Politica 24 Maggio 2018

AIOP Giovani, finisce il mandato del Presidente Miraglia: «Orgoglioso di aver avvicinato tanti ragazzi all’Associazione»

Le cariche dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata si rinnovano e il Presidente uscente ricorda la sua esperienza: «Spero di lasciare una AIOP Giovani più forte e più sicura di se stessa». In occasione dell’Assemblea Nazionale, presentato il Report “Le sfide di oggi per la sanità del domani”

Immagine articolo

“Servizio sanitario nazionale: destinazione futuro”. È il titolo del terzo Report di AIOP Giovani (Associazione Italiana Ospedalità Privata), che è stato presentato al Cavalieri Hotel di Roma durante l’Assemblea Nazionale di AIOP, occasione in cui vengono rinnovate anche le cariche dell’associazione giovanile. Termina quindi la sua esperienza alla guida di AIOP Giovani Lorenzo Miraglia, che parla, ai nostri microfoni, di passato, presente e futuro.

Inizia infatti con un bilancio del suo mandato, «tre anni bellissimi che, con rammarico, finiscono». Anni «densi di attività e progetti con cui, insieme alla mia squadra, siamo riusciti ad avvicinare più giovani all’Associazione. La partecipazione di ragazzi alle consulte è infatti aumentata almeno del 40%, anche grazie alle consulte itineranti, “AIOP on the road”, che ci hanno permesso di far conoscere a tanti giovani le best practice che abbiamo all’interno del nostro Servizio Sanitario Nazionale e di AIOP». Occasioni in cui molti ragazzi si sono resi conto di quanto quella italiana sia «una delle sanità più forti al mondo, che insegna agli altri Paesi e guarda al futuro del pianeta». E molti di questi ragazzi, racconta Miraglia, sono rimasti «stupiti e colpiti nel capire l’importanza della sanità italiana».

«La prima cosa che mi ero ripromesso di fare – ricorda – era ignorare le critiche degli italiani sul SSN. Mi infastidisce molto vedere noi italiani parlar male del nostro servizio sanitario quanto in realtà è invidiato in tutto il mondo. Si pensa, ad esempio – continua Miraglia – che la sanità in Italia costi troppo o che ci siano troppi sprechi. In realtà la sanità italiana è forse la meno pagata al mondo». Una tesi, questa, emersa nel Report di AIOP Giovani dello scorso anno, dedicato al sistema di finanziamento e di contenimento della spesa. Ma il progetto è in realtà iniziato tre anni fa, con il primo libro in cui venivano confrontati sette servizi sanitari nazionali, sempre con un focus sul futuro.

LEGGI ANCHE: AIOP VERSO IL CONGRESSO, FARONI (LAZIO): «SANITÀ PRIVATA DIALOGHI CON TUTTE LE FORZE POLITICHE» 

Un’ottica internazionale, quindi, che permette a Lorenzo Miraglia e ad AIOP Giovani di cogliere la ragione ultima di alcune delle principali sfide della sanità: «È un problema mondiale – sottolinea – perché è cambiato l’uomo. È cambiata l’evoluzione dell’uomo, delle patologie, la cronicità. Prestazioni e diagnostica migliorano, portando un costo a livello economico ma un beneficio a livello sociale. Gli Stati non riescono più, quindi, a sganciarsi dal dare-avere che ci deve essere nella sanità, perché chiaramente non si può vedere e controllare il beneficio che si ha invece nel PIL mondiale».

«Il Report di quest’anno – continua – è forse il più interessante dei tre, perché mettiamo a bagaglio tutti questi studi e, partendo dalle best practice dei Paesi analizzati, valutiamo ciò che, anche a livello epidemiologico, può essere applicato al nostro SSN. Proponiamo quindi una serie di tesi, che non partono soltanto da un sistema ospedalo-centrico piuttosto che territoriale, ma si basano sui sistemi di finanziamento e di decontribuzione, che possano rendere i fondi appetibili a tutti i cittadini».

LEGGI IL COMUNICATO STAMPA SULLA RICERCA

Si chiude, quindi, «il lungo viaggio» di Lorenzo Miraglia, che spera di lasciare al suo successore, «che sarà sicuramente degno di mandare avanti questo lavoro e questo progetto», una AIOP Giovani «più forte e più sicura di se stessa, sicuramente con una maggiore visibilità. Qualche mese fa abbiamo incontrato le associazioni delle sanità private europee che invidiano noi di AIOP Giovani, perché nessuna di loro è riuscita a creare un’associazione di giovani così forte e, anzi, qualcuna non è riuscita nemmeno a crearla. Tutto questo ovviamente ci dà lustro e ci porterà a lavorare ancora di più e con più grinta, perché la sanità – conclude – ne ha davvero bisogno».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Leucemia mieloide e mieloma multiplo, il sì di AIFA a Molmed per la sperimentazione clinica del CAR-T CD44v6
MolMed, azienda biotecnologica focalizzata su ricerca, sviluppo, produzione e validazione clinica di terapie geniche e cellulari per la cura del cancro e malattie rare, comunica di aver ottenuto da AIFA l’autorizzazione ad avviare in Italia la sperimentazione clinica con il proprio CAR-T CD44v6 per il trattamento di pazienti con leucemia mieloide acuta e mieloma multiplo. […]
Intelligenza emotiva vs bullismo, la ricetta danese: torta al cioccolato per stimolare empatia e problem solving
Venerandi (Nlp Coach): «In Danimarca, in 10 anni, gli atti di bullismo sono passati dal 25 al 7%. In Italia ne è vittima il 59% dei ragazzi tra gli 11 e i 17 anni»
di Isabella Faggiano
Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»
Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di 300mila lavoratori. Le interviste alla presidente Aiop Cittadini e al responsabile sanità di Fp Cgil Vannini
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Cybersecurity, Albanese (Aiop): «In un anno + 36% di attacchi informatici. Nel mirino anche Asl e ospedali». E per la sicurezza dei dati si guarda alla Blockchain
Nel mondo iperconnesso i pericoli sono dietro l’angolo, l’esperto: «Alla rete sono collegati anche gli apparecchi medicali, come un pacemaker impiantato in un paziente. Gli attacchi possono rendere pericoloso qualsiasi dispositivo del quale si perda il pieno controllo». L’Associazione Italiana Ospedalità Privata ha dato il via alla V Scuola di formazione rivolta ai dirigenti, ai responsabili del trattamento dei dati personali e dei servizi informatici delle strutture sanitarie associate
di Isabella Faggiano
Test Hiv su minori senza consenso genitori, arriva il sì del Garante per l’Infanzia al ministro Grillo
Il ministro Grillo: «Per rendere più semplice l’accesso alla diagnosi per i giovanissimi è essenziale intercettare precocemente l’eventuale contagio da Hiv o da altre malattie sessualmente trasmesse; Per questo, sono molto soddisfatta della positiva risposta dell’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza alla mia richiesta di lavorare insieme a una norma per superare questa regola ormai obsoleta»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone