Professioni Sanitarie 27 Novembre 2020 12:32

Andid, al via il 32º Congresso nazionale. L’impegno dei dietisti tra i nuovi ordini professionali e la tutela della salute pubblica

La professione in epoca Covid: dalla malnutrizione dei pazienti gravi alla nutrizione per eccesso causata dall’isolamento. L’intervista a Marco Tonelli, presidente della Commissione d’albo Dietisti

di Isabella Faggiano

I nuovi scenari professionali con l’istituzione degli ordini, il codice etico in fase di realizzazione, le politiche alimentari per la salute dei cittadini: sono solo alcuni degli argomenti che saranno affrontati durante il 32º Congresso nazionale Andid, l’Associazione nazionale dietisti. «L’evento inaugurato oggi, si concluderà nella giornata di domani – dice Marco Tonelli, presidente della Commissione d’albo Dietisti -. L’evento, a causa dell’emergenza Covid, è stato organizzato in modalità digitale, con una versione abbreviata di relazioni sincrone e la realizzazione di una successiva FAD congressuale. Un’intera sessione sarà dedicata alle nuove linee guida per una sana alimentazione, con un hot topics in ambito di salute pubblica sugli zuccheri, il sale e gli alimenti processati. Si parlerà inoltre di composizione corporea, di nutrizione artificiale, della position dei dietisti sul pasto ad elevata densità nutritiva e delle sinergie oncologo-dietista in ambito clinico e di ricerca. Per rendere più facilmente fruibile l’evento – aggiunge Tonelli – sono stati previsti anche momenti interattivi di fitness sensoriale, nudging e tai ji e un virtual show coking».

A risentire dell’effetto della pandemia non solo il Congresso nazionale, ma anche l’impegno quotidiano del dietista chiamato a rispondere a nuovi bisogni di salute, non solo dei pazienti Covid, dai gravi ai paucisintomatici, ma anche di coloro che a causa del virus hanno completante modificato i propri stili di vita, quello alimentare compreso.

«La corretta alimentazione, intesa come stato nutrizionale ottimale – continua il presidente della Commissione d’albo Dietisti – rafforza la resilienza degli individui, quella capacità di fronteggiare al meglio le situazioni di difficoltà, come l’attuale diffusione del nuovo Coronavirus. Questo vale per tutti, anche per coloro che non soffrono di alcuna patologia. Per le persone malate, comprese quelle affette da Covid-19, l’intervento nutrizionale rappresenta una strategia efficace a basso rischio che riesce a migliorare lo stato di salute generale e la qualità di vita dell’individuo. È dimostrato che le persone malnutrite restano ricoverate più a lungo ed anche una volta dimesse sono esposte ad un maggiore rischio di ospedalizzazione. In particolare, i malati affetti da SARS-CoV-2, in condizioni così gravi da necessitare di terapie invasive e degenze lunghe, di solito necessitano di una successiva riabilitazione nutrizionale a domicilio».

Anche i pazienti Covid positivi non ricoverati o paucisintomatici sono più predisposti a problemi di malnutrizione. «Per questo – spiega Tonelli – è necessario che tutti siano sottoposti ad una precoce valutazione, così da prescrivere l’adeguato supporto nutrizionale, prima che si presentino delle carenze più o meno gravi. Un intervento necessario soprattutto tra quei pazienti che accusano sintomi come la perdita del gusto, dell’olfatto o l’inappetenza».

E infine ci sono coloro che pur non avendo contratto il virus possono manifestare difficoltà legate alla nutrizione. «Si tratta soprattutto di chi trascorre molto più tempo di prima a casa, diminuendo anche il livello di attività fisica. Il rischio per questi soggetti – dice lo specialista – è di malnutrizione per eccesso, un problema grave quanto la carenza di nutrizione».

Mangiare bene è dunque importante per tutti, non solo per coloro che hanno superato o stanno ancora affrontando l’infezione da Covid-19: «Un’alimentazione sana ed equilibrata – conclude Tonelli – è sempre un ottimo aiuto per rinforzare il sistema immunitario di chiunque».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sono stato vaccinato. Cosa posso o non posso fare ora?
Devo continuare ad indossare la mascherina e mantenere il distanziamento? Chi è vaccinato deve adottare le misure di sicurezza anche sul luogo di lavoro? Le risposte dell’ISS
Piano oncologico nazionale, medicina territoriale e vaccini nella settimana parlamentare. Informativa di Speranza alla Camera
È ancora la campagna vaccinale a tenere banco nella politica italiana. Il Ministro della Salute ne parlerà a Montecitorio giovedì 15 aprile. In Commissione Sanità audizioni su impatto della DAD e potenziamento medicina territoriale. Risoluzione sulla salute dei bambini in Commissione Affari Sociali
Covid-19, l’appello dei medici: «Ospedali ancora sovraccarichi, no a un allentamento prematuro delle restrizioni»
L'intersindacale: «Rallentamento delle restrizioni possibile solo con contagi giornalieri al di sotto di 5.000 casi, ricoveri in area Covid medica e intensiva al di sotto del 40% e 30% e vaccinazione completata almeno per fragili e ultra 60enni»
Nuovo report Cabina di Regia: «Scende incidenza ma terapie intensive ancora sopra soglia critica»
Brusaferro: «Rt in decrescita. L’occupazione delle terapie intensive è ancora sopra il 41% e quella delle aree mediche è superiore al 44%». Rezza: «Variante inglese non può essere più definita variante: è il nuovo ceppo»
Studio Tsunami, il plasma non riduce rischio di peggioramento o morte dei malati Covid
Intervista al coordinatore dello studio Francesco Menichetti: «Debole segnale di vantaggio solo in pazienti senza grave insufficienza respiratoria»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 aprile, sono 136.676.442 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.946.124 i decessi. Ad oggi, oltre 788,19 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...