Professioni Sanitarie 8 Gennaio 2021 12:48

Ortottisti. Fiore (Aiorao): «Puntiamo alla presenza sul territorio, accanto a pediatri e medici di famiglia»

Dalla pandemia gli insegnamenti per un anno migliore, la presidente Aiorao: «L’emergenza ci ha mostrato il significato dell’aggregazione con le altre professioni, il ritrovarsi tutti sotto uno stesso ordine, pur mantenendo ognuno le proprie specificità professionali»

di Isabella Faggiano

«Vaccinarci contro il Covid-19 è una presa di responsabilità di cui ogni operatore sanitario deve farsi carico, nel rispetto dei propri pazienti ed anche dei propri familiari, soprattutto i più anziani». Ne è convita Daniela Fiore, presidente nazionale Aiorao, l’Associazione Italiana Ortottisti Assistenti di Oftalmologia, che ha cominciato il nuovo anno proprio sottoponendosi alla prima dose della vaccinazione.

I progetti per il nuovo anno

Intanto, gli ortottisti si stanno già preparando ad affrontare il 2021: è la formazione uno dei principali obiettivi che l’Aiorao intende perseguire per i prossimi dodici mesi. «In qualità di associazione tecnico-scientifica – dice la presidente Fiore – abbiamo il compito di contribuire alla stesura delle linee guida. Come per gli anni precedenti, anche nel 2021 la nostra mission sarà rivolta prevalentemente alla formazione, ovviamente nei limiti e nelle modalità che questa pandemia ci permetterà. Prima di proporre una nuova offerta formativa procederemo ad una mappatura del territorio che ci permetta di capire quali sono i problemi più sentiti dai nostri colleghi di tutta Italia».

Gli insegnamenti della pandemia

Ma se da un lato l’emergenza Covid ha imposto il mantenimento delle distanze anche tra gli stessi professionisti, dall’altro ha rappresentato un’importante esperienza da cui trarre degli insegnamenti. «La pandemia ci ha mostrato il significato dell’aggregazione con le altre professioni, il ritrovarsi tutti sotto uno stesso ordine, pur mantenendo ognuno le proprie specificità professionali – puntualizza l’ortottista -. Nel rapporto con i nostri pazienti, invece, ci ha indicato modalità alternative, ma pur sempre efficaci, di contatto, dalle videochiamate agli incontri virtuali che ci hanno consentito di verificare l’andamento dei trattamenti in corso».

L’ortottista “di famiglia”

La pandemia ha messo a dura prova l’intero Sistema Sanitario, facendo emergere nuove criticità o amplificando quelle già esistenti. «L’emergenza da Covid-19 ha evidenziato le carenze del sistema di assistenza territoriale che, spesso – aggiunge Fiore – non riesce a soddisfare i reali bisogni di salute dei cittadini. Uno degli obiettivi che intendiamo perseguire, infatti, è proprio il rafforzamento di questa rete, puntando alla diffusione dell’ortottista sul territorio, insieme agli altri terapisti della riabilitazione. Prevedere la presenza di un ortottista nello studio dei medici di medicina generale o accanto ai pediatri di libera scelta permetterebbe una valutazione precoce e mirata di tante patologie che sono di nostra competenza, snellendo le liste di attesa delle visite ambulatoriali e limitando gli accessi negli ospedali».

Vaccino per tutti i sanitari

Intanto, sulla scia della presidente Fiore, anche gli altri professionisti si sottoporranno alla vaccinazione anti-Covid. «È fondamentale che tutti i sanitari seguano il piano vaccinale. Un atto di prevenzione così importante che si auspica possa essere esteso anche ai professionisti sanitari impegnati in ambito privato e libero-professionale, spesso più a rischio dei colleghi impiegati nel pubblico e nel privato accreditato, categorie alle quali – conclude l’ortottista – è attualmente riservata questa prima tranche di somministrazione del vaccino».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Chirurgia, Basile (Sic): «Recuperare il milione di interventi saltati per la pandemia»
Istituito tavolo tecnico al Ministero della salute per recuperare gli interventi chirurgici sospesi durante la pandemia. Il presidente della Società italiana di chirurgia: «Abbiamo bisogno di soluzioni per poter garantire in tempi brevi l’operazione ad ogni paziente»
Terza dose di vaccino, chi deve farla e perché? È sicura? Le risposte dell’Aifa
Da lunedì 20 settembre la somministrazione della terza dose di vaccino è diventata realtà. L’Agenzia italiana del Farmaco risponde alle domande più comuni
Midollo, nuovi donatori in (lieve) aumento ma sono ancora pochi: +12,1% nei primi 8 mesi del 2021
Cresce il numero di iscritti al Registro IBMDR rispetto al 2020 ma prima della pandemia erano 10mila in più. Fino a sabato oltre 100 appuntamenti negli ospedali e nelle piazze con i volontari delle associazioni dei donatori per la settimana di sensibilizzazione “Match it now”
TSRM, Galdieri: «Tecnici di radiologia siano inseriti nelle équipe delle Case di Comunità»
La presidente della CdA nazionale dei TSRM Carmela Galdieri ricorda il periodo più difficile della pandemia: «Esperienza che porterò nella mia pratica professionale per tutta la vita». Poi promuove l’idea di creare un Direttore Asistenziale: «È una grande opportunità a favore della necessaria riorganizzazione del servizio sanitario»
di Francesco Torre
Terza dose da oggi in Italia, ma gli esperti sono divisi: «Dati ancora non chiari»
Per ora la platea interessata è formata da circa 3 milioni di immunocompromessi ma si discute sulla possibilità di estenderla a tutta la popolazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 settembre, sono 229.083.964 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.700.041 i decessi. Ad oggi, oltre 5,93 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco