Salute 25 Maggio 2018 17:03

AIOP Giovani, Michele Nicchio è il nuovo Presidente: «Tecnologie e formazione per vincere la sfida della sanità del futuro»

Succede a Lorenzo Miraglia. Guiderà l’associazione fino al 2021. «Vogliamo cambiare la cultura sanitaria in Italia, far capire che non è un costo ma un investimento per l’economia, per le nostre imprese ma soprattutto per il benessere dei pazienti e dei cittadini italiani», ha detto ai microfoni di Sanità Informazione

AIOP Giovani, Michele Nicchio è il nuovo Presidente: «Tecnologie e formazione per vincere la sfida della sanità del futuro»

È Michele Nicchio è il nuovo Presidente nazionale di AIOP Giovani per il triennio 2018 – 2021, nominato al termine dell’Assemblea elettiva dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata, che si è svolta a Roma. Subentra a Lorenzo Miraglia, designato nel 2015.

Nicchio è nato a Mantova nel 1981. Dopo aver conseguito il diploma di maturità classica al Liceo Virgilio di Mantova, si laurea nel 2005 in Economia Aziendale presso l’Università commerciale Luigi Bocconi di Milano con una tesi sulle partnership pubblico-private per gli investimenti nel settore ospedaliero. Inizia la propria esperienza professionale in ambito sanitario e socio-assistenziale all’interno del gruppo di famiglia, il Gruppo Mantova Salus (GMS), attivo in Lombardia nella gestione di Residenze Polispecialistiche per Anziani, Centri diagnostici ambulatoriali, Presidi Ospedalieri per acuti e Strutture di Riabilitazione. Oggi è rappresentante legale delle RSA Beata Paola di Volta Mantovana e Villa Azzurra di Borgoforte, amministratore unico del Centro Diagnostico Ambulatoriale Green.

«È un onore aver meritato la fiducia che tanti amici e colleghi mi hanno accordato. Ed è anche una grande responsabilità guidare la sezione in un momento così delicato come quello che il nostro Servizio Sanitario Nazionale sta vivendo negli ultimi anni» ha detto Nicchio subito dopo la designazione.

Presidente, quali sono le sfide per la sanità privata e quelle per la sanità pubblica del futuro?

«Per quanto mi riguarda non penso ci sia una sanità privata e una sanità pubblica ma una sanità unica. Quest’anno il Sistema sanitario compie quarant’anni e la conquista vera del nostro Ssn è che è un sistema universalistico e solidale. Questi sono i due concetti fondamentali che non dobbiamo perdere di vista. In questi anni si è continuato a parlare di Sistema sanitario come di un costo, questa è la sfida che vogliamo vincere, cambiare la cultura sanitaria in Italia, far capire alle persone che non è un costo ma un investimento per tutto l’indotto, per le nostre imprese ma soprattutto per il benessere dei pazienti e dei cittadini italiani».

Abbiamo visto che nelle relazioni del Congresso AIOP è emersa la grande importanza dell’innovazione, della tecnologia. Una medicina che comunque fa passi da giganti, evolve continuamente. Anche il personale sanitario e tutti gli operatori coinvolti sono chiamati a stare al passo con questa sfida…

«Assolutamente, l’Information Technology oggi come oggi gioca un ruolo fondamentale. Si parla di big data, bitcoin, blockchain. Tutte queste tecnologie devono aiutare a far girare velocemente il dato, condividere di più, non solo comunicare, ma mettere tutte le informazioni a disposizione sia del paziente che dei tecnici, dei sanitari, per migliorare i percorsi di cura».

In particolare quali saranno i compiti della sua AIOP Giovani?

«Come AIOP Giovani ci siamo dati alcuni obiettivi fondamentali. Innanzitutto continuare con il percorso legato alla formazione. AIOP Giovani nasce come una palestra formativa per i giovani delle strutture sanitarie private, quindi continuare lungo questo percorso, formazione sia interna che esterna. Uno dei nostri fiori all’occhiello sono i nostri ‘study tour’ che facciamo annualmente in giro per il mondo per studiare gli altri Sistemi sanitari. Sicuramente un’altra cosa importante è continuare, oltre alla formazione, il percorso di comunicazione, oggi come oggi esistono le tecnologie digitali, i social, mezzi che sono alla portata della nostra generazione e che dobbiamo usare principalmente per farci conoscere e per conoscere».

LEGGI ANCHE: CENSIS E AIOP, L’85% DEGLI ITALIANI VUOLE SCEGLIERE LIBERAMENTE IL MEDICO E L’OSPEDALE TRA PUBBLICO E PRIVATO

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Sanità, ambiente e territorio: nasce l’Associazione Terra e Vita, trait d’union tra cittadinanza e istituzioni
I fondatori Cappiello e Rostan: «Mettiamo a sistema idee e competenze in un’ottica di salute globale»
Covid: terapia domiciliare fondamentale, no a cortisone e antibiotici
Nel corso di formazione professionale ECM di Consulcesi “La gestione del paziente Covid-19 nel contesto domiciliare” tutte le informazioni più aggiornate con la consulenza di Emanuele Nicastri, direttore malattie infettive Istituto Spallanzani di Roma
Cure domiciliari, Nicastri (Spallanzani): «Antivirali, cortisone ed eparina solo in ospedale»
Il corso Fad realizzato dal provider di Consulcesi Club affronta gli aspetti relativi all’assistenza domiciliare dei positivi al Sars-Cov-2, dalla diagnosi alla negativizzazione. Rossi (Uscar Lazio): «Terapie inappropriate possono causare un peggioramento della patologia»
Covid: con pandemia aumentano allergie da ‘interni’
Gli acari i principali nemici. I rimedi degli esperti per rimuoverli
Piano di Ripresa e Resilienza, via libera definitivo al Senato. La politica dà i voti alle misure sulla sanità
Il rafforzamento della medicina territoriale convince tutti i partiti, ma non mancano i distinguo. Castellone (M5S): «Grande assente la riforma del 118». Binetti (Udc): «Guai a dimenticare le patologie non Covid». Bocciatura da Fratelli d’Italia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...