Salute 9 Febbraio 2021 10:47

Covid-19, Umbria assediata dalle varianti: occupato il 59% delle terapie intensive. Coletto: «La brasiliana causa reinfezioni»

L’assessore alla Sanità umbra: «Stiamo facendo tutto il possibile per mantenere il tracciamento e limitare la circolazione». 500 le persone ricoverate per Covid. Coprifuoco anticipato alle 21. Al Santa Maria della Misericordia contagiati 70 operatori sanitari

Covid-19, Umbria assediata dalle varianti: occupato il 59% delle terapie intensive. Coletto: «La brasiliana causa reinfezioni»

Tutta Italia sta guardando in queste ore a quello che accade in Umbria dove l’emergenza Covid ha avuto negli ultimi giorni una preoccupante impennata, tanto da far ripiombare la regione ai giorni del lockdown di marzo. Colpa delle varianti brasiliana e inglese, come certificato dall’Istituto Superiore di Sanità, che hanno moltiplicato i contagi: i pazienti ricoverati per Covid in Umbria sono 500, con il 59% del totale dei posti letto di terapia intensiva occupato da pazienti Covid. Quasi il doppio della soglia di attenzione fissata dal ministero della Salute al 30%.

«Abbiamo queste due varianti che sono abbastanza pesanti per quello che sono riuscite a provocare – spiega a Sanità Informazione l’assessore alla Sanità della Regione Umbria Luca Coletto -. Stiamo facendo tutto il possibile per mantenere il tracciamento e per limitare la circolazione delle persone e, quindi, la circolazione del virus. Stiamo ritornando a riattivare i reparti Covid che avevamo chiuso per accogliere i nuovi pazienti».

Covid, le zone rosse in Umbria

Da lunedì 8 febbraio tutta la provincia di Perugia è nuovamente in zona rossa, oltre a sei comuni del ternano. Strade deserte, negozi chiusi e aule scolastiche vuote, dagli asili nido alle superiori. È tornata l’autocertificazione per ogni spostamento, anche all’interno dello stesso comune, e il coprifuoco scatta in anticipo, alle 21, fino alle 5 di mattina. Tutto questo fino al 21 febbraio, nella speranza che due settimane siano sufficienti ad arrestare la corsa del virus.

Scenario da prima ondata all’ospedale Santa Maria della Misericordia del capoluogo umbro dove alla fine di gennaio 70 tra medici e operatori sanitari sono risultati positivi e il flusso di pazienti sembra inarrestabile.

Coletto: «Variante brasiliana aggressiva nel reinfettare chi era stato contagiato»

«Ci sono dei cluster all’interno degli ospedali che si sono formati a causa di queste varianti, in particolare la variante brasiliana, particolarmente aggressiva nel reinfettare chi aveva già avuto il virus. Difficile dire perché la variante brasiliana si sia diffusa proprio in Umbria. A fine gennaio due positivi alla variante rientrati dall’Abruzzo erano stati intercettati. Evidentemente in Umbria ha fatto in tempo a circolare», spiega ancora Coletto.

Preoccupa soprattutto l’alta incidenza del contagio in alcuni comuni con meno di duemila abitanti. Fino a pochi giorni fa erano 38 i comuni con una incidenza superiore ai 200 casi ogni 100 mila abitanti: tra loro Scheggino, Bevagna, Foligno, Nocera, Spello, Deruta, Perugia, Amelia, Todi e Città di Castello.

«Sono paesi dove la familiarità è importante e di conseguenza il virus corre molto rapidamente. Più il paese è piccolo e più è facile il contagio. Al contrario in provincia di Terni la situazione è più tranquilla, lì riusciamo a gestirla meglio. Ma bisogna sempre prestare la massima attenzione» conclude Coletto.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dl Covid, Evangelista (M5S): «Finalmente per operatori sanitari punibilità solo per colpa grave»
«Non si può non tenere conto della situazione e del contesto in cui i nostri sanitari hanno operato durante quest’anno per far fronte al Covid-19» sottolinea la senatrice M5S
David Donatello 2021, premiati i sanitari del Lazio. Marongiu: «Una grande e inaspettata emozione»
Consegnate le targhe d’onore a tre professionisti sanitari laziali: Silvia Angeletti, Ivanna Legkar e Stefano Marongiu. Quest'ultimo, nell'intervista a Sanità Informazione, dichiara: «Abbiamo bisogno di sognare e riflettere e il cinema, in questo, è maestro»
Il vaccino con birra in omaggio. Ecco come nel mondo si convincono i più scettici
Alcolici ma anche ciambelle, buoni sconto, premi. Dopo il boom iniziale che ha portato alcuni Paesi a vaccinare a tappeto si pensano modi alternativi per attirare più persone possibile
La Simedet lancia la “Guida pratica al Covid 19 delle professioni sanitarie”. Prefazione del Ministro Speranza
«Un lavoro enorme che ha coinvolto decine di professionisti di ogni parte d'Italia e che ci permette di avere una risposta basata sulle attuali conoscenze ma pratica e utile per tutti gli operatori» spiega una nota della Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Estate e mascherine, il vademecum per una convivenza meno complicata
I dermatologi della SIDeMaST hanno realizzato un vademecum per far “convivere” temperature alte e mascherine, per evitare irritazioni dovute a dermatite da contatto e il peggioramento di acne e rosacea
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 maggio, sono 159.703.471 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.318.053 i decessi. Ad oggi, oltre 1,32 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...