Professioni Sanitarie 9 Dicembre 2019

Professioni sanitarie, Agostini (ANDID): «Ecco perché i dietisti giocano ruolo chiave nella prevenzione»

Sono circa 4mila i dietisti in Italia. La professione è confluita nel maxi Ordine TSRM e PSTRP. «Essere insieme a tutte le altre professioni non può che arricchirci» sottolinea Susanna Agostini, consigliere ANDID, Associazione Nazionale Dietisti

«Possiamo giocare un ruolo di grande importanza nella prevenzione delle patologie e far risparmiare molti soldi al sistema sanitario pubblico». Susanna Agostini, dietista e Consigliere nazionale ANDID, Associazione Nazionale dietisti, rivendica il ruolo della sua categoria nel sistema sanitario pubblico. Infatti stili di vita e corretta alimentazione possono avere una influenza determinante nella cura e prevenzione di tante patologie. I dietisti sono confluiti nella federazione degli Ordini delle professioni sanitarie TSRM e PSTRP nata con la legge 3 del 2018, un passaggio importante per la categoria che conta circa 4mila professionisti: «L’Ordine ha un ruolo fondamentale di tutela non tanto professionale quanto piuttosto del cittadino, dell’etica dei professionisti e delle competenze tecnico professionali che possiamo esprimere» sottolinea Agostini. I dietisti si trovano principalmente nei Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica degli Ospedali e in altre strutture pubbliche ma stanno aumentando coloro che esercitano in regime di libera professione.

Dottoressa, voi dietisti siete soddisfatti del processo che ha portato alla costituzione dell’Ordine TSRM e PSTRP?

«Assolutamente sì, è veramente un evento di importanza epocale al quale anche i dietisti per tramite dell’associazione di cui sono consigliere hanno contribuito. Abbiamo atteso per anni questo momento».

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, A RIMINI IL PRIMO CONGRESSO. BEUX: «MODELLO OSPEDALIERO VA SUPERATO, TUTTI POSSIAMO DARE CONTRIBUTO A SALUTE»

Perché per voi è importante l’ordine?

«L’ordine ha un ruolo fondamentale di tutela non tanto professionale quanto piuttosto del cittadino, dell’etica dei professionisti e delle competenze tecnico professionali che possiamo esprimere. Essere insieme a tutte le altre professioni non può che arricchirci».

Quanti siete come dietisti più o meno?

«Nelle nostre stime avevamo calcolato 4mila dietisti sul territorio italiano e la stima si è dimostrata veritiera in quanto abbiamo raggiunto i 4mila iscritti all’Ordine e quindi all’albo dei dietisti poco fa».

Alle istituzioni sanitarie e politiche avete delle richieste da porre?

«Certamente noi abbiamo con molta chiarezza una idea rispetto a quello che è l’alimentazione come determinante di salute. Possiamo lavorare sugli stili alimentari non solo per quanto riguarda la dietetica applicata per patologia, quindi il recupero dello stato di salute in numerose situazioni di salute correlate alla nutrizione ma possiamo svolgere un ruolo chiave in tutta quella che è la partita della prevenzione. Chiediamo quindi che le istituzioni non dimentichino questo aspetto peculiare che consente di guadagnare salute semplicemente modificando uno stile di vita e uno stile alimentare con interventi di costo molto contenuto: è stato dimostrato un grande risparmio per la sanità in termini di ricoveri, quindi con una diminuzione dei ricoveri piuttosto che un risparmio per quanto riguarda le terapie farmacologiche».

Voi lavorate privatamente o nel pubblico?

«Per lo più abbiamo una presenza nelle strutture pubbliche ma sta diventando sempre più ampia la platea dei dietisti che lavora in libera professione».

Quand’è che un cittadino deve andare dal dietista?

«Il cittadino può andare dal dietista in tutte le fasi della propria vita. A cominciare dai genitori nella fase di concepimento, perché una corretta alimentazione imposta già quello che può essere l’investimento di salute del bambino e quindi del futuro adulto. Una corretta gestione della dieta e dell’alimentazione investe tutto l’arco della nostra vita dalla nascita fino alla terza età».

 

Articoli correlati
TSRM e PSTRP, Beux: «Elenchi speciali, ecco perché c’è la proroga fino al 30 giugno»
Il presidente del Maxi Ordine delle professioni sanitarie commenta le recenti elezioni per le Commissioni d’Albo provinciali: «Bassa affluenza segnala disaffezione verso istituzioni». E sulla Consulta: «Bene, ma ora programmazione»
Tecnici di laboratorio, ANTEL verso la trasformazione in ATS. Cabrini: «Fino alla costituzione della CdA Nazionale restiamo di supporto a Ordini»
La presidente dell’associazione dei Tecnici di laboratorio annuncia il passaggio ad Associazione Tecnico Scientifica. Ma prima della Costituzione della Commissione d’Albo nazionale «proseguirà nel 2020 con un mandato di vigilanza e linee di indirizzo politiche fino alla costituzione»
CIMO impugna la delibera del Veneto sulle competenze avanzate delle professioni sanitarie
«La deliberazione impugnata è in pretesa applicazione del contratto collettivo nazionale del comparto Sanità ed in contrasto con la normativa di legge nazionale», spiega il sindacato
Nasce la Consulta permanente delle professioni sanitarie. Speranza: «Luogo di confronto e dialogo»
Anelli (FNOMCeO): «Soddisfazione e orgoglio». Mangiacavalli (FNOPI): «Bene, ma non vi siano professioni di serie A e di serie B». Orlandi (FNCF): «Atto importante e necessario nell'interesse della salute di tutti». Cossolo (Federfarma): «Luogo di incontro e confronto». Beux (TSRM PSTRP): «Grande opportunità, ora dimostriamo di saperla cogliere»
#UnGiornoCon | Il podologo: dallo studio al domicilio, sempre a contatto con il paziente
Abbiamo chiesto a Maria Cristina Rufini, podologa iscritta all’AIP, come si svolge la giornata tipo di un podologo libero professionista: «Le patologie variano a seconda della fascia di età. Nel paziente anziano si tratta per lo più di ipercheratosi, di ispessimenti e di unghie onicogrifosi. Mentre nel paziente giovane si interviene sulle unghie incarnite sulle onicogrifosi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...