Salute 28 Maggio 2018

AIOP, nuovo presidente è Barbara Cittadini. La video-intervista: «No alla contrapposizione pubblico-privato»

Già vicepresidente nazionale, subentra a Gabriele Pelissero. Le prime parole: «Integrare pubblico e privato per dare una risposta compiuta alla domanda di salute dei cittadini. Il nuovo Governo dovrà tornare ad investire sul SSN oppure attuare una riforma strutturale di sistema»

Immagine articolo

Per la prima volta una donna è alla guida dell’associazione degli Ospedali privati. La siciliana Barbara Cittadini è stata eletta presidente di AIOP per il triennio 2018 – 2021. Subentra a Gabriele Pelissero che lascia dopo sei anni di mandato. Nata a Palermo 51 anni fa, dal 1994 è presidente e legale rappresentante della Casa di Cura Candela S.p.A. di Palermo e da luglio 2006 presidente regionale di AIOP Sicilia e da giugno 2012 vice presidente nazionale di AIOP.

LEGGI ANCHE: AIOP GIOVANI, MICHELE NICCHIO E’ IL NUOVO PRESIDENTE: «TECNOLOGIA E FORMAZIONE PER VINCERE LE SFIDE DELLA SANITA’ DEL FUTURO»

Tra gli altri incarichi, Barbara Cittadini è componente del Gruppo tematico Sanità-Scienze della Vita di Confindustria Nazionale e vicepresidente di Confindustria Palermo con delega alla sanità e politiche socio-economiche.

«Sono molto soddisfatta di questo risultato e ringrazio gli associati per la fiducia e l’affetto che mi hanno dimostrato – ha commentato la neo presidente – . AIOP è quotidianamente impegnata a soddisfare, in maniera efficiente ed efficace, la domanda di salute degli italiani, che continuano a sceglierci per la qualità che le nostre strutture socio-sanitarie offrono». In esclusiva per Sanità Informazione, Barbara Cittadini inquadra il ruolo centrale dell’ospedalità privata all’interno del SSN ed indica le scelte e le azioni prioritarie in ambito sanitario che dovranno essere attuate dal nuovo Governo.

Questa fase di incertezza politica, secondo lei, si può riflettere sul welfare sanitario?

«L’incertezza si può riflettere sicuramente sul welfare sanitario, abbiamo appena finito un convegno nel quale abbiamo parlato di antropologia dell’incertezza: ci hanno spiegato illustri relatori che le condizioni politiche ed economiche nelle quali viviamo determinano un’instabilità che destabilizza il settore. Io, però, sono abituata a ragionare con il pessimismo della ragione e l’ottimismo della volontà. Mi sento di dirle che chiunque sia l’interlocutore del prossimo Governo noi daremo le nostre argomentazioni e saremo supportati dalla forza dei nostri numeri per dimostrare che siamo una risorsa importante preziosa ed indispensabile per il SSN».

LEGGI ANCHE: AIOP GIOVANI, FINISCE IL MANDATO DEL PRESIDENTE MIRAGLIA: «ORGOGLIOSO DI AVER AVVICINATO TANTI RAGAZZI ALL’ASSOCIAZIONE»

Un sistema, due protagonisti: pubblico e privato. Integrarsi per soddisfare il bisogno di salute dei cittadini?

«Assolutamente sì, un po’ per storia personale un pò per formazione culturale io non ho mai ragionato in una logica di contrapposizione pubblico-privato. Siamo due componenti importanti del SSN, come tali ci dobbiamo immaginare e come tali dobbiamo agire perché entrambi abbiamo la responsabilità di dare una risposta compiuta alla domanda di salute degli italiani».

Quali sono le sfide di AIOP e della sanità italiana per i prossimi anni?

«È un discorso complesso, il tema dei temi è quello delle risorse: abbiamo assistito a governi che si sono succeduti che hanno disinvestito in maniera costante e drammatica sul SSN. Chi si insedierà nel nuovo governo avrà l’onere e l’onore di fare delle scelte e dovrà operarne una su tutte: tornare ad investire sul SSN oppure attuare una riforma strutturale di sistema. Qualunque sia la prospettiva futura, noi abbiamo argomentazioni per sederci al tavolo del confronto sapendo che l’AIOP può avere un ruolo centrale in qualunque tipologia di sistema sanitario: sia che rimanga il sistema sanitario universale che il mondo ci invidia con i suoi caratteri di universalità e solidarietà o che diventi un modello misto».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

Articoli correlati
Tumori del sangue, AIL festeggia 50 anni. Il presidente Amadori: «Grazie al professor Mandelli siamo punto di riferimento nel volontariato sociale»
L’associazione che segue le persone affette da leucemie, linfomi e mieloma dal 1949 traccia un bilancio del suo operato: «Prima la diagnosi di questo tipo di malattia era un dramma per il paziente e per la sua famiglia, ora le cose sono cambiate. Tra i nostri cavalli di battaglia lo sviluppo delle cure domiciliari»
Assunzioni SSN, l’annuncio del Ministro Grillo: «Trovato accordo, tetto di spesa per il personale sarà superato»
Dal 2019 la spesa per il personale non potrà superare il valore del 2018 maggiorato del 5%. Ora la norma, che varrà in tutta Italia, è all’esame delle Regioni
Regionalismo differenziato, incontro FNOMCeO – Regioni. Filippo Anelli: «Garantire le stesse chance di cura a tutti i cittadini»
Il presidente della Federazione degli Ordini dei Medici: «Istituito un gruppo di lavoro per studiare le diseguaglianze regionali. Dai risultati elaboreremo proposte concrete da sottoporre ai vari Governatori»
di Isabella Faggiano
Salute e migrazioni, al via convegno a Palermo. AME: «Arrivano sani, si ammalano qui»
L’Associazione Medici Endocrinologi si riunisce a Palermo: «Nessuna minaccia per la salute pubblica»
Copenaghen vuole raggiungere la migliore qualità di vita al mondo e offrire maggiore salute a tutti i cittadini
Katrine Schjonning, Health Manager della capitale danese, spiega a Sanità Informazione in che modo prevenzione e formazione consentono di ottenere l’ambizioso risultato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone