Politica 30 Dicembre 2019

Umbria, l’assessore Coletto: «Rinnovare la programmazione per migliorare la sanità»

La presidente della Regione Donatella Tesei: «Razionalizzazione e specializzazione saranno le parole chiave della nostra sanità»

Immagine articolo

Rivedere la pianificazione sanitaria perché aderisca alle necessità del territorio. Questo l’obiettivo principale che si pone l’assessore alla Sanità della Regione Umbria Luca Coletto, che proprio in queste ore ha trovato l’accordo, insieme alla presidente della Regione Donatella Tesei, sui nomi del ‘superdirettore’ regionale alla sanità (Claudio Dario) e dei due nuovi commissari (Sandro Pasqui a Perugia e Massimo De Fino a Terni).

«La sanità umbra è già una buona sanità ma può migliorare molto di più – ha dichiarato Coletto a Sanità Informazione -. Ci aspetta quindi un grande lavoro di squadra, da fare con il Consiglio e la Giunta, per rinnovare la programmazione».

Linee di azione confermate, nei giorni scorsi, dalla presidente Tesei che, illustrando all’Assemblea legislativa il programma di governo regionale, ha parlato di un rilancio della sanità «migliorando i servizi ed efficientando la macchina organizzativa. Razionalizzazione e specializzazione dovranno essere le parole chiave della nostra sanità», ha aggiunto, ricordando che «la sanità umbra viene sbandierata come una delle migliori d’Italia, ma oggi è profondamente scaduta in termini di qualità percepita delle prestazioni, nonostante lo sforzo di medici e infermieri».

Una sanità, quella della Regione, che ha attraversato lo scandalo dei concorsi truccati. Cosa fare per evitare che accada di nuovo? «Non bisogna inventare nulla – risponde Coletto – visto che le pratiche dell’Anac e dell’Agenas ci sono già. Quel che è certo è che la trasparenza è uno dei cavalli di battaglia dell’amministrazione umbra».

LEGGI ANCHE: #DESTINAZIONESANITÀ IN UMBRIA. CONTI IN ORDINE SULLE SPALLE DEI MEDICI?

Articoli correlati
Umbria, Manai-Bori (Pd): «Assurda decisione Giunta Tesei di escludere dall’indennità specializzandi e personale ammalato»
«Trovo sconcertante che in Umbria la Giunta Tesei abbia escluso dall’indennità gli operatori sanitari che si ammalano a causa del coronavirus e non abbia messo un solo euro per finanziare il bonus a favore del personale sanitario, al contrario del governo che ha stanziato ben 11 milioni di euro». Così Stefano Manai, Responsabile nazionale della […]
Elezioni Umbria, Donatella Tesei (centrodestra) è il nuovo presidente: «Ripartiremo dal merito in sanità»
«Va fatto sì che la sanità umbra - ha dichiarato la neo governatrice in un'intervista a Il Messaggero - possa essere attrattiva per i migliori professionisti e per l'utenza che vi si rivolge». Tesei ha vinto raccogliendo quasi il 37% dei voti della Lega e l'oltre 10% ottenuto da Fratelli D'Italia
#DestinazioneSanità in Umbria. Conti in ordine sulle spalle dei medici?
GUARDA IL VIDEO | Nonostante sia Regione benchmark da sei anni, anche in Umbria la sanità rischia di crollare. La nuova puntata del reportage di Sanità Informazione in collaborazione con il sindacato CIMO
Tumori rari, 30% delle diagnosi non corrette. Stillo (Ass. Dossetti): «Al sud intere regioni prive di punti di riferimento»
Il Responsabile dell’Osservatorio Tutela Civica dell’associazione Dossetti Corrado Stillo sottolinea: «La legge sul registro tumori è rimasta sulla carta, servono decreti attuativi». Il sottosegretario Coletto: «Telemedicina e equipe mobili per essere vicini ai pazienti»
Test Specializzazioni, Guicciardi (FederSpecializzandi): «Malumore alto, per la prima volta non c’è certezza sui posti disponibili»
«Molte perplessità sul Dl Calabria: percorso di formazione potrebbe allungarsi e lo stipendio da dirigente non sarà cumulabile con quello di specializzazione» sottolinea il Presidente dell’associazione che raccoglie i medici specializzandi. Poi replica al Sottosegretario Coletto: «Contestiamo la narrazione secondo cui siamo poveri studenti bloccati dentro le mura dei Policlinici ad assistere quello che fanno gli altri»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco