Formazione 9 Luglio 2019 11:50

Giuramento d’Ippocrate, Bartoletti (OMCeO Roma): «Molti colleghi hanno problemi disciplinari perché ignorano il codice deontologico»

Hanno assistito al rito di iniziazione alla professione per seicento neoiscritti i rappresentanti istituzionali del mondo medico. «Il codice non si affigge solo al muro: va letto, osservato e compreso» ha precisato Pier Luigi Bartoletti. Il senatore Sileri: «Mantenete l’entusiasmo e aggiornatevi sempre». D’Amato (Regione Lazio): «Giovani investimento sul futuro»

Giuramento d’Ippocrate, Bartoletti (OMCeO Roma): «Molti colleghi hanno problemi disciplinari perché ignorano il codice deontologico»

Quest’anno, per centinaia di neoiscritti, l’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Roma ha deciso di organizzare una grande e affascinante cerimonia. Hanno partecipato al Giuramento di Ippocrate – il rito di iniziazione alla professione propedeutico all’entrata nelle varie articolazioni pubbliche e private del SSN – i maggiori rappresentanti istituzionali e i principali esponenti del mondo medico.

Ai microfoni di Sanità Informazione e a margine della manifestazione, Pier Luigi Bartoletti, il vicesegretario dell’OMCeO di Roma, ha sottolineato l’importanza della missione che porta avanti il medico ogni giorno: «Il significato di questa giornata sta nel “nome” stesso. La medicina, in generale, riparte dal codice deontologico – ha spiegato Bartoletti -. Il valore aggiunto del medico è che è una professione particolare, con un codice deontologico molto corposo a tutela dei cittadini. Il problema è che il codice spesso non è noto; il Giuramento è un momento celebrativo importante, soprattutto in questo paese che c’è un problema di tenuta del sistema e molti professionisti decidono di andare a lavorare all’estero. I medici – ha continuato il vicesegretario dell’ordine – devono sapere che sono innanzitutto custodi della salute dei cittadini che vanno a curare. Il codice non è una cosa vecchia o qualcosa che si appiccica al muro e si legge ogni tanto ma va letto, osservato e compreso. Molti colleghi hanno spesso problemi disciplinari perché ignorano il codice deontologico». In un momento di difficoltà del sistema, secondo Bartoletti «si riparte dall’essenza della professione, dal giuramento di Ippocrate che è la base del codice deontologico».

LEGGI ANCHE: GIURAMENTO D’IPPOCRATE PER 600 MEDICI, MAGI (OMCEO ROMA): «UN FARO PER IL CAMMINO LAVORATIVO CON LA SPERANZA CHE RESTINO QUI IN ITALIA»

Alla coinvolgente manifestazione, che si è svolta nella prestigiosa cornice dell’Hotel Sheraton di Roma, ha assistito anche Pierpaolo Sileri, Presidente della Commissione Sanità al Senato che ha precisato: «Dobbiamo consentire a questi giovani di rimanere in Italia, di entrare nelle scuole di specializzazione, formarsi e dare a loro la garanzia di un futuro. Quel futuro che è mancato a molti che sono fuggiti dall’Italia». Sileri ci ha tenuto a dare un consiglio e fare un augurio ai neoiscritti: «Uno di cuore e uno di testa: quello di cuore è rimanere esattamente come quado avete iniziato e aperto il primo libro. Con lo stesso desiderio, voglia, e idea del futuro. Quello di testa è: resistere e aggiornarsi sempre, a denti stretti e lottare per quello che è il loro diritto: il lavoro».

LEGGI ANCHE: LEONI (FNOMCEO) AL GIURAMENTO DI IPPOCRATE: «RISPETTATE SEMPRE I PRINCÌPI DELLA PROFESSIONE PIÙ ETICA CHE ESISTE»

Il presidente Sileri ha individuato anche le motivazioni del calo di vocazioni nei chirurghi: «Contratto non rinnovato, salari bassi, mancanza di turnover, turni massacranti, aumento delle denunce. Ecco i motivi – ha puntualizzato -. E poi il percorso di formazione è lunghissimo. Sembra più un salto ad ostacoli che una prospettiva di lavoro».

I seicento nuovi medici di Roma e del Lazio sono «un investimento sul futuro, un investimento sulle professioni, un investimento sulle competenze in un momento in cui qualcuno pensa di metter in discussione le competenze medico scientifiche» ha evidenziato l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato: «È importante che gli operatori svolgano in scienza e coscienza il proprio ruolo, per cui si sono formati. Questi giovani medici – ha continuato l’assessore – dovranno trovare uno sbocco occupazionale e noi speriamo lo possano trovare in questa città e in questa Regione che ha bisogno di svecchiare la classe medica e far entrare nuove leve nei nostri servizi».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, SILERI (COMMISSIONE SANITÀ): «TURNI MASSACRANTI E STIPENDI OFFENSIVI, STIAMO LAVORANDO A RINNOVO»

Dopo una lunga stagione di commissariamento, la Regione Lazio, guarda al futuro e «a una nuova stagione di concorsi pubblici» ha spiegato l’assessore. Inoltre, «avere nuove leve e forza lavoro aggiuntiva, contribuirà anche al governo delle liste d’attesa che è una delle questioni prioritarie con cui ci confrontiamo ogni giorno con i cittadini» ha concluso d’Amato.

Articoli correlati
Grazie all’intelligenza artificiale 1 persona su 2 potrebbe lavorare solo 4 giorni a settimana
Secondo un nuovo studio incentrato sulla forza lavoro britannica e americana, l’intelligenza artificiale potrebbe consentire a milioni di lavoratori di passare alla settimana lavorativa di quattro giorni entro il 2033
Tumori: 1 paziente su 6 abbandona il lavoro. Dalla Rete ROPI 3 proposte «salva-posto»
La ROPI ha analizzato 4 proposte di legge su congedi e indennizzi sul lavoro per i pazienti oncologici,, facendo emergere per ognuna di esse «luci e ombre». Si è arrivati così a individuare alcune proposte chiave per migliorare le regole a tutela dei lavoratori con tumore che Stefania Gori, presidente ROPI, ha presentato oggi in audizione alla XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) alla Camera dei Deputati
di Redazione
Elezioni Lazio, sfida a tre tra Bianchi, D’Amato e Rocca. Al centro la sanità con liste d’attesa e personale
Domenica 12 e lunedì 13 anche i cittadini del Lazio saranno chiamati a scegliere il nuovo presidente della Regione. Sanità tema cruciale, a partire dalle risorse del PNRR e dalla riforma dell’assistenza territoriale
di Giovanni Cedrone e Cesare Buquicchio
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
Storia, valori e sguardo sul futuro, a Bologna il XLIII Congresso Nazionale SIFO
Attese oltre 2500 presenze. Il presidente Arturo Cavaliere: «Il Congresso sarà per tutti noi farmacisti ospedalieri e dei servizi territoriali l'occasione privilegiata per condividere strategie, progetti e best practice con tutti gli stakeholder della sanità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Oltre la rarità: PSORIASI PUSTOLOSA GENERALIZZATA (prima puntata)

La psoriasi pustolosa generalizzata (Generalized Pustular Psoriasis o GPP) è una variante grave e rara della psoriasi. Si manifesta con la comparsa di pustole giallo-brune sterili in varie part...
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...