Formazione 9 Luglio 2019

Giuramento d’Ippocrate, Bartoletti (OMCeO Roma): «Molti colleghi hanno problemi disciplinari perché ignorano il codice deontologico»

Hanno assistito al rito di iniziazione alla professione per seicento neoiscritti i rappresentanti istituzionali del mondo medico. «Il codice non si affigge solo al muro: va letto, osservato e compreso» ha precisato Pier Luigi Bartoletti. Il senatore Sileri: «Mantenete l’entusiasmo e aggiornatevi sempre». D’Amato (Regione Lazio): «Giovani investimento sul futuro»

Immagine articolo

Quest’anno, per centinaia di neoiscritti, l’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Roma ha deciso di organizzare una grande e affascinante cerimonia. Hanno partecipato al Giuramento di Ippocrate – il rito di iniziazione alla professione propedeutico all’entrata nelle varie articolazioni pubbliche e private del SSN – i maggiori rappresentanti istituzionali e i principali esponenti del mondo medico.

Ai microfoni di Sanità Informazione e a margine della manifestazione, Pier Luigi Bartoletti, il vicesegretario dell’OMCeO di Roma, ha sottolineato l’importanza della missione che porta avanti il medico ogni giorno: «Il significato di questa giornata sta nel “nome” stesso. La medicina, in generale, riparte dal codice deontologico – ha spiegato Bartoletti -. Il valore aggiunto del medico è che è una professione particolare, con un codice deontologico molto corposo a tutela dei cittadini. Il problema è che il codice spesso non è noto; il Giuramento è un momento celebrativo importante, soprattutto in questo paese che c’è un problema di tenuta del sistema e molti professionisti decidono di andare a lavorare all’estero. I medici – ha continuato il vicesegretario dell’ordine – devono sapere che sono innanzitutto custodi della salute dei cittadini che vanno a curare. Il codice non è una cosa vecchia o qualcosa che si appiccica al muro e si legge ogni tanto ma va letto, osservato e compreso. Molti colleghi hanno spesso problemi disciplinari perché ignorano il codice deontologico». In un momento di difficoltà del sistema, secondo Bartoletti «si riparte dall’essenza della professione, dal giuramento di Ippocrate che è la base del codice deontologico».

LEGGI ANCHE: GIURAMENTO D’IPPOCRATE PER 600 MEDICI, MAGI (OMCEO ROMA): «UN FARO PER IL CAMMINO LAVORATIVO CON LA SPERANZA CHE RESTINO QUI IN ITALIA»

Alla coinvolgente manifestazione, che si è svolta nella prestigiosa cornice dell’Hotel Sheraton di Roma, ha assistito anche Pierpaolo Sileri, Presidente della Commissione Sanità al Senato che ha precisato: «Dobbiamo consentire a questi giovani di rimanere in Italia, di entrare nelle scuole di specializzazione, formarsi e dare a loro la garanzia di un futuro. Quel futuro che è mancato a molti che sono fuggiti dall’Italia». Sileri ci ha tenuto a dare un consiglio e fare un augurio ai neoiscritti: «Uno di cuore e uno di testa: quello di cuore è rimanere esattamente come quado avete iniziato e aperto il primo libro. Con lo stesso desiderio, voglia, e idea del futuro. Quello di testa è: resistere e aggiornarsi sempre, a denti stretti e lottare per quello che è il loro diritto: il lavoro».

LEGGI ANCHE: LEONI (FNOMCEO) AL GIURAMENTO DI IPPOCRATE: «RISPETTATE SEMPRE I PRINCÌPI DELLA PROFESSIONE PIÙ ETICA CHE ESISTE»

Il presidente Sileri ha individuato anche le motivazioni del calo di vocazioni nei chirurghi: «Contratto non rinnovato, salari bassi, mancanza di turnover, turni massacranti, aumento delle denunce. Ecco i motivi – ha puntualizzato -. E poi il percorso di formazione è lunghissimo. Sembra più un salto ad ostacoli che una prospettiva di lavoro».

I seicento nuovi medici di Roma e del Lazio sono «un investimento sul futuro, un investimento sulle professioni, un investimento sulle competenze in un momento in cui qualcuno pensa di metter in discussione le competenze medico scientifiche» ha evidenziato l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato: «È importante che gli operatori svolgano in scienza e coscienza il proprio ruolo, per cui si sono formati. Questi giovani medici – ha continuato l’assessore – dovranno trovare uno sbocco occupazionale e noi speriamo lo possano trovare in questa città e in questa Regione che ha bisogno di svecchiare la classe medica e far entrare nuove leve nei nostri servizi».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, SILERI (COMMISSIONE SANITÀ): «TURNI MASSACRANTI E STIPENDI OFFENSIVI, STIAMO LAVORANDO A RINNOVO»

Dopo una lunga stagione di commissariamento, la Regione Lazio, guarda al futuro e «a una nuova stagione di concorsi pubblici» ha spiegato l’assessore. Inoltre, «avere nuove leve e forza lavoro aggiuntiva, contribuirà anche al governo delle liste d’attesa che è una delle questioni prioritarie con cui ci confrontiamo ogni giorno con i cittadini» ha concluso d’Amato.

Articoli correlati
ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»
A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da dovere giuridico torni ad essere motivo di soddisfazione»
Acoi Campania: «Formazione e nuove tecnologie: queste le sfide per la chirurgia d’urgenza del futuro»
Formazione e nuove tecnologie: queste le sfide per la chirurgia d’urgenza del futuro. A dettare l’agenda delle priorità è l’Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani (ACOI) – Gruppo Campania, nel corso della due giorni “Chirurgia d’urgenza 2019: tra linee guida e real life. Cos’è cambiato in questi anni e qual è la realtà dei fatti”, che ha riunito a […]
HIV, torna la speranza di un vaccino. Sileri (Vice Ministro Salute): «Sarebbe rivoluzione del secolo. Diagnosi precoce fondamentale»
A Roma convegno per fare il punto su diffusione, cura e prospettive della lotta all’HIV. Lazzarin (San Raffaele): «La prova dell’efficacia del nuovo vaccino la potremo avere solo a studio concluso. La complessità e variabilità dei processi di risposta immune innescati da HIV (linfociti B, linfociti T, cellule accessorie) nel singolo individuo lasciano purtroppo margini di imprevedibilità»
Attivo il Dossier formativo FNOMCeO, “in automatico” 30 crediti ECM. Anelli: «Inseriti temi trasversali alle professioni»
Il Dossier, spiega il presidente Anelli «intende definire un insieme di tematiche professionali trasversali, di supporto ai professionisti nello svolgimento della pratica professionale quotidiana, che possano contribuire a costruire il portfolio delle competenze del medico e dell’odontoiatra»
«No al federalismo in sanità. Serve una migliore offerta formativa». I chirurghi bocciano le scelte del Governo
Se ne è parlato al workshop promosso dal Collegio Italiano dei Chirurghi e la Società Polispecialistica Italiana dei Giovani Chirurghi (SPIGC): «L'assunzione di medici in formazione determinerà nell’immediato futuro un peggioramento della qualità dell’assistenza offerta»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo