Salute 28 maggio 2018

AIOP, nuovo presidente è Barbara Cittadini. La video-intervista: «No alla contrapposizione pubblico-privato»

Già vicepresidente nazionale, subentra a Gabriele Pelissero. Le prime parole: «Integrare pubblico e privato per dare una risposta compiuta alla domanda di salute dei cittadini. Il nuovo Governo dovrà tornare ad investire sul SSN oppure attuare una riforma strutturale di sistema»

Immagine articolo

Per la prima volta una donna è alla guida dell’associazione degli Ospedali privati. La siciliana Barbara Cittadini è stata eletta presidente di AIOP per il triennio 2018 – 2021. Subentra a Gabriele Pelissero che lascia dopo sei anni di mandato. Nata a Palermo 51 anni fa, dal 1994 è presidente e legale rappresentante della Casa di Cura Candela S.p.A. di Palermo e da luglio 2006 presidente regionale di AIOP Sicilia e da giugno 2012 vice presidente nazionale di AIOP.

LEGGI ANCHE: AIOP GIOVANI, MICHELE NICCHIO E’ IL NUOVO PRESIDENTE: «TECNOLOGIA E FORMAZIONE PER VINCERE LE SFIDE DELLA SANITA’ DEL FUTURO»

Tra gli altri incarichi, Barbara Cittadini è componente del Gruppo tematico Sanità-Scienze della Vita di Confindustria Nazionale e vicepresidente di Confindustria Palermo con delega alla sanità e politiche socio-economiche.

«Sono molto soddisfatta di questo risultato e ringrazio gli associati per la fiducia e l’affetto che mi hanno dimostrato – ha commentato la neo presidente – . AIOP è quotidianamente impegnata a soddisfare, in maniera efficiente ed efficace, la domanda di salute degli italiani, che continuano a sceglierci per la qualità che le nostre strutture socio-sanitarie offrono». In esclusiva per Sanità Informazione, Barbara Cittadini inquadra il ruolo centrale dell’ospedalità privata all’interno del SSN ed indica le scelte e le azioni prioritarie in ambito sanitario che dovranno essere attuate dal nuovo Governo.

Questa fase di incertezza politica, secondo lei, si può riflettere sul welfare sanitario?

«L’incertezza si può riflettere sicuramente sul welfare sanitario, abbiamo appena finito un convegno nel quale abbiamo parlato di antropologia dell’incertezza: ci hanno spiegato illustri relatori che le condizioni politiche ed economiche nelle quali viviamo determinano un’instabilità che destabilizza il settore. Io, però, sono abituata a ragionare con il pessimismo della ragione e l’ottimismo della volontà. Mi sento di dirle che chiunque sia l’interlocutore del prossimo Governo noi daremo le nostre argomentazioni e saremo supportati dalla forza dei nostri numeri per dimostrare che siamo una risorsa importante preziosa ed indispensabile per il SSN».

LEGGI ANCHE: AIOP GIOVANI, FINISCE IL MANDATO DEL PRESIDENTE MIRAGLIA: «ORGOGLIOSO DI AVER AVVICINATO TANTI RAGAZZI ALL’ASSOCIAZIONE»

Un sistema, due protagonisti: pubblico e privato. Integrarsi per soddisfare il bisogno di salute dei cittadini?

«Assolutamente sì, un po’ per storia personale un pò per formazione culturale io non ho mai ragionato in una logica di contrapposizione pubblico-privato. Siamo due componenti importanti del SSN, come tali ci dobbiamo immaginare e come tali dobbiamo agire perché entrambi abbiamo la responsabilità di dare una risposta compiuta alla domanda di salute degli italiani».

Quali sono le sfide di AIOP e della sanità italiana per i prossimi anni?

«È un discorso complesso, il tema dei temi è quello delle risorse: abbiamo assistito a governi che si sono succeduti che hanno disinvestito in maniera costante e drammatica sul SSN. Chi si insedierà nel nuovo governo avrà l’onere e l’onore di fare delle scelte e dovrà operarne una su tutte: tornare ad investire sul SSN oppure attuare una riforma strutturale di sistema. Qualunque sia la prospettiva futura, noi abbiamo argomentazioni per sederci al tavolo del confronto sapendo che l’AIOP può avere un ruolo centrale in qualunque tipologia di sistema sanitario: sia che rimanga il sistema sanitario universale che il mondo ci invidia con i suoi caratteri di universalità e solidarietà o che diventi un modello misto».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

Articoli correlati
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per il fondo sanitario solo 1 mld in più nel 2019. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno di corso»
A margine della presentazione dell’operazione “Estate tranquilla 2018” dei NAS, il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione sarà graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Ci vuole una programmazione più lunga, non è pensabile esaurire un intero programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Assisi, il metodo WAL (walk and learn) entra a scuola. Massimo Paggi: «Abbiamo aperto una porta sul futuro»
Imparare in movimento è una formula vincente: la studiosa Carla Hannaford ha da tempo confermato l’efficacia del movimento nel processo di apprendimento e nell’educazione infantile. In uno studio fra 500 bambini esaminati, coloro che praticavano più di un’ora di movimento al giorno presentavano un rendimento scolastico migliore di bambini meno attivi. I benefici dell’attività fisica […]
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
Giornata della Salute Mentale, Ministro Grillo al Museo della Mente: «Serve cambiamento culturale per accettare malattia»
Una visita al Museo della Mente dell’ASL Roma 1 (ex manicomio di S. Maria delle Pietà) per celebrare la Giornata mondiale della salute mentale promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per il 10 ottobre. Protagonista il ministro della Salute Giulia Grillo. «Nella Giornata mondiale dedicata alla salute mentale – ha detto Grillo – ho voluto visitare […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila