Professioni Sanitarie 26 Luglio 2021 17:04

Tecnici della riabilitazione psichiatrica, dall’OMS la guida ai “servizi di salute mentale territoriali”

Rossi e Silveri (AITeRP): «Formazione e ricerca il fulcro del documento. La guida è in linea con la mission della nostra associazione e con gli obiettivi del PNRR»

di Isabella Faggiano

Investire nella formazione per migliorare la rete di assistenza territoriale della salute mentale ed eliminare le disuguaglianze tra i servizi offerti nelle varie Regioni d’Italia. È questo il monito dai rappresentanti dell’AITeRP, l’Associazione italiana dei tecnici della riabilitazione psichiatrica, a poche settimane dalla pubblicazione della “Guida dell’OMS sui servizi di salute mentale territoriali”.

Il documento si inserisce all’interno del Programma Quality Rights e nel contesto storico post pandemico di rilancio globale che, In Italia, trova la sua programmazione attraverso il PNRR.

Obiettivi del documento

«Grazie a questa pubblicazione – spiega Luca Rossi, Tesoriere nazionale AITeRP – l’Oms intende fornire informazioni e linee guida a tutti coloro che desiderano sviluppare o trasformare il proprio sistema di salute mentale in servizi territoriali». Il documento è unico nel suo genere: «Per la prima volta si ritrova una mappatura delle buone pratiche presenti nei servizi di tutto il mondo, ossia tutti quelli che si caratterizzano per un approccio innovativo, integrato nella comunità, rispettoso dei diritti umani e promuovente azioni di cittadinanza attiva, con una sezione dedicata interamente alle azioni concrete da intraprendere per realizzare servizi territoriali basati sui diritti», aggiunge il tesoriere.

Il focus

Formazione e ricerca rappresentano il fulcro delle raccomandazioni dell’Oms. «Lo scopo è di permettere quindi una maggiore specializzazione dei futuri professionisti su alcune tematiche di particolare rilevanza come, ad esempio, l’approccio basato sull’empowerment e sulla recovery», aggiunge Laura Silveri, consigliere AITeRP.

«Le raccomandazioni dell’OMS sono in linea con gli obiettivi compresi nella mission di AITeRP, che attende da parte del ministero della salute il riconoscimento in Associazione Tecnico Scientifica. AITeRP intende contribuire ad implementare la formazione e la ricerca in salute mentale sulla riabilitazione psichiatrica e psicosociale – dice Silveri – sostenendo il paradigma dell’appropriatezza degli interventi, in merito alle pratiche e agli approcci basati, oltre che sui diritti, sulle buone pratiche e sulle evidenze scientifiche».

Salute e contesto socioeconomico

Per migliorare i servizi dedicati alla Salute Mentale è fondamentale anche intervenire sul territorio, considerato dal punto di vista sociale. «Molti disturbi mentali sappiamo essere plasmati in larga misura dal contesto sociale, economico, e fisico in cui le persone vivono.  Le disuguaglianze sociali sono associate ad un aumento del rischio per molti disturbi mentali. Agire per migliorare le condizioni di vita quotidiana da prima della nascita, durante la prima infanzia, in età scolare, durante la creazione del nucleo familiare, nel corso dell’età lavorativa e durante la vecchiaia – sottolinea Rossi – permette sia di migliorare le condizioni di salute mentale nella popolazione, che di ridurre il rischio per quei disturbi mentali associati alle disuguaglianze sociali».

Dal PNRR alle politiche mondiali

Ancora una volta gli obiettivi dell’OMS si sovrappongono a quelli del PNRR, stavolta in merito alla necessità di porre maggiore attenzione alla protezione e all’inclusione sociale, fondamentale per aiutare a superare le disuguaglianze. «Questo significa, a livello mondiale, ripensare politiche, leggi, servizi e pratiche nei diversi settori della società che hanno un’influenza negativa sulle persone, specie quelle fragili con disagio mentale e disabilità psicosociale, ripensare quindi all’organizzazione dei servizi di salute mentale anche nel nostro Paese per garantire cure efficaci ed appropriate e in luoghi di cura appropriati», commenta Silveri.

Non è un caso, dunque, che tra i prossimi obiettivi di AITeRP  ci sia la promozione di una rete formativa trasversale «necessaria a promuovere progetti formativi per operatori di diversa estrazione sanitaria e sociale che, in diverso modo – concludono i membri AITeRP -, sono coinvolti in seno alla comunità, proprio per fornire strumenti e competenze per affrontare la sfida del lavoro complesso territoriale».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
PNRR, al via la sfida per l’integrazione sociosanitaria tra territorio e digitalizzazione
A Napoli il Laboratorio Sanità 20/30, tra punti cruciali gli investimenti per la formazione e i contratti per la dirigenza
Milano, cittadini contro la Casa di Comunità: «No alla cattedrale nel deserto»
Raccolte 6000 firme dal Comitato Bonola per esprimere il malcontento a Regione Lombardia sulla Casa di Comunità che dovrebbe sorgere tra i palazzi di via Ugo Betti. La vicepresidente: «Mancano i medici di base e il terreno su cui dovrebbe sorgere la Casa di Comunità attende la bonifica dall’amianto»
Digital medicine, i 4 passi prima del decollo: inserimento nei Lea, monitoraggio d’efficacia, 4G e digital assistant
Cicchetti (ALTEMS): «È necessario che ogni prestazione digitale sia inserita nel tariffario dei LEA così da garantirne la rimborsabilità attraverso il Sistema Sanitario Nazionale. La commercializzazione degli strumenti di Digital Medicine, senza le procedure di rimborsabilità e di prezzo, espone tali tecnologie all’acquisto discrezionale da parte delle Regioni e delle ASL, senza assicurare l’unitarietà di accesso per tutti i cittadini»
Medicina territoriale, Cavicchi: «DM71 è una controriforma, non si può spaccare il medico di famiglia a metà»
Il professore di Sociologia delle organizzazioni sanitarie contesta la riforma dell’assistenza sanitaria territoriale in atto e mette in guardia dal rischio privatizzazione: «L’obiettivo è quello di mandare in pensione il medico di medicina generale pubblico e di sostituirlo con delle agenzie private, tremo all’idea»
di Francesco Torre
ECM, Leoni (Fnomceo): «Prima responsabilità verso il paziente. Per deontologia e per legge»
L’intervista a tutto tondo a Sanità Informazione: «Formazione ECM uno stimolo ogni giorno. Investire sul personale medico e infermieristico, riprogrammare le risorse per la sanità territoriale. Bisogna considerare la sanità come un investimento e non come un costo in termini di salute dei cittadini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...