Salute 19 Novembre 2020 17:03

Baricitinib, il farmaco contro l’artrite riduce del 70% i decessi degli anziani per Covid-19?

Per comprendere accuratamente cosa dica la pubblicazione, Sanità Informazione ha intervistato Roberto Gerli, Presidente della Società Italiana di Reumatologia

di Peter D'Angelo
Baricitinib, il farmaco contro l’artrite riduce del 70% i decessi degli anziani per Covid-19?

Secondo il Daily Mail un farmaco contro l’artrite (il Baricitinib) ridurrebbe le morti nei pazienti ricoverati in ospedale con Covid-19 di ben due terzi. Ma è veramente così? Prima di considerare le conclusioni della pubblicazione scientifica, è necessario chiarire che la quasi totalità dei pazienti erano in terapia combinata con altri farmaci: «Il 95% dei pazienti italiani era in terapia con corticosteroidi, idrossiclorochina, eparina e antibiotici, e poi c’era un gruppo di pazienti (circa il 40%) cui veniva somministrata anche Anakinra». Per comprendere accuratamente cosa dica la pubblicazione, Sanità Informazione ha intervistato Roberto Gerli, Presidente della SIR, Società Italiana di Reumatologia.

Presidente, che tipologia di studio è questo?

«È uno studio osservazionale, quindi senza una randomizzazione. Questa è una delle problematiche della maggioranza degli studi che sono stati fatti sul Covid-19».

Come è strutturata la sperimentazione? La mortalità è veramente ridotta del 70%?

«I ricercatori hanno radunato due gruppi di pazienti, un gruppo italiano e l’altro spagnolo. Le dosi di Baricitinib non sono state esattamente le stesse, nei due gruppi: nei pazienti spagnoli erano in alcuni casi inferiori perché avevano arruolato soggetti più anziani. Non solo, c’è anche una differenza riguardo al “periodo” di trattamento: mentre gli italiani hanno fatto un periodo di tempo più prolungato, il gruppo spagnolo ha fatto un trattamento di almeno tre giorni. Quindi da quello che risulta potrebbero esserci dei pazienti che sono stati trattati soltanto per tre giorni. È uno studio che ha alcune buone premesse ma di conclusioni certe non ne dà, come sta succedendo con la maggior parte di questi studi».

Ci sono altri elementi significativi?

«La problematica delle terapie “concomitanti”. Ad esempio, il 95% dei pazienti italiani era in terapia con corticosteroidi, di quelli che erano in terapia con Baricitinib quasi tutti erano trattati con idrossiclorochina, eparina, antibiotici, e poi c’era un gruppo di pazienti, circa il 40%, che faceva anche Anakinra, un inibitore dell’interleuchina 1 che viene sperimentato in queste situazioni».

Quale conclusione si può trarre da questo studio?

«Diciamo che c’è qualche dato potenziale, ovvero i ricercatori avrebbero visto che i pazienti in Baricitinib muoiono un po’ meno e vanno un po’ meno verso la ventilazione assistita meccanica. Il problema è che non è uno studio RCT (randomizzato) quindi questa è una criticità abbastanza importante e con tutte le problematiche che ho detto di diversità delle tipologie dei pazienti scelti, diversità dei trattamenti e durata, e le terapie di combinazione con più farmaci insieme, rendono complicato trarre precise conclusioni».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Caldo record: a luglio +21% di decessi. Anziani categoria più a rischio, soprattutto se malati cronici
I dati sono emersi dall’ultimo bollettino del sistema di sorveglianza del Ministero della Salute, che esamina i decessi tra le persone con oltre 65 anni di età in 33 città. Temperature e mortalità superiori alla media stagionale già dal mese di maggio, con picchi, tra fine giugno e la prima settimana di luglio, tra i 37 e i 40 gradi
Il cerotto intelligente: lo applichi sulla pelle e ti “dice” come stai
I ricercatori dell’Università di Chicago: «Il nostro dispositivo è dotato di un chip che, imitando il cervello umano, è in grado di raccogliere dati da più biosensori e trarre conclusioni sulla salute di una persona». In futuro potrebbe essere utilizzato anche per inviare avvisi a pazienti e medici in caso di necessità
Studio rivela il sintomo Covid che colpisce i vaccinati
I dati raccolti dall'App ZOE Health Study indicano stato un aumento delle segnalazioni di diarrea nel gennaio 2022 tra i vaccinati. Il sintomo dura in media 2-3 giorni
Covid, Fiaso: «Giù del 20% i ricoveri nell’ultima settimana, -22% nelle terapie intensive»
Le terapie intensive segnano un -22% rispetto alla settimana precedente e un indice di occupazione del 4,4%. In calo del 27% i ricoveri Covid pediatrici negli ospedali aderenti al network sentinella di Fiaso
Vaccini adattati alle varianti per l’autunno-inverno: accordo tra Ue e Moderna
Moderna sposta dall'estate in corso al prossimo inverno i calendari di consegna dei vaccini agli Stati membri, quando ce ne sarà più bisogno. La commissaria Ue alla Salute Kyriakides: «In autunno ci saranno vaccini adattati alle varianti Covid»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale