Giovani 20 Dicembre 2016

Braccialetti Rossi spiega rapporto medico-paziente. Tidona (dottor Alfredi): «Finzione che diventa realtà…»

L’attore Andrea Tidona ci racconta la sua esperienza sul set: «Ho capito quanto il ruolo del medico sia fondamentale non solo dal punto di vista scientifico ma anche umano. La serie tv getta luce sui malati di cancro e sensibilizza l’opinione pubblica»

Sensibilizzare l’opinione pubblica nei confronti dei malati di cancro, questo uno degli obiettivi di Braccialetti Rossi, la fiction della Rai che taglia il traguardo della 3° serie con 4 milioni 820 mila spettatori. Tratta dal libro dello scrittore spagnolo Albert Espinosa, la serie tv racconta le vicende dei Braccialetti Rossi, un gruppo di ragazzi ricoverati in ospedale che stringono amicizia e fondano un gruppo per sostenersi a vicenda. «Da parte del pubblico scatta un’emozione enorme, ed è proprio questa emozione che ha donato il successo alla fiction» racconta ai nostri microfoni Andrea Tidona che interpreta il dottor Alfredi nella serie.

«Il mio personaggio non è solo un medico, ma un uomo che ascolta, incoraggia e rappresenta un punto di riferimento per i suoi pazienti» spiega l’attore siciliano che racconta quanto la finzione si trasformi in realtà quando si trattano temi così delicati, «inevitabilmente subentra un coinvolgimento che spezza i meccanismi della finzione – prosegue – quando ci sei dentro ti rendi conto che la malattia, il dolore degli altri, la vita degli altri, entra nella tua e ti trasforma, ti cambia, ti regala un altro punto di vista».

Braccialetti Rossi ha saputo coniugare vicende di amore e di amicizia con la drammaticità di una malattia che purtroppo in alcuni casi non lascia scampo, soprattutto quando ad esserne colpiti sono pazienti giovani. «Braccialetti Rossi ha abbattuto delle barriere, ha saputo restituire la ‘normalità’ anche ai malati di tumore che hanno bisogno di vivere, di provare emozioni e combattere senza lasciarsi sopraffare» racconta Tidona che spiega inoltre quanto per gli stessi malati e per le loro famiglie la fiction abbia rappresentato un sostegno. «Abbiamo ricevuto tante email da parte di persone purtroppo afflitte dal cancro o legate affettivamente ai malati, ci hanno ringraziato perché abbiamo abolito dei tabù e gettato luce su quella realtà a cui molti non vogliono pensare».

«Indossando il camice bianco – prosegue l’attore – ho capito quanto il ruolo del medico sia importante non solo dal punto di vista scientifico, ma anche dal punto di vista umano. Il mio personaggio è un medico attento alle esigenze dei malati e oltre a curarli li supporta psicologicamente e aiuta le famiglie ad affrontare il dolore. I medici rappresentano una guida e insieme ai genitori devono fare squadra, soprattutto quando si tratta di giovani malati che hanno il diritto di vivere intensamente come tutti gli altri».

Per approfondire il tema dell’ospedalizzazione dei giovani pazienti: “Palle di Natale”: boom sul web della canzone dei ragazzi dell’Istituto Tumori

Braccialetti rossi, la Gallery della serie tv:

 

Articoli correlati
Giornata “Camici bianchi”, Fnopi: «La politica non (ri-)conosce gli infermieri»
«Così come è in discussione nell’iter parlamentare – spiega Barbara Mangiacavalli - c’è un grave neo: definirla ‘Giornata dei camici bianchi’ è un’assoluta limitazione che non rispecchia l’universo delle professioni e degli operatori impegnati nella lotta a COVID»
Aggredito anestetista al Veneziale di Isernia: «Dopo il pugno ho ugualmente prestato assistenza e solo dopo sono andato in PS»
Per David Di Lello, medico anestesista dell’ospedale Veneziale di Isernia arriva la solidarietà della FNOMCEO. «Chiedo non solo di riattivare il posto di polizia dell’ospedale, ma anche di proteggere le guardie mediche, almeno con un sistema di videosorveglianza - afferma il presidente dell’Ordine dei medici di Isernia - neanche la pandemia ha posto un argine alle violenze subite dal personale sanitario»
Medici in mobilitazione permanente: «Il 29 maggio grande atto di resistenza»
Così in una nota Il Coordinamento promotore della mobilitazione nazionale
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
Covid-19 e responsabilità medica, D’Elia (Procura Roma): «Mi chiedo se legge Gelli sia adeguata all’emergenza»
Nel confronto su Covid e responsabilità medica tra medici, avvocati e giuristi dell’Università Cattolica e Fondazione Policlinico A. Gemelli, si prospettano i possibili scenari del contenzioso medico legale post-epidemia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco