Professioni Sanitarie 9 Febbraio 2021 12:07

Tecnici di neurofisiopatologia: «In prima linea per la valutazione dei sintomi neurologici da Covid e da lungo allettamento»

Insegnamenti e criticità della pandemia: «La medicina territoriale può fare la differenza nella gestione degli ammalati: siamo arrivati direttamente al letto dei pazienti Covid-free. Penalizzati gli studenti universitari che hanno dovuto rinunciare alla formazione sul campo»

di Isabella Faggiano

Circa il 30% dei pazienti Covid sviluppa sintomi neurologici, così come il prolungato allettamento può avere delle conseguenze sul sistema nervoso. Per questo, i tecnici di neurofisiopatologia si sono ritrovati in prima linea nella gestione dell’emergenza Covid, durante la seconda ondata ancor più nella prima. «Che l’infezione da Covid-19 non coinvolgesse soltanto il sistema respiratorio è stato chiaro solo a distanza di alcune settimane dall’inizio del primo lockdown – racconta Maurizio Vergari, vice presidente AITN (l’Associazione Italiana Tecnici Neurofisiopatologia) e consigliere dell’Ordine delle Professioni Sanitarie di Milano -. Ma quando le evidenze scientifiche hanno chiarito il coinvolgimento anche del sistema nervoso, il nostro lavoro nei reparti Covid si è reso indispensabile attraverso due esami strumentali fondamentali, l’elettroencefalogramma e l’elettromiografia».

Dalle emergenze s’impara

All’esplodere della seconda ondata si era già preparati alla gestione dell’emergenza, ma sono emerse nuove difficoltà da affrontare: «Abbiamo dovuto conciliare il lavoro nei reparti Covid con quello ordinario che, durante il lockdown, era stato interrotto dal dpcm in vigore», aggiunge il professionista sanitario. E come spesso capita, dalle esperienze difficili ed impegnative, sono molti gli insegnamenti da trarre: «Innanzitutto – commenta Vergari – la valorizzazione del territorio: durante le fasi più critiche della pandemia ci siamo spostati nelle abitazioni private per effettuare esami ai pazienti Covid-free. Arrivare a letto del malato, a casa sua, ha un doppio valore: evita che persone fragili frequentino luoghi a rischio come gli ospedali e diminuisce il lavoro a carico degli ambulatori nosocomiali. Le prestazioni a domicilio, o comunque in centri diagnostici territoriali, decentrati dalle strutture ospedaliere, potrebbero rappresentare un nuovo modo di lavorare che, senza dubbio, migliora l’efficienza delle prestazioni erogate dal Ssn».

L’hi-tech

La pandemia non ha offerto solo nuove modalità di lavoro, ma anche strumenti innovativi: «L’incremento dell’utilizzo di nuove tecnologie ha aiutato la gestione dei pazienti ed ha permesso un importante e proficuo confronto tra professionisti di tutta Italia», dice Vergari. Ancora, l’emergenza ha fatto spiccare il valore della multidisciplinarità: «Durante la pandemia, ognuna delle diciannove professioni sanitarie ha avuto il suo ruolo specifico ma, contemporaneamente, si è rafforzato lo spirito di gruppo sia per la ricerca delle migliori evidenze scientifiche per il trattamento del paziente critico, sia per il sostegno psicologico che l’uno ha offerto all’altro, sentendoci meno soli e più supportati nell’affrontare una situazione senza precedenti».

La formazione universitaria

Adesso, mentre il lavoro al fronte continua, resta un importante nodo da sciogliere: «Gli studenti universitari hanno dovuto rinunciare al consueto tirocinio in ospedale, relegando l’esperienza pratica a lezioni online. Un adattamento alle circostanze che, ovviamente, si ripercuoterà sulla preparazione dei tecnici di neurofisiopatologia di domani ai quali – conclude il vice presidente AITN – non può essere preclusa la possibilità di formarsi anche sul campo».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Psico-pandemia, le ragioni per cui non riusciamo a vincere la battaglia contro il virus
Dall’eccessivo paternalismo al bombardamento mediatico che mette in luce le notizie negative. Lo psicoterapeuta: «La vittoria finale non può prescindere dalla coscienza collettiva»
Ostetriche, oltre 20mila professioniste pronte a sostenere la campagna vaccini anti-Covid
La presidente Vicario: «Già nel Regio Decreto, nei primi decenni del ‘900, promuovevamo la diffusione delle vaccinazioni disponibili in qualità di ostetriche condotte. Oggi, sosteniamo la prevenzione di malattie come l’Hpv o le patologie che si possono contrarre in gravidanza»
di Isabella Faggiano
Covid 19 – Il virus della paura sbarca su Infinity
Il docufilm realizzato da Consulcesi e patrocinato dal Ministero della Salute per smontare le fake news e commemorare i medici. Guido Rasi è direttore scientifico del progetto
Covid-19, la barba può diminuire l’efficacia delle mascherine?
Non esistono evidenze scientifiche che dimostrino che la barba possa essere un fattore di maggior rischio di diffusione del Covid-19. Per questo non è possibile affermare che rasarsi con cura e spesso il viso comporti un più alto grado di protezione del soggetto
Chiropratici, in Italia nasce il comitato scientifico per la ricerca in campo sanitario
Wiliams (AIC): «Lotta all’abusivismo e istituzione di una laurea magistrale, come previsto dagli standards internazionali e dalla legge nazionale mai attuata, tra le priorità della nostra Associazione»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...