Salute 23 dicembre 2016

“Palle di Natale”: boom sul web della canzone dei ragazzi dell’Istituto Tumori di Milano

Dal reparto di Pediatria Oncologica dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano arriva una canzone che commuove la rete. I giovani pazienti raccontano con la musica il loro percorso di cura e trasformano l’ospedale in un luogo non solo di malattia, ma anche di vita

Tra le hit di questo Natale a sorpresa spunta una canzone che fa bene anche al cuore: “Palle di Natale” (Smile, It’s Christmas Day) è un brano scritto e cantato dagli adolescenti de “Il Progetto Giovani” della Pediatria Oncologica della Fondazione Irccs – Istituto Nazionale dei Tumori. In un’atmosfera un po’ alla Braccialetti Rossi, la fiction record d’ascolti su un gruppo di giovani ricoverati in ospedale, dove il delicato tema dell’ospedalizzazione dei ragazzi s’intreccia all’incontenibile voglia di vivere e di lottare contro la malattia, la degenza in corsia durante le feste natalizie è stata messa in musica, e la risposta del web è stata immediata e massiccia. «L’iniziativa è nata grazie a Progetto Giovani una realtà che vuole non solo garantire la qualità delle cure, ma anche trasformare l’ospedale in un luogo dove i ragazzi possano ritrovare le situazioni normali della vita di tutti i giorni» spiega il dottor Andrea Ferrari, oncologo pediatrico e responsabile del progetto.

«Tra le iniziative che abbiamo promosso ci sono mostre fotografiche, eventi sportivi, incontri per confrontarsi su varie tematiche che possono interessare i giovani pazienti – prosegue Ferrari -.  Questa canzone pensata in occasione del Natale, vuole mandare un messaggio: si può vivere anche in corsia. E sono i ragazzi a raccontarlo attraverso la loro voce. L’ospedale infatti non è solo luogo di cura ma è anche una casa. Significativa in questo senso è una frase della canzone che recita ‘l’universo è in una stanza’ perché per questi ragazzi l’ospedale è un piccolo mondo».

In sole 24 ore il video della canzone, messo online su Youtube, è stato visualizzato da oltre 1 milione e 300mila utenti della Rete e il passaparola procede anche tramite i social network e WhatsApp. Ma qual è il segreto di questo successo? Il primo fattore scatenante è stato sicuramente il titolo, quel provocatorio e simpatico “Palle di Natale” scelto proprio dai giovanissimi pazienti soprattutto per evocare un po’ le teste dei ragazzi sottoposti a chemioterapia. Ma la vera forza del brano sta proprio nella voglia di raccontare un Natale diverso, grazie a un emozionante video dove è evidente la voglia dei 29 ragazzi protagonisti (18 in cura e 11 fuori trattamento) di trascorrere comunque le feste in allegria.

«Non ci aspettavamo una risposta così importante – prosegue il medico – è stata una piacevolissima sorpresa. Per noi è molto importante sensibilizzare l’opinione pubblica su queste tematiche, in particolare riuscire a puntare l’attenzione su questa tipologia di pazienti, gli adolescenti che, rispetto a tutti, sono i casi più delicati. I pazienti in età adolescenziale li definirei ‘una terra di mezzo’ perché non possono essere trattati nel reparto pediatrico, visti i limiti di età, ma allo stesso tempo sono troppo giovani per essere inseriti nei reparti di cura destinati agli adulti. Per questo, tra le altre cose, Progetto Giovani ha anche come obiettivo l’avvio di protocolli clinici e il supporto psicosociale dedicato a questi pazienti speciali».

“Palle di Natale” è stato presentato lo scorso 28 novembre a Milano nel corso di una conferenza stampa nell’Aula Bonadonna dell’Istituto Nazionale dei Tumori ed è già un tormentone grazie a strofe come: «Natale ha senso se tu sei con me, la festa è pronta e sai che c’è, che non mi perdo neanche un attimo se siamo qui e non è un film, niente può dividerci». “Palle di Natale” e tutto il Progetto Giovani sono stati sostenuti dall’Associazione Bianca Garavaglia: la canzone è scaricabile anche su iTunes e il ricavato aiuterà a sostenere i progetti della onlus.

Articoli correlati
Sanità, al via Congresso annuale ESMO: «Da melanoma a glioblastoma, immunoterapia grande speranza»
Gli specialisti dell’Istituto Oncologico Veneto saranno tra i protagonisti del Congresso annuale dell'European Society of Medical Oncology (ESMO) che si apre a Monaco di Baviera dal 19 al 23 ottobre. Nell'edizione 2018 del Congresso sarà l’immunoterapia la prospettiva terapeutica a dettare la linea delle sessioni più importanti
Novo Nordisk apre uno stabilimento per produrre terapie a base di cellule staminali in California
Novo Nordisk aprirà nel 2019 un sito produttivo per lo sviluppo e la produzione di terapie a base di cellule staminali a Fremont in California. Lo stabilimento sarà destinato a fornire cure basate sulle cellule staminali per i programmi di sperimentazione clinica di Novo Nordisk negli ambiti del diabete tipo 1 e di altre gravi […]
Tumori testa e collo, al via “Make Sense Campaign”. Con diagnosi precoce il 90% dei pazienti guarisce
«È fondamentale offrire viste gratuite in un momento di crisi economica in cui 15 milioni di italiani non hanno la possibilità di curarsi. Parteciperò personalmente all’iniziativa in piazza a Torino». La senatrice azzurra presenta la campagna di sensibilizzazione dedicata a questo tipo di patologie tumorali
di Isabella Faggiano
Rete 5G, rischi e opportunità per le connessioni del futuro. I medici ISDE: «Danni a fertilità. Niente ‘crociate’ ma applicare principio di precauzione»
Sarà commercializzata nel 2020, già partita l'asta. Il segretario dell’Associazione dei Medici per l’Ambiente Italia spiega i dubbi sulla rete di quinta generazione: «Ci sarà una moltiplicazione dei ripetitori. Servono pratiche di monitoraggio parallele a questa enorme dilatazione dell’esposizione all’elettromagnetismo»
Pediatria, accordo Asl Roma 1 – Bambino Gesù: percorsi di cura integrati per i piccoli pazienti
Percorsi di cura e assistenza sanitaria integrata per i bambini e gli adolescenti di Roma residenti nel territorio della ASL Roma 1. È il risultato di un accordo siglato tra la ASL Roma 1 e l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù. A sottoscrivere l’intesa il Direttore Generale della ASL Roma 1, Angelo Tanese, e il presidente dell’Ospedale Pediatrico […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...