Salute 21 Luglio 2020

FederAnziani e Unilever insieme per i nonni in difficoltà: in arrivo duemila box solidali

Al via l’iniziativa “Consegniamo un sorriso” per gli over 65 di numerose città italiane

Immagine articolo

La pandemia ha aggravato molte difficoltà economiche e sociali già esistenti, minacciando nuclei familiari e soprattutto anziani. L’Italia ha organizzato reti di volontariato e iniziative di solidarietà per nonni in difficoltà tra cui “CONSEGNIAMO UN SORRISO”, nata dalla collaborazione tra Senior Italia FederAnziani e Unilever, azienda leader del largo consumo.

Il progetto vede i centri anziani «scendere in campo per sostenere gli anziani in difficoltà, attraverso un gesto concreto di solidarietà. Unilever – spiega FederAnziani in una nota – ha preparato duemila box-regalo con prodotti di uso quotidiano – dai generi alimentari a quelli per l’igiene e la disinfezione personale e della casa – che nei prossimi giorni saranno consegnati nei centri sociali per anziani aderenti alla Federazione delle associazioni della terza età».

«I centri – prosegue FederAnziani – molti dei quali ancora chiusi per le attività ordinarie, si trasformeranno per l’occasione in veri e propri “hub della solidarietà”, capaci di attivarsi e individuare le situazioni più critiche sul territorio, raccogliendo i box e distribuendoli alle famiglie dei senior maggiormente bisognose».

«L’iniziativa “CONSEGNIAMO UN SORRISO” – continua – realizzata con Senior Italia Federcentri, rappresenta un’occasione per sensibilizzare sulle difficoltà materiali e sul bisogno di ascolto e vicinanza di quella parte di popolazione come quella anziana, già duramente colpita dal Coronavirus». «Sono proprio gli anziani ad aver sopportato maggiormente l’isolamento nei mesi passati, per il timore di essere contagiati – dichiara Roberto Messina, Presidente Nazionale Senior Italia FederAnziani – si sono visti costretti a rinunciare agli abbracci dei figli e dei nipotini, ad abitudini quotidiane come andare in chiesa o condividere momenti della propria giornata con i propri amici e conoscenti all’interno dei Centri Sociali per Anziani. Eppure, proprio la rete dei centri anziani ha mostrato una straordinaria capacità di reagire e mantenersi viva, anche solo virtualmente, attraverso le nuove tecnologie come i gruppi Whatsapp e Facebook».

«La riduzione delle diseguaglianze nei nostri presidi territoriali è uno dei percorsi in cui ci siamo maggiormente impegnati in questo lungo e disorientante periodo di pandemia – ha dichiarato Elvia Raia, Presidente Nazionale Senior Italia Federcentri – gesti di solidarietà diffusa, come l’arrivo dei box-regalo presso i centri sociali, offriranno un contributo simbolico di vicinanza, rafforzando la resilienza dei nostri anziani e, come recita lo slogan della campagna, consegnandoci un sorriso!». Roma, Napoli, Vicenza, Genova, Civitanova Marche, Frosinone, Eboli, Matera, Rende (Cs), Calascibetta (En) le città coinvolte nell’iniziativa.

«Unilever è stata vicina all’Italia e ha cercato di dare il massimo contributo sin dai primi momenti dell’emergenza – dichiara Fulvio Guarneri, Presidente di Unilever Italia commentando l’iniziativa – con donazioni economiche e di prodotti alla Croce Rossa Italiana, ad ospedali e a strutture sanitarie. Tuttavia, il nostro impegno e supporto al Paese in cui viviamo e operiamo da più di 50 anni continua anche oltre la prima fase di emergenza. Particolare attenzione la vogliamo riservare alle fasce di popolazione senior e più fragili: lo facciamo portando nelle loro case i prodotti di cui possono aver bisogno nella loro vita quotidiana, dal cibo ai prodotti per la disinfezione e, ancora più importante, un sorriso e un momento di compagnia attraverso la preziosa opera di solidarietà svolta dai volontari di Senior Italia, di cui siamo orgogliosi partner in questa iniziativa» conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Parkinson e Covid-19: quali aspettative? Il simposio al Virtual Congress 2020
Al Virtual International Congress of Parkinson's Disease and Movement Disorders 2020 si è parlato della gestione dei sintomi del Parkinson nel corso della pandemia di COVID-19
Malattia delle valvole cardiache, una patologia grave ma curabile di cui gli italiani sanno poco
Solo il 7,6% degli over 60 sono consapevoli della forma più comune di malattia delle valvole cardiache, la stenosi aortica grave
Piani terapeutici, FNOMCeO: «Estendere proroga fino al 15 ottobre e semplificare procedure prescrittive»
La validità dei piani era stata prorogata fino al 31 agosto. FNOMCeO: «MMG possano prescrivere i farmaci in modo efficace e assumersi la gestione dei pazienti». La posizione di Senior Italia FederAnziani: «Anziché prorogare si dia a MMG e specialisti del territorio facoltà di prescrivere»
Vaccino antinfluenzale, Tinelli (Simit): «Tassativo per gli anziani. Con coperture elevate ci eviteremmo tanti guai»
L'infettivologo: «L’anno scorso si è vaccinato meno del 20% della popolazione e gli anziani non hanno superato il 70%. Questi numeri devono salire. Senza tampone, impossibile distinguere influenza da Covid»
Farmaci e Covid-19, Aifa: «Boom idrossiclorochina, ansiolitici e vitamine»
A fare il punto il Rapporto OsMed presentato dall’Agenzia italiana del farmaco. Il direttore Magrini: «Sforzo di Aifa nella gestione delle carenze. Si è agito per evitare che i malati cronici dovessero andare in ospedale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 18 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto