Politica 24 Maggio 2018

AIOP Giovani, finisce il mandato del Presidente Miraglia: «Orgoglioso di aver avvicinato tanti ragazzi all’Associazione»

Le cariche dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata si rinnovano e il Presidente uscente ricorda la sua esperienza: «Spero di lasciare una AIOP Giovani più forte e più sicura di se stessa». In occasione dell’Assemblea Nazionale, presentato il Report “Le sfide di oggi per la sanità del domani”

Immagine articolo

“Servizio sanitario nazionale: destinazione futuro”. È il titolo del terzo Report di AIOP Giovani (Associazione Italiana Ospedalità Privata), che è stato presentato al Cavalieri Hotel di Roma durante l’Assemblea Nazionale di AIOP, occasione in cui vengono rinnovate anche le cariche dell’associazione giovanile. Termina quindi la sua esperienza alla guida di AIOP Giovani Lorenzo Miraglia, che parla, ai nostri microfoni, di passato, presente e futuro.

Inizia infatti con un bilancio del suo mandato, «tre anni bellissimi che, con rammarico, finiscono». Anni «densi di attività e progetti con cui, insieme alla mia squadra, siamo riusciti ad avvicinare più giovani all’Associazione. La partecipazione di ragazzi alle consulte è infatti aumentata almeno del 40%, anche grazie alle consulte itineranti, “AIOP on the road”, che ci hanno permesso di far conoscere a tanti giovani le best practice che abbiamo all’interno del nostro Servizio Sanitario Nazionale e di AIOP». Occasioni in cui molti ragazzi si sono resi conto di quanto quella italiana sia «una delle sanità più forti al mondo, che insegna agli altri Paesi e guarda al futuro del pianeta». E molti di questi ragazzi, racconta Miraglia, sono rimasti «stupiti e colpiti nel capire l’importanza della sanità italiana».

«La prima cosa che mi ero ripromesso di fare – ricorda – era ignorare le critiche degli italiani sul SSN. Mi infastidisce molto vedere noi italiani parlar male del nostro servizio sanitario quanto in realtà è invidiato in tutto il mondo. Si pensa, ad esempio – continua Miraglia – che la sanità in Italia costi troppo o che ci siano troppi sprechi. In realtà la sanità italiana è forse la meno pagata al mondo». Una tesi, questa, emersa nel Report di AIOP Giovani dello scorso anno, dedicato al sistema di finanziamento e di contenimento della spesa. Ma il progetto è in realtà iniziato tre anni fa, con il primo libro in cui venivano confrontati sette servizi sanitari nazionali, sempre con un focus sul futuro.

LEGGI ANCHE: AIOP VERSO IL CONGRESSO, FARONI (LAZIO): «SANITÀ PRIVATA DIALOGHI CON TUTTE LE FORZE POLITICHE» 

Un’ottica internazionale, quindi, che permette a Lorenzo Miraglia e ad AIOP Giovani di cogliere la ragione ultima di alcune delle principali sfide della sanità: «È un problema mondiale – sottolinea – perché è cambiato l’uomo. È cambiata l’evoluzione dell’uomo, delle patologie, la cronicità. Prestazioni e diagnostica migliorano, portando un costo a livello economico ma un beneficio a livello sociale. Gli Stati non riescono più, quindi, a sganciarsi dal dare-avere che ci deve essere nella sanità, perché chiaramente non si può vedere e controllare il beneficio che si ha invece nel PIL mondiale».

«Il Report di quest’anno – continua – è forse il più interessante dei tre, perché mettiamo a bagaglio tutti questi studi e, partendo dalle best practice dei Paesi analizzati, valutiamo ciò che, anche a livello epidemiologico, può essere applicato al nostro SSN. Proponiamo quindi una serie di tesi, che non partono soltanto da un sistema ospedalo-centrico piuttosto che territoriale, ma si basano sui sistemi di finanziamento e di decontribuzione, che possano rendere i fondi appetibili a tutti i cittadini».

LEGGI IL COMUNICATO STAMPA SULLA RICERCA

Si chiude, quindi, «il lungo viaggio» di Lorenzo Miraglia, che spera di lasciare al suo successore, «che sarà sicuramente degno di mandare avanti questo lavoro e questo progetto», una AIOP Giovani «più forte e più sicura di se stessa, sicuramente con una maggiore visibilità. Qualche mese fa abbiamo incontrato le associazioni delle sanità private europee che invidiano noi di AIOP Giovani, perché nessuna di loro è riuscita a creare un’associazione di giovani così forte e, anzi, qualcuna non è riuscita nemmeno a crearla. Tutto questo ovviamente ci dà lustro e ci porterà a lavorare ancora di più e con più grinta, perché la sanità – conclude – ne ha davvero bisogno».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Giovani medici, Pollifrone (Cao Roma): «Ecco come l’Ordine vi supporta e agevola nell’avviamento alla professione»
«Corsi formativi, il 50% della quota d’iscrizione per i primi tre anni, le consulenze legali e commerciali da parte nei nostri esperti e l’apertura di uno studio medico in sole 24 ore» così Brunello Pollifrone, Presidente Cao
Contratto medici, Grasselli (FVM): «Sicuramente è la migliore ipotesi contrattuale possibile»
La Federazione Veterinari Medici e Dirigenti Sanitari (FVM) plaude all'accordo raggiunto: «Abbiamo cercato di fare un contratto per i giovani e per mettere più risorse sulle posizioni fisse di chi sta per uscire dal lavoro»
Sanità privata, stallo su rinnovo contratto. Cgil-Cisl-Uil: «Chiederemo incontro a Ministro Grillo. Pronti a iniziative di lotta»
Fumata nera nell’incontro tra le parti alla Conferenza delle regioni. «Riteniamo necessario che lo stato di agitazione sia esteso a livello nazionale con una fitta programmazione di iniziative di lotta con risvolti che potranno riguardare l'ordine pubblico» recita una nota sindacale
Psicologi negli studi dei medici di famiglia, Magi (Sumai): «No. La Fimmg ha ragione»
«Siamo perfettamente in sintonia con quanto dichiarato da Silvestro Scotti, Segretario della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale, il quale, in merito all’ipotesi prevista da Dl Calabria di introdurre gli Psicologi negli studi dei medici di base ha espresso tutta la sua contrarietà. Al contrario, la figura del medico di base dovrebbe essere affiancata da […]
Congresso CIMOP, De Rango confermata segretario nazionale: «Contratto è priorità. Chiesto aumento del 50%»
Il sindacato dei medici dell’ospedalità privata rinnova l’esecutivo nazionale. Carmela De Rango: «Necessario colmare gap con le retribuzioni dei medici del pubblico». La presidente AIOP Barbara Cittadini: «Convocazione da parte della Conferenza Stato-Regioni è segnale di interesse. Le Regioni devono svolgere un ruolo importante nelle trattative, altrimenti rischiamo la crisi di aziende e posti di lavoro»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone