Formazione 9 Luglio 2019

Giuramento d’Ippocrate, Bartoletti (OMCeO Roma): «Molti colleghi hanno problemi disciplinari perché ignorano il codice deontologico»

Hanno assistito al rito di iniziazione alla professione per seicento neoiscritti i rappresentanti istituzionali del mondo medico. «Il codice non si affigge solo al muro: va letto, osservato e compreso» ha precisato Pier Luigi Bartoletti. Il senatore Sileri: «Mantenete l’entusiasmo e aggiornatevi sempre». D’Amato (Regione Lazio): «Giovani investimento sul futuro»

Immagine articolo

Quest’anno, per centinaia di neoiscritti, l’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Roma ha deciso di organizzare una grande e affascinante cerimonia. Hanno partecipato al Giuramento di Ippocrate – il rito di iniziazione alla professione propedeutico all’entrata nelle varie articolazioni pubbliche e private del SSN – i maggiori rappresentanti istituzionali e i principali esponenti del mondo medico.

Ai microfoni di Sanità Informazione e a margine della manifestazione, Pier Luigi Bartoletti, il vicesegretario dell’OMCeO di Roma, ha sottolineato l’importanza della missione che porta avanti il medico ogni giorno: «Il significato di questa giornata sta nel “nome” stesso. La medicina, in generale, riparte dal codice deontologico – ha spiegato Bartoletti -. Il valore aggiunto del medico è che è una professione particolare, con un codice deontologico molto corposo a tutela dei cittadini. Il problema è che il codice spesso non è noto; il Giuramento è un momento celebrativo importante, soprattutto in questo paese che c’è un problema di tenuta del sistema e molti professionisti decidono di andare a lavorare all’estero. I medici – ha continuato il vicesegretario dell’ordine – devono sapere che sono innanzitutto custodi della salute dei cittadini che vanno a curare. Il codice non è una cosa vecchia o qualcosa che si appiccica al muro e si legge ogni tanto ma va letto, osservato e compreso. Molti colleghi hanno spesso problemi disciplinari perché ignorano il codice deontologico». In un momento di difficoltà del sistema, secondo Bartoletti «si riparte dall’essenza della professione, dal giuramento di Ippocrate che è la base del codice deontologico».

LEGGI ANCHE: GIURAMENTO D’IPPOCRATE PER 600 MEDICI, MAGI (OMCEO ROMA): «UN FARO PER IL CAMMINO LAVORATIVO CON LA SPERANZA CHE RESTINO QUI IN ITALIA»

Alla coinvolgente manifestazione, che si è svolta nella prestigiosa cornice dell’Hotel Sheraton di Roma, ha assistito anche Pierpaolo Sileri, Presidente della Commissione Sanità al Senato che ha precisato: «Dobbiamo consentire a questi giovani di rimanere in Italia, di entrare nelle scuole di specializzazione, formarsi e dare a loro la garanzia di un futuro. Quel futuro che è mancato a molti che sono fuggiti dall’Italia». Sileri ci ha tenuto a dare un consiglio e fare un augurio ai neoiscritti: «Uno di cuore e uno di testa: quello di cuore è rimanere esattamente come quado avete iniziato e aperto il primo libro. Con lo stesso desiderio, voglia, e idea del futuro. Quello di testa è: resistere e aggiornarsi sempre, a denti stretti e lottare per quello che è il loro diritto: il lavoro».

LEGGI ANCHE: LEONI (FNOMCEO) AL GIURAMENTO DI IPPOCRATE: «RISPETTATE SEMPRE I PRINCÌPI DELLA PROFESSIONE PIÙ ETICA CHE ESISTE»

Il presidente Sileri ha individuato anche le motivazioni del calo di vocazioni nei chirurghi: «Contratto non rinnovato, salari bassi, mancanza di turnover, turni massacranti, aumento delle denunce. Ecco i motivi – ha puntualizzato -. E poi il percorso di formazione è lunghissimo. Sembra più un salto ad ostacoli che una prospettiva di lavoro».

I seicento nuovi medici di Roma e del Lazio sono «un investimento sul futuro, un investimento sulle professioni, un investimento sulle competenze in un momento in cui qualcuno pensa di metter in discussione le competenze medico scientifiche» ha evidenziato l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato: «È importante che gli operatori svolgano in scienza e coscienza il proprio ruolo, per cui si sono formati. Questi giovani medici – ha continuato l’assessore – dovranno trovare uno sbocco occupazionale e noi speriamo lo possano trovare in questa città e in questa Regione che ha bisogno di svecchiare la classe medica e far entrare nuove leve nei nostri servizi».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, SILERI (COMMISSIONE SANITÀ): «TURNI MASSACRANTI E STIPENDI OFFENSIVI, STIAMO LAVORANDO A RINNOVO»

Dopo una lunga stagione di commissariamento, la Regione Lazio, guarda al futuro e «a una nuova stagione di concorsi pubblici» ha spiegato l’assessore. Inoltre, «avere nuove leve e forza lavoro aggiuntiva, contribuirà anche al governo delle liste d’attesa che è una delle questioni prioritarie con cui ci confrontiamo ogni giorno con i cittadini» ha concluso d’Amato.

Articoli correlati
Consumerismo critica decreto Scuola: «L’eccellenza del nostro SSN svilita in Parlamento»
Secondo l'associazione dei consumatori, il bonus di 50 crediti ECM è «un sei politico per tutti che sa di premio alla mediocrità»
Covid 19 – Il virus della paura: in un docufilm la lezione da imparare dalla pandemia
Il documentario è pronto a sbarcare ai festival Internazionali e nelle piattaforme on demand. Tortorella (Consulcesi): «Cinema, scienza e tecnologia il nuovo modello internazionale per la formazione del personale sanitario e per una corretta informazione». Il ministro Speranza: «Ridare centralità alla sanità, attraverso la formazione e la ricerca»
Covid-19 e pazienti oncologici, da 24 a 30 mila diagnosi in meno nel 2020. Sileri: «Faremo un piano per recuperare»
Mantenere i percorsi differenziati, avere un personale dedicato e disporre di supporto psicologico: tre punti del decalogo della Fondazione Aiom per aiutare i pazienti. Il viceministro Sileri: «Come anti-influenzale, vaccino Covid prima a chi è più a rischio»
‘Covid-19 Il virus della paura’, ecco com’è nato il docufilm che punta sulla formazione di qualità. Venerdì la presentazione
Il progetto verrà presentato il 12 giugno alle ore 11.30 sulla pagina Facebook di Consulcesi Club alla presenza di Ranieri Guerra (OMS), Roberto Speranza (ministro Salute), Giuseppe Ippolito (Spallanzani), Massimo Andreoni (Tor Vergata) e Giorgio Nardone (Centro di Terapia Strategica)
«Concorso MMG, no a sanatorie o escamotage in Dl Rilancio»
«Il lupo perde il pelo ma non il vizio, ed il vizio in questo caso è rappresentato da ulteriori due emendamenti presentati al "Dl Rilancio" da parte degli Onorevoli Giulia Grillo/Manuel Tuzi (5stelle) e Rizzo Nervo (PD). I primi stanno tentando di ampliare la platea medici per l' accesso in graduatoria riservata, agevolata, al corso di formazione in medicina generale, nonostante il disastroso "Decreto Calabria" da loro proposto lo scorso anno, che nei numeri sulla partecipazione si è rivelato essere un "flop" da un lato e una porta di accesso agevolata agli specialisti dall'altro»
di Claudio Cappelli, Direttivo Nazionale Associazione ALS e Medico di Medicina Generale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 7 luglio, sono 11.626.265 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 538.079 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 7 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)