Salute 4 giugno 2018

Aggressioni ai medici, Di Biagi (UGS Confintesa): «Utilizzare steward per garantire sicurezza in reparti e Pronto soccorso»

Il Segretario generale del sindacato lancia una proposta normativa che faccia rientrare le misure sulla sicurezza dei camici bianchi nella legge 81/08 sulla sicurezza sul lavoro. Poi sottolinea: «In atto cambiamento sociologico in peggio dell’educazione della popolazione»

Immagine articolo

Il tema delle aggressioni al personale sanitario resta al centro delle attenzioni del mondo medico. Complice anche la prolungata crisi politica seguita alle elezioni del 4 marzo, non ci sono state risposte significative da parte delle istituzioni. Ora il problema arriva dritto sul tavolo del nuovo Ministro della Salute Giulia Grillo. E dal mondo sindacale fioccano le iniziative per porre un freno a un fenomeno che conta oltre 1200 episodi all’anno. «Noi abbiamo elaborato una serie di principi utili per far rientrare le misure nella legge 81/08 sulla sicurezza sul lavoro, allo scopo di realizzare dei miglioramenti normativi. Ma il problema è il pessimo livello di educazione che abbiamo raggiunto», spiega Ruggero Di Biagi, Segretario generale Confintesa UGS Medici.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AI MEDICI, UN ACCOLTELLATO A NAPOLI. SCOTTI (FIMMG): «INTERVENGA MATTARELLA»

Segretario, parliamo delle aggressioni al personale sanitario, un fenomeno purtroppo in crescita. Qual è la situazione dal suo punto di vista?

«Purtroppo in campo sanitario e non solo si rispecchia il disgregamento di valori della società civile, il cambiamento sociologico in peggio della media culturale e dell’educazione della popolazione. Per cercare di porre un argine a questo gravissimo fenomeno dell’aggressione ai sanitari, come degli insegnanti, noi come sindacato abbiamo lanciato alcune proposte e idee. Una è una nuova legge, redatta da una nostra iscritta, che ha elaborato una serie di principi utili per far rientrare le misure nella legge 81/08 sulla sicurezza sul lavoro, allo scopo di realizzare dei miglioramenti normativi. L’altra proposta, nell’immediato, è quella di utilizzare delle agenzie di sicurezza sussidiaria che con i loro steward assicurano già da tempo in tutti i grossi convegni e nei locali affollati la sicurezza a livello civile. Questo nei Pronto soccorso, nei distretti e negli ospedali in modo da fermare malintenzionati o squilibrati».

Sarebbero dei presidi fissi all’interno delle strutture o interverranno in caso di necessità?

«Questo, che è un procedimento di tamponamento dell’emergenza, deve avvenire con un presidio fisso. Servono cooperative, le gare, gli appalti, tutto ciò che contrattualmente può porre in opera questo tipo di presidio che è capace di assicurare i grandi eventi. Riescono a garantire la sicurezza come in concerti con 80mila persone, non vedo perché non possono farlo in un Pronto soccorso. Hanno preparazione, formazione, cultura per farlo. Tutto questo in attesa di una legge che attribuisca, ad esempio, la qualifica di pubblico ufficiale o la procedibilità d’ufficio della Asl che tuteli i suoi dipendenti più esposti, anziché lasciarli soli».

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AI MEDICI, FILIPPO ANELLI (FNOMCeO): «AUMENTIAMO LE PENE AI VIOLENTI. MA C’E’ PROBLEMA CULTURALE E DI SISTEMA»

Le dimensioni del fenomeno sono in crescita. Secondo lei sono in crescita perché se ne parla di più o in quest’ultimo anno in particolare sono davvero cresciute le violenze?

«I motivi sono molti. Uno dei tanti è che i tagli dei posti letto, i tagli della specialistica ambulatoriale, quelli sul territorio, l’aumento dei ticket, precipitano nei Pronto soccorso una marea di persone, crea ressa, file di ore, tutte cose che portano all’esasperazione. Un altro motivo è purtroppo il pessimo livello di educazione, di cultura che porta soggetti deboli di mente ad aggredire invece che ringraziare chi li sta curando».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Sunshine Act, approvate soglie minime per le donazioni: per il singolo medico sarà di 50 euro. Provenza (M5S): «Trasparenza per correggere corruzione»
La cifra sale a 500 euro per le organizzazioni sanitarie. Il relatore: «Evitato il pericolo che il testo venisse svuotato della sua enorme portata innovativa»
Co-mai, Omega e Amsi lanciano il convegno: “Libia ieri, oggi, domani”
Si terrà il prossimo giovedì 17 gennaio – presso il Circolo della Marina di Roma – il convegno: “Libia: ieri, oggi domani”, organizzato dall’Osservatorio Mediterraneo di Geopolitica e Antropologia (Omega). L’incontro, organizzato con la collaborazione dell’ordine dei giornalisti di Roma e patrocinato dalla “Comunità del Mondo arabo in Italia” (Co-Mai), dal Movimento Internazionale “Uniti per […]
Spot risarcimenti, si schierano le istituzioni:  «Subito il Tribunale della Salute». E la petizione raggiunge le 10mila firme in poche ore
La petizione lanciata da Consulcesi è stata sottoscritta da istituzioni, sindacati e associazioni. Tra i firmatari anche il Presidente della Commissione Salute, il senatore Pierpaolo Sileri. Tortorella: «Basta contrapposizioni, operatori sanitari e pazienti chiedono di poter siglare un nuovo Patto della Salute superando aggressioni e denunce»
Sanità, Giulio Gallera (Ass. Welfare Lombardia): «Siamo primi per capacità di curare, ma investiamo poco. Così medici rischiano tanto»
L’assessore è intervenuto a un convegno per fare il punto sulla riforma sociosanitaria lombarda del 2015. Emilio Fossali, Direttore del Pronto soccorso pediatrico e Presidente della fondazione De Marchi, lancia una proposta per ridurre le liste d’attesa: «Creare un percorso diagnostico terapeutico gestito direttamente da una equipe medica per gli acuti e due diversi reparti di degenza: uno per acuti direttamente collegati al Pronto soccorso e uno per cronici collegato agli ambulatori e al day hospital»
di Federica Bosco
SSN, Francesco De Lorenzo (FAVO): «Su cancro e grandi malattie non ci siano barriere. Stato intervenga con poteri sostitutivi per garantire Lea»
L’ex ministro della Sanità, oggi alla guida Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia, lancia la sua proposta per rendere sostenibile il SSN: «Bisognerebbe cominciare a capire che è meglio evitare di far pagare i ticket ai malati di cancro per gli aspetti diagnostici piuttosto che pagare per chi ha un mal di testa o un mal di gola»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano