Salute 20 Dicembre 2016 11:20

Braccialetti Rossi spiega rapporto medico-paziente. Tidona (dottor Alfredi): «Finzione che diventa realtà…»

L’attore Andrea Tidona ci racconta la sua esperienza sul set: «Ho capito quanto il ruolo del medico sia fondamentale non solo dal punto di vista scientifico ma anche umano. La serie tv getta luce sui malati di cancro e sensibilizza l’opinione pubblica»

Sensibilizzare l’opinione pubblica nei confronti dei malati di cancro, questo uno degli obiettivi di Braccialetti Rossi, la fiction della Rai che taglia il traguardo della 3° serie con 4 milioni 820 mila spettatori. Tratta dal libro dello scrittore spagnolo Albert Espinosa, la serie tv racconta le vicende dei Braccialetti Rossi, un gruppo di ragazzi ricoverati in ospedale che stringono amicizia e fondano un gruppo per sostenersi a vicenda. «Da parte del pubblico scatta un’emozione enorme, ed è proprio questa emozione che ha donato il successo alla fiction» racconta ai nostri microfoni Andrea Tidona che interpreta il dottor Alfredi nella serie.

«Il mio personaggio non è solo un medico, ma un uomo che ascolta, incoraggia e rappresenta un punto di riferimento per i suoi pazienti» spiega l’attore siciliano che racconta quanto la finzione si trasformi in realtà quando si trattano temi così delicati, «inevitabilmente subentra un coinvolgimento che spezza i meccanismi della finzione – prosegue – quando ci sei dentro ti rendi conto che la malattia, il dolore degli altri, la vita degli altri, entra nella tua e ti trasforma, ti cambia, ti regala un altro punto di vista».

Braccialetti Rossi ha saputo coniugare vicende di amore e di amicizia con la drammaticità di una malattia che purtroppo in alcuni casi non lascia scampo, soprattutto quando ad esserne colpiti sono pazienti giovani. «Braccialetti Rossi ha abbattuto delle barriere, ha saputo restituire la ‘normalità’ anche ai malati di tumore che hanno bisogno di vivere, di provare emozioni e combattere senza lasciarsi sopraffare» racconta Tidona che spiega inoltre quanto per gli stessi malati e per le loro famiglie la fiction abbia rappresentato un sostegno. «Abbiamo ricevuto tante email da parte di persone purtroppo afflitte dal cancro o legate affettivamente ai malati, ci hanno ringraziato perché abbiamo abolito dei tabù e gettato luce su quella realtà a cui molti non vogliono pensare».

«Indossando il camice bianco – prosegue l’attore – ho capito quanto il ruolo del medico sia importante non solo dal punto di vista scientifico, ma anche dal punto di vista umano. Il mio personaggio è un medico attento alle esigenze dei malati e oltre a curarli li supporta psicologicamente e aiuta le famiglie ad affrontare il dolore. I medici rappresentano una guida e insieme ai genitori devono fare squadra, soprattutto quando si tratta di giovani malati che hanno il diritto di vivere intensamente come tutti gli altri».

Per approfondire il tema dell’ospedalizzazione dei giovani pazienti: “Palle di Natale”: boom sul web della canzone dei ragazzi dell’Istituto Tumori

Braccialetti rossi, la Gallery della serie tv:

 

Articoli correlati
«Legittimo l’obbligo vaccinale per il personale sanitario», Consiglio di Stato boccia ricorso medici
Respinta l'istanza presentata da medici e farmacisti del Friuli-Venezia Giulia. Per i giudici l’obbligo vaccinale «non si fonda solo sulla relazione di cura e fiducia tra paziente e personale sanitario, ma anche sul più generale dovere di solidarietà che grava su tutti i cittadini»
Crisi sistema emergenza territoriale, le soluzioni del 78° congresso nazionale Fimmg
Fimmg Es lancia la propria proposta per rivedere le modalità di accesso al Sistema di Emergenza Sanitaria Territoriale
Isole senza sanitari, Donigaglia (Anspi): «Manca il 25% del personale. Servono incentivi economici»
Il presidente dell’Associazione nazionale sanitaria delle piccole isole: «Le isole sono territori poco appetibili perché costa raggiungerle e viverci. Le scarse casistiche di prestazioni e interventi chirurgici compromettono la preparazione sul campo e la possibilità di far carriera»
di Isabella Faggiano
Dal divieto di lavoro notturno al sostegno al reddito, le proposte FAVO per i lavoratori con malattia oncologica
Nel corso dell’audizione in commissione Lavoro alla Camera, i rappresentanti della Federazione delle Associazioni di Volontariato in Oncologia hanno spiegato che le norme a tutela di questi lavoratori non sono sufficienti: «Garantire i diritti costituzionali alla salute ed al lavoro»
di Francesco Torre
Responsabilità del medico in caso di omessa informazione
Novità sul consenso informato, grazie ad una recente sentenza della Corte di Cassazione. Quando è responsabile il medico?
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano