Salute 31 Dicembre 2020 11:19

31 dicembre 2020, un anno dai primi casi di “polmonite sconosciuta”

Il dg Oms Tedros Ghebreyesus, nel discorso di Capodanno, ripercorre questi 365 giorni di pandemia e invita alla solidarietà tra paesi come vera arma contro il virus

Un anno fa, il 31 dicembre 2019, il mondo si preparava a celebrare le festività di Capodanno mentre dalla Cina veniva segnalato il primo cluster di casi con “polmonite di causa sconosciuta“. Qualche mese dopo Sars-CoV-2 avrebbe cominciato a diffondersi in tutto il mondo. L’Organizzazione mondiale della Sanità, il 30 gennaio 2020, avrebbe pronunciato un termine con cui abbiamo poi familiarizzato: pandemia.

Da allora quasi tutti i paesi hanno seguito la Cina nella dichiarazione di un lockdown generale. Mesi in cui le vite che ognuno fino a un mese prima conduceva, sono sembrate quasi irreali. La strategia del contenimento ha permesso a sistemi sanitari impreparati a un simili carico di ricoveri e malati, di riuscire a organizzarsi ma non ha risparmiato i tanti morti. Solo in Italia quasi 35mila decessi nella prima ondata, ora oltre 70mila.

Un anno dopo sono arrivate le prime dosi di vaccino anti-Covid. Un prodotto sviluppato con una rapidità e delle tecnologie mai viste prima. In Europa, quello di Pfizer-BioNTech a base di mRna è stato approvato e le somministrazioni sono iniziate in contemporanea lo scorso 27 dicembre. Negli Usa anche il vaccino Moderna ha avuto via libera, mentre il prodotto Oxford-AstraZeneca ha ricevuto l’ok già in Regno Unito. Le persone vaccinate sono già oltre 4 milioni.

Il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha ripercorso quest’anno doloroso e straordinario passato a combattere un nemico invisibile. Parola d’ordine: insieme.

Il discorso del direttore dell’Oms

«Mentre le persone in tutto il mondo celebravano il Capodanno 12 mesi fa, è emersa una nuova minaccia globale. Da quel momento, la pandemia di Covid-19 ha causato tante perdite e portato enormi sconvolgimenti a famiglie, società ed economie in tutto il mondo».

«Ma ha anche innescato la risposta più rapida e di più ampia portata a un’emergenza sanitaria globale nella storia dell’uomo. I tratti distintivi di questa risposta sono stati un’impareggiabile mobilitazione della scienza, la costante ricerca di soluzioni e un impegno per la solidarietà globale. Atti di generosità, grandi e piccoli, hanno fornito agli ospedali gli strumenti di cui gli operatori sanitari avevano bisogno per stare al sicuro e prendersi cura dei propri pazienti. Le manifestazioni di gentilezza hanno aiutato i più vulnerabili della società in tempi difficili».

«Vaccini, terapie e strumenti diagnostici sono stati sviluppati e lanciati, a velocità record, grazie a collaborazioni tra cui Access to Covid-19 Tools Accelerator. L’equità è l’essenza di ACT Accelerator e del suo braccio vaccinale, Covax, che si è assicurato l’accesso a 2 miliardi di dosi di promettenti candidati vaccinali. I vaccini offrono una grande speranza per invertire la tendenza della pandemia. Ma per proteggere il mondo, dobbiamo garantire che tutte le persone a rischio ovunque – non solo nei paesi che possono permettersi i vaccini – siano immunizzate. Per fare questo, Covax ha bisogno urgentemente di poco più di 4 miliardi di dollari Usa per acquistare vaccini per i paesi a reddito medio-basso. Questa è la sfida che dobbiamo raccogliere nel nuovo anno».

«Fratelli e sorelle, gli eventi del 2020 hanno fornito lezioni e promemoria importanti per tutti noi da portare nel 2021. Innanzitutto, il 2020 ha dimostrato che i governi devono aumentare gli investimenti nella salute pubblica, dal finanziamento dell’accesso ai vaccini Covid per tutte le persone, al rendere i nostri sistemi più preparati per prevenire e rispondere alla prossima, inevitabile, pandemia».

«In secondo luogo, poiché ci vorrà tempo per vaccinare tutti contro Covid, dobbiamo continuare ad aderire a misure collaudate che proteggano ognuno di noi. Ciò significa mantenere le distanze fisiche, indossare mascherine per il viso, praticare l’igiene delle mani e delle vie respiratorie, evitare luoghi interni affollati e incontrare persone all’esterno. Queste misure semplici ma efficaci salveranno vite umane e ridurranno le sofferenze che così tante persone hanno dovuto affrontare nel 2020».

«Terzo, e soprattutto, dobbiamo impegnarci a lavorare insieme in solidarietà, come comunità globale, per promuovere e proteggere la salute oggi e in futuro. Abbiamo visto come le divisioni nella politica e nelle comunità alimentano il virus e fomentano la crisi. Ma la collaborazione e il partenariato salvano vite e salvaguardano le società. Nel 2020, una crisi sanitaria di proporzioni storiche ci ha mostrato quanto siamo tutti strettamente connessi. Abbiamo visto come gli atti di gentilezza e cura hanno aiutato i vicini nei momenti di grande lotta. Ma abbiamo anche assistito a come atti di malizia e disinformazione abbiano causato danni evitabili».

«Verso il 2021, abbiamo una scelta semplice, ma profonda da fare. Ignoriamo le lezioni del 2020 e permettiamo agli approcci individualistici, alle teorie del complotto e agli attacchi alla scienza di prevalere, con conseguenti sofferenze inutili per la salute delle persone e la società in generale? Oppure percorriamo insieme gli ultimi chilometri di questa crisi, aiutandoci a vicenda lungo la strada, dalla condivisione equa dei vaccini, all’offrire consigli accurati, compassione e cura a tutti coloro che ne hanno bisogno, come un’unica famiglia globale».

«La scelta è facile. C’è luce alla fine del tunnel e ci arriveremo prendendo il sentiero insieme. L’Oms è con voi: siamo una famiglia e siamo in questa situazione insieme. Auguro a voi e ai vostri cari un nuovo anno sereno, sicuro e sano».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sono stato vaccinato. Cosa posso o non posso fare ora?
Devo continuare ad indossare la mascherina e mantenere il distanziamento? Chi è vaccinato deve adottare le misure di sicurezza anche sul luogo di lavoro? Le risposte dell’ISS
Andreoni: «Covid molto più pericoloso del vaccino. Rischioso ritardare somministrazione seconda dose»
L'infettivologo: «Tante persone rinunciano alla vaccinazione in maniera insensata. Centinaia di decessi giornalieri dovrebbero spaventare molto di più di fenomeni gravissimi ma eccezionali»
Covid-19, l’appello dei medici: «Ospedali ancora sovraccarichi, no a un allentamento prematuro delle restrizioni»
L'intersindacale: «Rallentamento delle restrizioni possibile solo con contagi giornalieri al di sotto di 5.000 casi, ricoveri in area Covid medica e intensiva al di sotto del 40% e 30% e vaccinazione completata almeno per fragili e ultra 60enni»
Nuovo report Cabina di Regia: «Scende incidenza ma terapie intensive ancora sopra soglia critica»
Brusaferro: «Rt in decrescita. L’occupazione delle terapie intensive è ancora sopra il 41% e quella delle aree mediche è superiore al 44%». Rezza: «Variante inglese non può essere più definita variante: è il nuovo ceppo»
Studio Tsunami, il plasma non riduce rischio di peggioramento o morte dei malati Covid
Intervista al coordinatore dello studio Francesco Menichetti: «Debole segnale di vantaggio solo in pazienti senza grave insufficienza respiratoria»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 aprile, sono 136.676.442 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.946.124 i decessi. Ad oggi, oltre 788,19 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...