede la revisione del DM 70 per aumentare i mezzi di soccorso demedicalizzati
di Francesco Torre
Malattie cardiovascolari prima causa di morte in Italia. Il 63% dei medici cerca nuove forme di connessione con pazienti
Lo studio IQVIA-Sanofi, in collaborazione con la Fondazione Italiana per il Cuore, fotografa l'impatto del Covid nelle malattie cardiovascolari. In conseguenza alla riduzione delle visite, anche l’aderenza alle terapie è diminuita in modo significativo
BPER Banca eroga 100mila euro alle famiglie degli infermieri colpiti da Covid
La donazione alla FNOPI per sostenere la raccolta “Noi con gli infermieri”
Dal post Covid al PNRR. Aiop: «Nel Lazio si punta a sinergia pubblico-privato»
Dopo il Covid e con i finanziamenti inseriti nel PNRR, quale modello di sanità nascerà per i cittadini? Questo il tema dibattuto venerdì sera al Chiostro del Bramante durante la tavola rotonda “La nuova sanità dopo il PNRR” organizzato da AIOP Lazio nel corso della quale, moderati dal giornalista Gerardo D’Amico, si sono confrontati l’Assessore […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 ottobre, sono 239.611.288 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.882.126 i decessi. Ad oggi, oltre 6,57 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...