Salute 19 Novembre 2020 17:03

Baricitinib, il farmaco contro l’artrite riduce del 70% i decessi degli anziani per Covid-19?

Per comprendere accuratamente cosa dica la pubblicazione, Sanità Informazione ha intervistato Roberto Gerli, Presidente della Società Italiana di Reumatologia

di Peter D'Angelo
Baricitinib, il farmaco contro l’artrite riduce del 70% i decessi degli anziani per Covid-19?

Secondo il Daily Mail un farmaco contro l’artrite (il Baricitinib) ridurrebbe le morti nei pazienti ricoverati in ospedale con Covid-19 di ben due terzi. Ma è veramente così? Prima di considerare le conclusioni della pubblicazione scientifica, è necessario chiarire che la quasi totalità dei pazienti erano in terapia combinata con altri farmaci: «Il 95% dei pazienti italiani era in terapia con corticosteroidi, idrossiclorochina, eparina e antibiotici, e poi c’era un gruppo di pazienti (circa il 40%) cui veniva somministrata anche Anakinra». Per comprendere accuratamente cosa dica la pubblicazione, Sanità Informazione ha intervistato Roberto Gerli, Presidente della SIR, Società Italiana di Reumatologia.

Presidente, che tipologia di studio è questo?

«È uno studio osservazionale, quindi senza una randomizzazione. Questa è una delle problematiche della maggioranza degli studi che sono stati fatti sul Covid-19».

Come è strutturata la sperimentazione? La mortalità è veramente ridotta del 70%?

«I ricercatori hanno radunato due gruppi di pazienti, un gruppo italiano e l’altro spagnolo. Le dosi di Baricitinib non sono state esattamente le stesse, nei due gruppi: nei pazienti spagnoli erano in alcuni casi inferiori perché avevano arruolato soggetti più anziani. Non solo, c’è anche una differenza riguardo al “periodo” di trattamento: mentre gli italiani hanno fatto un periodo di tempo più prolungato, il gruppo spagnolo ha fatto un trattamento di almeno tre giorni. Quindi da quello che risulta potrebbero esserci dei pazienti che sono stati trattati soltanto per tre giorni. È uno studio che ha alcune buone premesse ma di conclusioni certe non ne dà, come sta succedendo con la maggior parte di questi studi».

Ci sono altri elementi significativi?

«La problematica delle terapie “concomitanti”. Ad esempio, il 95% dei pazienti italiani era in terapia con corticosteroidi, di quelli che erano in terapia con Baricitinib quasi tutti erano trattati con idrossiclorochina, eparina, antibiotici, e poi c’era un gruppo di pazienti, circa il 40%, che faceva anche Anakinra, un inibitore dell’interleuchina 1 che viene sperimentato in queste situazioni».

Quale conclusione si può trarre da questo studio?

«Diciamo che c’è qualche dato potenziale, ovvero i ricercatori avrebbero visto che i pazienti in Baricitinib muoiono un po’ meno e vanno un po’ meno verso la ventilazione assistita meccanica. Il problema è che non è uno studio RCT (randomizzato) quindi questa è una criticità abbastanza importante e con tutte le problematiche che ho detto di diversità delle tipologie dei pazienti scelti, diversità dei trattamenti e durata, e le terapie di combinazione con più farmaci insieme, rendono complicato trarre precise conclusioni».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Giornata nazionale contro Leucemie, Mielomi e Linfomi: il punto su ricerca e nuove terapie
Il 21 giugno specialisti ed ematologi di AIL risponderanno alle domande dei pazienti, dalle 8 alle 20, al numero verde 800226524. L'obiettivo è raccontare i progressi della ricerca e il supporto avuto durante la pandemia da Covid dalla telemedicina e dai volontari
di Federica Bosco
Con la FitnessWalk il benessere dopo il Covid si ritrova camminando a ritmo di musica
Per la dottoressa Marisa Gualea (medico di medicina dello sport Università di Pavia) è importante camminare e praticare attività aerobica personalizzata. Per provare la FitnessWalk e sostenere il progetto di ricerca per sconfiggere il tumore al seno con le nanosfere d’oro intelligenti, appuntamento con la Yac FitnessWalk il 24 giugno a Pavia
di Federica Bosco
Vaccino anti-Covid. Le risposte del professor Lanzone su gravidanza, allattamento e fertilità
Il direttore di Ostetricia del Gemelli: «Il vaccino anti-Covid non è sconsigliato né in gravidanza, né in allattamento. Non c’è nessuna correlazione validata scientificamente con alterazioni del ciclo mestruale o interazioni con la pillola anticoncezionale»
di Isabella Faggiano
Giornata mondiale dei donatori di sangue, in Toscana cresce il numero dei “supereroi”
Intervista ad Adelmo Agnolucci, presidente di Avis Toscana uscente: «Le donazioni di sangue, plasma e multicomponenti di Avis nel 2020 sono aumentate dell'1,5%. Gli uomini oggi rappresentano il 63% dei donatori, contro il 37% di donatrici. Al contrario i donatori tra i 18 e i 25 anni sono soprattutto donne»
di Federica Bosco
Report Altems: «Se il personale assunto è specializzato anti-Covid, il SSR è “resiliente”»
Lo studio dell’Altems ha incrociato due dati fondamentali: l’assunzione di nuovo personale in tutte le 21 Regioni e Province Autonome italiane e il volume di interventi chirurgici erogati (extra Covid) durante il primo lockdown. Ecco i risultati
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM