Salute 25 Maggio 2018

AIOP Giovani, Michele Nicchio è il nuovo Presidente: «Tecnologie e formazione per vincere la sfida della sanità del futuro»

Succede a Lorenzo Miraglia. Guiderà l’associazione fino al 2021. «Vogliamo cambiare la cultura sanitaria in Italia, far capire che non è un costo ma un investimento per l’economia, per le nostre imprese ma soprattutto per il benessere dei pazienti e dei cittadini italiani», ha detto ai microfoni di Sanità Informazione

Immagine articolo

È Michele Nicchio è il nuovo Presidente nazionale di AIOP Giovani per il triennio 2018 – 2021, nominato al termine dell’Assemblea elettiva dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata, che si è svolta a Roma. Subentra a Lorenzo Miraglia, designato nel 2015.

Nicchio è nato a Mantova nel 1981. Dopo aver conseguito il diploma di maturità classica al Liceo Virgilio di Mantova, si laurea nel 2005 in Economia Aziendale presso l’Università commerciale Luigi Bocconi di Milano con una tesi sulle partnership pubblico-private per gli investimenti nel settore ospedaliero. Inizia la propria esperienza professionale in ambito sanitario e socio-assistenziale all’interno del gruppo di famiglia, il Gruppo Mantova Salus (GMS), attivo in Lombardia nella gestione di Residenze Polispecialistiche per Anziani, Centri diagnostici ambulatoriali, Presidi Ospedalieri per acuti e Strutture di Riabilitazione. Oggi è rappresentante legale delle RSA Beata Paola di Volta Mantovana e Villa Azzurra di Borgoforte, amministratore unico del Centro Diagnostico Ambulatoriale Green.

«È un onore aver meritato la fiducia che tanti amici e colleghi mi hanno accordato. Ed è anche una grande responsabilità guidare la sezione in un momento così delicato come quello che il nostro Servizio Sanitario Nazionale sta vivendo negli ultimi anni» ha detto Nicchio subito dopo la designazione.

Presidente, quali sono le sfide per la sanità privata e quelle per la sanità pubblica del futuro?

«Per quanto mi riguarda non penso ci sia una sanità privata e una sanità pubblica ma una sanità unica. Quest’anno il Sistema sanitario compie quarant’anni e la conquista vera del nostro Ssn è che è un sistema universalistico e solidale. Questi sono i due concetti fondamentali che non dobbiamo perdere di vista. In questi anni si è continuato a parlare di Sistema sanitario come di un costo, questa è la sfida che vogliamo vincere, cambiare la cultura sanitaria in Italia, far capire alle persone che non è un costo ma un investimento per tutto l’indotto, per le nostre imprese ma soprattutto per il benessere dei pazienti e dei cittadini italiani».

Abbiamo visto che nelle relazioni del Congresso AIOP è emersa la grande importanza dell’innovazione, della tecnologia. Una medicina che comunque fa passi da giganti, evolve continuamente. Anche il personale sanitario e tutti gli operatori coinvolti sono chiamati a stare al passo con questa sfida…

«Assolutamente, l’Information Technology oggi come oggi gioca un ruolo fondamentale. Si parla di big data, bitcoin, blockchain. Tutte queste tecnologie devono aiutare a far girare velocemente il dato, condividere di più, non solo comunicare, ma mettere tutte le informazioni a disposizione sia del paziente che dei tecnici, dei sanitari, per migliorare i percorsi di cura».

In particolare quali saranno i compiti della sua AIOP Giovani?

«Come AIOP Giovani ci siamo dati alcuni obiettivi fondamentali. Innanzitutto continuare con il percorso legato alla formazione. AIOP Giovani nasce come una palestra formativa per i giovani delle strutture sanitarie private, quindi continuare lungo questo percorso, formazione sia interna che esterna. Uno dei nostri fiori all’occhiello sono i nostri ‘study tour’ che facciamo annualmente in giro per il mondo per studiare gli altri Sistemi sanitari. Sicuramente un’altra cosa importante è continuare, oltre alla formazione, il percorso di comunicazione, oggi come oggi esistono le tecnologie digitali, i social, mezzi che sono alla portata della nostra generazione e che dobbiamo usare principalmente per farci conoscere e per conoscere».

LEGGI ANCHE: CENSIS E AIOP, L’85% DEGLI ITALIANI VUOLE SCEGLIERE LIBERAMENTE IL MEDICO E L’OSPEDALE TRA PUBBLICO E PRIVATO

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Malattie rare, per la sclerosi tuberosa la chiave è la diagnosi precoce. Fondamentale una corretta formazione di ginecologi e pediatri
Moavero (neuropsichiatra infantile): «Un intervento precoce, anche prima dell’inizio di sintomi evidenti, può portare un miglioramento notevole nell’outcome a lungo termine». Così la dottoressa a Sanità Informazione
di Lucia Oggianu
Assunzioni SSN, l’annuncio del Ministro Grillo: «Trovato accordo, tetto di spesa per il personale sarà superato»
Dal 2019 la spesa per il personale non potrà superare il valore del 2018 maggiorato del 5%. Ora la norma, che varrà in tutta Italia, è all’esame delle Regioni
Leucemia mieloide e mieloma multiplo, il sì di AIFA a Molmed per la sperimentazione clinica del CAR-T CD44v6
MolMed, azienda biotecnologica focalizzata su ricerca, sviluppo, produzione e validazione clinica di terapie geniche e cellulari per la cura del cancro e malattie rare, comunica di aver ottenuto da AIFA l’autorizzazione ad avviare in Italia la sperimentazione clinica con il proprio CAR-T CD44v6 per il trattamento di pazienti con leucemia mieloide acuta e mieloma multiplo. […]
Farmaci contraffatti, Lusi (NAS): «Lotta dura ma siamo sempre più attrezzati con nuove tecnologie contro traffici illeciti»
Dalla blockchain alla bollinatura, sono tanti gli strumenti messi in campo dalle forze dell’ordine per contrastare il fenomeno: «Ormai bisogna essere veramente esperti per riuscire a contraffare una confezione. Purtroppo però di casi ce ne sono ancora…»
di Cesare Buquicchio e Arnaldo Iodice
Migranti e salute: prevenzione, cura e false notizie. L’evento all’Ordine dei Medici di Palermo
Secondo i dati del Forum Sociale delle Migrazioni 2018, svoltosi in Mexico, una persona su sette sul pianeta è migrante, avendo sperimentato una qualche forma di mobilità umana. Nel passato le migrazioni erano favorite, in Italia dal sud verso le industrie del Nord, e similmente in altre parti del mondo che soffrono denatalità e scarsa […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone