Formazione 9 Luglio 2019

Giuramento d’Ippocrate, Bartoletti (OMCeO Roma): «Molti colleghi hanno problemi disciplinari perché ignorano il codice deontologico»

Hanno assistito al rito di iniziazione alla professione per seicento neoiscritti i rappresentanti istituzionali del mondo medico. «Il codice non si affigge solo al muro: va letto, osservato e compreso» ha precisato Pier Luigi Bartoletti. Il senatore Sileri: «Mantenete l’entusiasmo e aggiornatevi sempre». D’Amato (Regione Lazio): «Giovani investimento sul futuro»

Immagine articolo

Quest’anno, per centinaia di neoiscritti, l’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Roma ha deciso di organizzare una grande e affascinante cerimonia. Hanno partecipato al Giuramento di Ippocrate – il rito di iniziazione alla professione propedeutico all’entrata nelle varie articolazioni pubbliche e private del SSN – i maggiori rappresentanti istituzionali e i principali esponenti del mondo medico.

Ai microfoni di Sanità Informazione e a margine della manifestazione, Pier Luigi Bartoletti, il vicesegretario dell’OMCeO di Roma, ha sottolineato l’importanza della missione che porta avanti il medico ogni giorno: «Il significato di questa giornata sta nel “nome” stesso. La medicina, in generale, riparte dal codice deontologico – ha spiegato Bartoletti -. Il valore aggiunto del medico è che è una professione particolare, con un codice deontologico molto corposo a tutela dei cittadini. Il problema è che il codice spesso non è noto; il Giuramento è un momento celebrativo importante, soprattutto in questo paese che c’è un problema di tenuta del sistema e molti professionisti decidono di andare a lavorare all’estero. I medici – ha continuato il vicesegretario dell’ordine – devono sapere che sono innanzitutto custodi della salute dei cittadini che vanno a curare. Il codice non è una cosa vecchia o qualcosa che si appiccica al muro e si legge ogni tanto ma va letto, osservato e compreso. Molti colleghi hanno spesso problemi disciplinari perché ignorano il codice deontologico». In un momento di difficoltà del sistema, secondo Bartoletti «si riparte dall’essenza della professione, dal giuramento di Ippocrate che è la base del codice deontologico».

LEGGI ANCHE: GIURAMENTO D’IPPOCRATE PER 600 MEDICI, MAGI (OMCEO ROMA): «UN FARO PER IL CAMMINO LAVORATIVO CON LA SPERANZA CHE RESTINO QUI IN ITALIA»

Alla coinvolgente manifestazione, che si è svolta nella prestigiosa cornice dell’Hotel Sheraton di Roma, ha assistito anche Pierpaolo Sileri, Presidente della Commissione Sanità al Senato che ha precisato: «Dobbiamo consentire a questi giovani di rimanere in Italia, di entrare nelle scuole di specializzazione, formarsi e dare a loro la garanzia di un futuro. Quel futuro che è mancato a molti che sono fuggiti dall’Italia». Sileri ci ha tenuto a dare un consiglio e fare un augurio ai neoiscritti: «Uno di cuore e uno di testa: quello di cuore è rimanere esattamente come quado avete iniziato e aperto il primo libro. Con lo stesso desiderio, voglia, e idea del futuro. Quello di testa è: resistere e aggiornarsi sempre, a denti stretti e lottare per quello che è il loro diritto: il lavoro».

LEGGI ANCHE: LEONI (FNOMCEO) AL GIURAMENTO DI IPPOCRATE: «RISPETTATE SEMPRE I PRINCÌPI DELLA PROFESSIONE PIÙ ETICA CHE ESISTE»

Il presidente Sileri ha individuato anche le motivazioni del calo di vocazioni nei chirurghi: «Contratto non rinnovato, salari bassi, mancanza di turnover, turni massacranti, aumento delle denunce. Ecco i motivi – ha puntualizzato -. E poi il percorso di formazione è lunghissimo. Sembra più un salto ad ostacoli che una prospettiva di lavoro».

I seicento nuovi medici di Roma e del Lazio sono «un investimento sul futuro, un investimento sulle professioni, un investimento sulle competenze in un momento in cui qualcuno pensa di metter in discussione le competenze medico scientifiche» ha evidenziato l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato: «È importante che gli operatori svolgano in scienza e coscienza il proprio ruolo, per cui si sono formati. Questi giovani medici – ha continuato l’assessore – dovranno trovare uno sbocco occupazionale e noi speriamo lo possano trovare in questa città e in questa Regione che ha bisogno di svecchiare la classe medica e far entrare nuove leve nei nostri servizi».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, SILERI (COMMISSIONE SANITÀ): «TURNI MASSACRANTI E STIPENDI OFFENSIVI, STIAMO LAVORANDO A RINNOVO»

Dopo una lunga stagione di commissariamento, la Regione Lazio, guarda al futuro e «a una nuova stagione di concorsi pubblici» ha spiegato l’assessore. Inoltre, «avere nuove leve e forza lavoro aggiuntiva, contribuirà anche al governo delle liste d’attesa che è una delle questioni prioritarie con cui ci confrontiamo ogni giorno con i cittadini» ha concluso d’Amato.

Articoli correlati
Crisi di governo, Sileri (M5S): «Un peccato bloccare le tante cose da fare per la sanità»
Il presidente della Commissione Sanità di Palazzo madama commenta la crisi di governo e i suoi riflessi sulla sanità: «Molto del lavoro di questi 14 mesi rischia di essere buttato: penso ai nuovi provvedimenti sui vaccini, a quello che bisognava ancora fare per i contratti dei medici, all’intramoenia per gli infermieri, penso a tutti i temi legati alla formazione dei camici bianchi, penso alle borse di specializzazione per il prossimo anno. Tantissime cose che ora trovano uno stop che il comparto sanitario non meritava»
L’occhio artificiale made in USA ha anche origini italiane: parla la professoressa Massaro-Giordano
La condirettrice del Penn Dry Eye and Ocular Surface Center di Philadelphia: «Abbiamo ricreato la superficie dell’occhio con cellule umane e idrogel. Così combattiamo la sindrome dell’occhio secco». Il senatore Sileri (M5S): «La fantascienza è diventata scienza»
Formazione ECM, agevolazioni per i medici delle aree terremotate. La decisione in una delibera della Commissione
L’agevolazione riguarderà tutti i camici bianchi in servizio nei territori colpiti dal terremoto 2016 e 2017
Giovani medici, Pollifrone (Cao Roma): «Ecco come l’Ordine vi supporta e agevola nell’avviamento alla professione»
«Corsi formativi, il 50% della quota d’iscrizione per i primi tre anni, le consulenze legali e commerciali da parte nei nostri esperti e l’apertura di uno studio medico in sole 24 ore» così Brunello Pollifrone, Presidente Cao
“Liberiamoci dalla violenza”: primo centro pubblico in Italia per uomini autori di maltrattamenti. Ecco come funziona
Nato a Modena nel 2011 segue il modello norvegese: «I norvegesi - spiega Alessandro De Rosa, psicologo e psicoterapeuta del Centro - sono stati i primi, già 25 anni fa, a mettere a punto una psicoterapia ad hoc per uomini violenti»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone