Professioni Sanitarie 9 Dicembre 2019

Professioni sanitarie, Agostini (ANDID): «Ecco perché i dietisti giocano ruolo chiave nella prevenzione»

Sono circa 4mila i dietisti in Italia. La professione è confluita nel maxi Ordine TSRM e PSTRP. «Essere insieme a tutte le altre professioni non può che arricchirci» sottolinea Susanna Agostini, consigliere ANDID, Associazione Nazionale Dietisti

«Possiamo giocare un ruolo di grande importanza nella prevenzione delle patologie e far risparmiare molti soldi al sistema sanitario pubblico». Susanna Agostini, dietista e Consigliere nazionale ANDID, Associazione Nazionale dietisti, rivendica il ruolo della sua categoria nel sistema sanitario pubblico. Infatti stili di vita e corretta alimentazione possono avere una influenza determinante nella cura e prevenzione di tante patologie. I dietisti sono confluiti nella federazione degli Ordini delle professioni sanitarie TSRM e PSTRP nata con la legge 3 del 2018, un passaggio importante per la categoria che conta circa 4mila professionisti: «L’Ordine ha un ruolo fondamentale di tutela non tanto professionale quanto piuttosto del cittadino, dell’etica dei professionisti e delle competenze tecnico professionali che possiamo esprimere» sottolinea Agostini. I dietisti si trovano principalmente nei Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica degli Ospedali e in altre strutture pubbliche ma stanno aumentando coloro che esercitano in regime di libera professione.

Dottoressa, voi dietisti siete soddisfatti del processo che ha portato alla costituzione dell’Ordine TSRM e PSTRP?

«Assolutamente sì, è veramente un evento di importanza epocale al quale anche i dietisti per tramite dell’associazione di cui sono consigliere hanno contribuito. Abbiamo atteso per anni questo momento».

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, A RIMINI IL PRIMO CONGRESSO. BEUX: «MODELLO OSPEDALIERO VA SUPERATO, TUTTI POSSIAMO DARE CONTRIBUTO A SALUTE»

Perché per voi è importante l’ordine?

«L’ordine ha un ruolo fondamentale di tutela non tanto professionale quanto piuttosto del cittadino, dell’etica dei professionisti e delle competenze tecnico professionali che possiamo esprimere. Essere insieme a tutte le altre professioni non può che arricchirci».

Quanti siete come dietisti più o meno?

«Nelle nostre stime avevamo calcolato 4mila dietisti sul territorio italiano e la stima si è dimostrata veritiera in quanto abbiamo raggiunto i 4mila iscritti all’Ordine e quindi all’albo dei dietisti poco fa».

Alle istituzioni sanitarie e politiche avete delle richieste da porre?

«Certamente noi abbiamo con molta chiarezza una idea rispetto a quello che è l’alimentazione come determinante di salute. Possiamo lavorare sugli stili alimentari non solo per quanto riguarda la dietetica applicata per patologia, quindi il recupero dello stato di salute in numerose situazioni di salute correlate alla nutrizione ma possiamo svolgere un ruolo chiave in tutta quella che è la partita della prevenzione. Chiediamo quindi che le istituzioni non dimentichino questo aspetto peculiare che consente di guadagnare salute semplicemente modificando uno stile di vita e uno stile alimentare con interventi di costo molto contenuto: è stato dimostrato un grande risparmio per la sanità in termini di ricoveri, quindi con una diminuzione dei ricoveri piuttosto che un risparmio per quanto riguarda le terapie farmacologiche».

Voi lavorate privatamente o nel pubblico?

«Per lo più abbiamo una presenza nelle strutture pubbliche ma sta diventando sempre più ampia la platea dei dietisti che lavora in libera professione».

Quand’è che un cittadino deve andare dal dietista?

«Il cittadino può andare dal dietista in tutte le fasi della propria vita. A cominciare dai genitori nella fase di concepimento, perché una corretta alimentazione imposta già quello che può essere l’investimento di salute del bambino e quindi del futuro adulto. Una corretta gestione della dieta e dell’alimentazione investe tutto l’arco della nostra vita dalla nascita fino alla terza età».

 

Articoli correlati
Professioni sanitarie, i numeri della FNO TSRM e PSTRP: oltre 151mila iscritti agli Albi, quasi 22mila agli elenchi speciali
In una lettera ai presidenti provinciali e al Ministero della Salute il Presidente Alessandro Beux ha voluto ricordare l'anniversario del primo luglio 2018, giorno dell'apertura delle iscrizioni: «Numeri impressionanti, in termini assoluti e relativi; numeri che testimoniano l’affidabilità sia di coloro che, prima, li hanno stimati sia di coloro che, dopo, li hanno determinati»
Chinesiologi, Berloffa (UNC): «Inserire la nostra categoria tra le professioni socio-sanitarie»
Il presidente dell’Unione Nazionale Chinesiologi: «La prima richiesta è datata 11 novembre 2018. Negli anni ne sono seguite molte altre. Se entro settembre non otterremo una risposta procederemo per vie legali»
di Isabella Faggiano
Report Almalaurea: il tasso di occupazione per le Professioni sanitarie torna a crescere, è saldo il primo posto in Italia
Occupati al 76%, con sei punti in più rispetto al 2017. Si mantengono alcune differenze tra gli atenei del nord e quelli del sud. L'incremento più importante va all'area Tecnica. I liberi professionisti la categoria più gratificata
Forum Risk e Simedet riuniscono le professioni sanitarie. Da Beux a Mangiacavalli, tutti d’accordo: «Occasione irripetibile per riforma SSN»
Al webinar dal titolo “Le professioni sanitarie nell'era post Covid-19” hanno partecipato esponenti di Ordini, società scientifiche e politici. Messaggio dal Ministro Speranza: «Le professioni sanitarie hanno, ancora una volta, dimostrato di essere una preziosa risorsa nel nostro Paese. Donne e uomini che si sono messi a disposizione del Servizio sanitario nazionale per far fronte alla pandemia»
Migliorare la gestione delle risorse, alleggerire la burocrazia e più meritocrazia: le proposte della FNO TSRM PSTRP agli Stati Generali
Per il maxi Ordine delle Professioni sanitarie era presente il Presidente Alessandro Beux. Al primo punto la necessitò di «dare piena attuazione a quanto negli anni è stato scritto in autorevoli atti d’indirizzo: Patto per la Salute, Patto per la sanità digitale, Piano nazionale della prevenzione, Piano nazionale della cronicità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 6 luglio, sono 11.451.030 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 534.320 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 6 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)