Politica 30 Dicembre 2019

Umbria, l’assessore Coletto: «Rinnovare la programmazione per migliorare la sanità»

La presidente della Regione Donatella Tesei: «Razionalizzazione e specializzazione saranno le parole chiave della nostra sanità»

Umbria, l’assessore Coletto: «Rinnovare la programmazione per migliorare la sanità»

Rivedere la pianificazione sanitaria perché aderisca alle necessità del territorio. Questo l’obiettivo principale che si pone l’assessore alla Sanità della Regione Umbria Luca Coletto, che proprio in queste ore ha trovato l’accordo, insieme alla presidente della Regione Donatella Tesei, sui nomi del ‘superdirettore’ regionale alla sanità (Claudio Dario) e dei due nuovi commissari (Sandro Pasqui a Perugia e Massimo De Fino a Terni).

«La sanità umbra è già una buona sanità ma può migliorare molto di più – ha dichiarato Coletto a Sanità Informazione -. Ci aspetta quindi un grande lavoro di squadra, da fare con il Consiglio e la Giunta, per rinnovare la programmazione».

Linee di azione confermate, nei giorni scorsi, dalla presidente Tesei che, illustrando all’Assemblea legislativa il programma di governo regionale, ha parlato di un rilancio della sanità «migliorando i servizi ed efficientando la macchina organizzativa. Razionalizzazione e specializzazione dovranno essere le parole chiave della nostra sanità», ha aggiunto, ricordando che «la sanità umbra viene sbandierata come una delle migliori d’Italia, ma oggi è profondamente scaduta in termini di qualità percepita delle prestazioni, nonostante lo sforzo di medici e infermieri».

Una sanità, quella della Regione, che ha attraversato lo scandalo dei concorsi truccati. Cosa fare per evitare che accada di nuovo? «Non bisogna inventare nulla – risponde Coletto – visto che le pratiche dell’Anac e dell’Agenas ci sono già. Quel che è certo è che la trasparenza è uno dei cavalli di battaglia dell’amministrazione umbra».

LEGGI ANCHE: #DESTINAZIONESANITÀ IN UMBRIA. CONTI IN ORDINE SULLE SPALLE DEI MEDICI?

Articoli correlati
Speranza rinnova zona arancione per Basilicata, Umbria e Liguria. PA Bolzano resta rossa
Basilicata, Liguria e Umbria rimangono in fascia arancione e la provincia autonoma di Bolzano in zona rossa. Lo stabilisce la nuova ordinanza fino al 3 dicembre
Elezioni Umbria, Donatella Tesei (centrodestra) è il nuovo presidente: «Ripartiremo dal merito in sanità»
«Va fatto sì che la sanità umbra - ha dichiarato la neo governatrice in un'intervista a Il Messaggero - possa essere attrattiva per i migliori professionisti e per l'utenza che vi si rivolge». Tesei ha vinto raccogliendo quasi il 37% dei voti della Lega e l'oltre 10% ottenuto da Fratelli D'Italia
#DestinazioneSanità in Umbria. Conti in ordine sulle spalle dei medici?
GUARDA IL VIDEO | Nonostante sia Regione benchmark da sei anni, anche in Umbria la sanità rischia di crollare. La nuova puntata del reportage di Sanità Informazione in collaborazione con il sindacato CIMO
Tumori rari, 30% delle diagnosi non corrette. Stillo (Ass. Dossetti): «Al sud intere regioni prive di punti di riferimento»
Il Responsabile dell’Osservatorio Tutela Civica dell’associazione Dossetti Corrado Stillo sottolinea: «La legge sul registro tumori è rimasta sulla carta, servono decreti attuativi». Il sottosegretario Coletto: «Telemedicina e equipe mobili per essere vicini ai pazienti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 novembre, sono 59.787.369 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.409.639 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli