Professioni Sanitarie 8 Gennaio 2021 12:48

Ortottisti. Fiore (Aiorao): «Puntiamo alla presenza sul territorio, accanto a pediatri e medici di famiglia»

Dalla pandemia gli insegnamenti per un anno migliore, la presidente Aiorao: «L’emergenza ci ha mostrato il significato dell’aggregazione con le altre professioni, il ritrovarsi tutti sotto uno stesso ordine, pur mantenendo ognuno le proprie specificità professionali»

di Isabella Faggiano

«Vaccinarci contro il Covid-19 è una presa di responsabilità di cui ogni operatore sanitario deve farsi carico, nel rispetto dei propri pazienti ed anche dei propri familiari, soprattutto i più anziani». Ne è convita Daniela Fiore, presidente nazionale Aiorao, l’Associazione Italiana Ortottisti Assistenti di Oftalmologia, che ha cominciato il nuovo anno proprio sottoponendosi alla prima dose della vaccinazione.

I progetti per il nuovo anno

Intanto, gli ortottisti si stanno già preparando ad affrontare il 2021: è la formazione uno dei principali obiettivi che l’Aiorao intende perseguire per i prossimi dodici mesi. «In qualità di associazione tecnico-scientifica – dice la presidente Fiore – abbiamo il compito di contribuire alla stesura delle linee guida. Come per gli anni precedenti, anche nel 2021 la nostra mission sarà rivolta prevalentemente alla formazione, ovviamente nei limiti e nelle modalità che questa pandemia ci permetterà. Prima di proporre una nuova offerta formativa procederemo ad una mappatura del territorio che ci permetta di capire quali sono i problemi più sentiti dai nostri colleghi di tutta Italia».

Gli insegnamenti della pandemia

Ma se da un lato l’emergenza Covid ha imposto il mantenimento delle distanze anche tra gli stessi professionisti, dall’altro ha rappresentato un’importante esperienza da cui trarre degli insegnamenti. «La pandemia ci ha mostrato il significato dell’aggregazione con le altre professioni, il ritrovarsi tutti sotto uno stesso ordine, pur mantenendo ognuno le proprie specificità professionali – puntualizza l’ortottista -. Nel rapporto con i nostri pazienti, invece, ci ha indicato modalità alternative, ma pur sempre efficaci, di contatto, dalle videochiamate agli incontri virtuali che ci hanno consentito di verificare l’andamento dei trattamenti in corso».

L’ortottista “di famiglia”

La pandemia ha messo a dura prova l’intero Sistema Sanitario, facendo emergere nuove criticità o amplificando quelle già esistenti. «L’emergenza da Covid-19 ha evidenziato le carenze del sistema di assistenza territoriale che, spesso – aggiunge Fiore – non riesce a soddisfare i reali bisogni di salute dei cittadini. Uno degli obiettivi che intendiamo perseguire, infatti, è proprio il rafforzamento di questa rete, puntando alla diffusione dell’ortottista sul territorio, insieme agli altri terapisti della riabilitazione. Prevedere la presenza di un ortottista nello studio dei medici di medicina generale o accanto ai pediatri di libera scelta permetterebbe una valutazione precoce e mirata di tante patologie che sono di nostra competenza, snellendo le liste di attesa delle visite ambulatoriali e limitando gli accessi negli ospedali».

Vaccino per tutti i sanitari

Intanto, sulla scia della presidente Fiore, anche gli altri professionisti si sottoporranno alla vaccinazione anti-Covid. «È fondamentale che tutti i sanitari seguano il piano vaccinale. Un atto di prevenzione così importante che si auspica possa essere esteso anche ai professionisti sanitari impegnati in ambito privato e libero-professionale, spesso più a rischio dei colleghi impiegati nel pubblico e nel privato accreditato, categorie alle quali – conclude l’ortottista – è attualmente riservata questa prima tranche di somministrazione del vaccino».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Albenga (Savona), l’appello del sindaco Tomatis: «Ridateci il Pronto Soccorso»
Chiuso durante il Covid, il punto di primo intervento della cittadina ligure non ha riaperto dopo la pandemia. I cittadini hanno dato vita al movimento “senzaprontosoccorsosimuore”, raccolto firme e scritto al Presidente della Regione Liguria, mentre il Pronto Soccorso del Santa Corona a Pietra Ligure ora è al collasso
Scadenza triennio ECM: «Nessuna scusa per chi non ha completato aggiornamento per pigrizia o indolenza»
Mazzacane (Goal): «Lettera Cogeaps è un atto di buona volontà. Gli ordini si adopereranno per informare gli iscritti». Foschi (Cic): «Paradossale che una professione complessa come quella medica abbia un unico momento di “abilitazione”». D’Anna (Onb): «Solo aggiornandosi un operatore sanitario può svolgere al meglio la propria professione»
Montagna che passione, ma più attenzione in alta quota. In arrivo nuovo corso Consulcesi
La montagna si conferma tra le mete estive privilegiate ma i medici avvertono: «Attenzione ai disturbi quando si sale di quota»
Formazione ECM, Magi (OMCeO Roma): «Azioni disciplinari per chi non è in regola»
Falcinelli (OMCeO Ravenna): «Compito degli Ordini stimolare gli iscritti e verificare crediti». Lazzari (Cnop): «Aggiornamento continuo essenziale»
Scuole e università per orfani di medici, il supporto di Enpam
Dalle medie agli atenei passando per i collegi Onaosi, una panoramica dei sussidi offerti ai figli dei colleghi deceduti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 agosto, sono 587.500.701 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.427.422 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale