Salute 18 Settembre 2020 17:00

Covid, le Regioni accelerano sui tamponi ma i Mmg denunciano criticità nella comunicazione dei risultati

L’allarme della Fimmg in Campania, Lazio e Liguria: con l’aumento dei tamponi ritardi e difficoltà nella certificazione si aggraveranno

Covid, le Regioni accelerano sui tamponi ma i Mmg denunciano criticità nella comunicazione dei risultati

A fronte di un aumento enorme dei tamponi effettuati in Campania, circa 7.000 al giorno (con un trend che presto porterà ai 12.000 al giorno) il sistema di comunicazione messo in campo dalle U.O.P.C. delle ASL e le piattaforme regionali non permettono di avere risposte in tempi utili.

«Allo stato attuale noi medici di famiglia – denuncia Vincenzo Schiavo, segretario vicario della FIMMG Campania – non siamo messi in condizione di offrire una risposta adeguata alle giuste richieste dei cittadini sottoposti a controllo».

RITARDI NEI RISULTATI DEI TAMPONI IN CAMPANIA, «IL PROBLEMA È ANCHE DI ORDINE SOCIALE»

Per il segretario il problema non è solo di ordine sanitario, ma anche economico e sociale. «Così facendo – precisa Schiavo – rischiamo di mettere in crisi centinaia di nuclei familiari e mandiamo inutilmente in fumo centinaia e centinaia di ore di lavoro. I cittadini restano infatti ostaggio di un sistema informativo del tutto inadeguato, in isolamento anche dopo un risultato negativo del tampone solo perché nei nostri sistemi non appare in tempo un referto. Ecco perché i medici di medicina generale della FIMMG richiedono ad horas la possibilità di accedere ai risultati dei tamponi effettuati, unico modo per evitare che il varo enorme messo in campo sia vanificato, e addirittura diventi controproducente».

LAZIO: «PROGRAMMARE L’OFFERTA DIVERSAMENTE»

Una problematica che, al crescere del numero dei tamponi effettuati, inizia a coinvolgere anche altre Regioni. Per il segretario della FIMMG romana, Pierluigi Bartoletti, «la situazione nel Lazio è sotto controllo da questo punto di vista, ma è inevitabile che più tamponi si fanno, più i casi aumentano, maggiore sarà il tempo necessario per effettuare gli adempimenti burocratici per comunicare i risultati. Credo che questo dato – prosegue – andrà di pari passo con l’evoluzione epidemiologica del virus, ma per evitare l’intasamento del sistema si dovrebbe programmare l’offerta in maniera diversa. Ad oggi i tempi di attesa per i risultati di un tampone sono anche di cinque – sei giorni, quando la risposta dovrebbe essere invece disponibile nel giro di 48 ore».

LIGURIA: CRITICITÀ NELLA CERTIFICAZIONE DEI RISULTATI

La FIMMG Liguria, invece, rileva una criticità non in ordine alle tempistiche ma alla certificazione dei risultati. «Il nostro sistema regionale prevede che una volta effettuato il tampone, nel giro di due – tre giorni i risultati compaiano online sull’apposito portale – spiega Angelo Stimamiglio, Segretario dei medici di famiglia liguri. – Il problema, che ho già provveduto a sollevare presso l’Ordine, è che questo risultato non è certificato e non porta la firma digitale. Abbiamo quindi concordato – continua – che il risultato continuerà a comparire sul portale, ma le istituzioni sanitarie regionali deputate all’effettuazione dei tamponi dovranno fornire un certificato stampabile e firmato al paziente che ha effettuato il tampone, dietro presentazione del quale noi potremo assistere il paziente. La semplice comunicazione online, su migliaia di casi, potrebbe contenere errori di digitazione. Le scuole hanno appena riaperto – conclude Stimamiglio -tanto per fare un esempio attuale: si immagina la responsabilità di mandare a scuola un bambino che risulta negativo ma che in realtà è positivo?».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Terapia del plasma, Perotti (San Matteo di Pavia) «Oggi sospesa per mancanza di pazienti, ma tesoretto di 200 sacche pronte all’uso»
Il direttore del servizio di immunoematologia dell’IRCCS pavese ricorda il collega De Donno: «Era una brava persona, molto volenterosa, di quelli che gettano il cuore oltre l’ostacolo, ma non strumentalizziamo la sua morte. Il plasma non c’entra»
di Federica Bosco
Covid-19, svelato il motivo per cui i bambini si ammalano molto meno
Una molecola “chiave” che apre le porte al virus è meno attiva. Lo hanno scoperto i ricercatori del CEINGE-Biotecnologie Avanzate di Napoli, studiando i meccanismi di attacco del virus all’interno delle prime vie respiratorie in soggetti di età inferiore o superiore ai 20 anni
Report ISS, Rt a 1,57 e 20 regioni a rischio moderato. Salgono i ricoveri
Tasso di occupazione in terapia intensiva fermo al 2%, ma quello in area medica sale al 3%. Scende anche la percentuale di contagi tracciati, al 28% rispetto al 30 della settimana precedente
Vaccino Pfizer, lo studio: «Efficacia cala nell’arco di 6 mesi»
Su questo trend poggiano le ulteriori valutazioni avviate dall'azienda, che ha aperto il dibattito sull'opportunità della terza dose di vaccino
Covid, nuovo report GIMBE: «+64,8% di contagi e +46,1% di morti in una settimana». Ma i numeri assoluti restano bassi
Il monitoraggio della fondazione GIMBE, nella settimana 21-27 luglio, rileva un ulteriore aumento dei nuovi casi e degli indicatori ospedalieri
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva