Politica 26 Marzo 2021 16:00

Titolo V, conferenza AGENAS: «Modificare la Costituzione non serve, basta riorganizzare»

Nella videoconferenza Agenas si è discusso di Titolo V e necessità di modifiche. Esperti ed esponenti politici hanno confermato che una modifica della Costituzione sarebbe insensata e che il problema che la pandemia ha sottolineato è quello di organizzazione

Titolo V, conferenza AGENAS: «Modificare la Costituzione non serve, basta riorganizzare»

Non serve una modifica costituzionale del Titolo V per risolvere le problematiche Stato-Regioni insorte con la pandemia. Basterebbe una riorganizzazione finalizzata a una ridistribuzione equa dei servizi sul territorio nazionale. Alla videoconferenza organizzata dall’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (AGENAS) su “Titolo V e effetti sulla sanità” si è raggiunta unanimemente questa conclusione con tutti gli esperti convocati.

Il direttore generale dell’Agenzia Domenico Mantoan lo ha definito un momento di confronto importante, per «costruire una discussione con approccio scientifico». All’incontro hanno infatti partecipato i due costituzionalisti prof. Renato Balduzzi e prof. Mario Bertolissi, che hanno concordato sull’innecessaria riforma, a confronto con una organizzazione più chiara di tutto il sistema. «Tocca dunque al Ministero della Salute e alle sue Agenzie – ISS, AIFA e AGENAS – essere protagonista ed esercitare fino in fondo il suo ruolo di governo del sistema per la tutela della salute. Naturalmente ciò può accadere solo attraverso una fattiva collaborazione con le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano», ha sposato Montoan.

Il parere degli esperti

«La lungimiranza dei Costituenti di inserire il Servizio sanitario nazionale dentro una cornice unitaria – ha detto il prof. Balduzzi – che consenta alla Salute di essere tutelata dalla Repubblica, garantendo autonomia alla gestione regionale. Non è un problema di norme ma di attuazione. Durante la pandemia, abbiamo ben osservato la compresenza dei due livelli di tutela: la sanità alle Regioni e la Salute alla Repubblica».

Poi il prof. Bertolissi ha aggiunto: «Non vale la pena mettere mano alla Costituzione per una riforma. Il vero problema non è quello Stato vs Regioni. Il punto è organizzazione vs disorganizzazione. Vi sono ostacoli strutturali». «La accelerazioni di chi invoca un regionalismo differenziato – ha ripreso Mantoan – sono nate dalla mancate risposte dello Stato alle necessità delle Regioni. Ma la pandemia ci ha fatto capire che il Ssn è importante e dobbiamo far tesoro di questa tragedia che lasciato 100mila morti. Dobbiamo modernizzare la sanità ma siamo tutti convinti che questo si possa fare senza modifiche costituzionali del Titolo V che non ci porterebbero lontano».

Le idee della politica

«In più interventi – ha commentato il presidente dell’Agenzia Enrico Coscioni – è stata ribadita l’importanza di evitare semplificazioni e di trattare la materia della riforma della Costituzione in ambito sanitario senza preconcetti e approssimazioni. Sono dunque molto soddisfatto che l’Agenzia oggi abbia fatto cultura su questo argomento. La sfida del futuro è quella di creare una corretta presa in carico della cronicità e, dunque, di implementare un nuovo modello di assistenza territoriale. AGENAS è impegnata in tutto ciò attraverso l’elaborazione di un sistema di monitoraggio più articolato che comprenda anche questo tipo di servizi».

Alla tavola rotonda seguita agli interventi degli esperti hanno partecipato la presidente della Commissione Affari Sociali on. Marialucia Lorefice e il senatore Vasco Errani, ex presidente della Conferenza delle Regioni.

«La pandemia – ha detto quest’ultima – ha evidenziato problematiche che c’erano e oggi, a distanza di un anno, la politica torna ad interrogarsi su una riforma del Titolo V. Ritengo che nei rapporti tra Stato e Regioni qualcosa vada modificato: le seconde devono essere ascoltate di più. La parola d’ordine deve essere investimento, con il quale fare effettivamente delle riforme per risolvere le differenze. Ora con oltre 12 miliardi di euro investiremo in nuove borse di specializzazione e potenziamento della rete territoriale. Mentre le risorse stanziate con il PNRR (Piano nazionale di Ripresa e Resilienza) sono un’occasione: 20 miliardi da impiegare in telemedicina, ricerca e prevenzione».

«A mio parere cambiare il Titolo V aprirebbe un rischio senza precedenti – ha concluso Errani -. I problemi si affrontano con interventi organizzativi, che richiedono affiancamento e sostegno alle Regioni nell’ambito di un processo di riorganizzazione. Finora la Corte Costituzionale ha risolto con equilibrio dove c’era un vuoto politico e una mancanza di chiarimenti su come vanno interpretati i principi fondamentali della legislazione. Ora interveniamo dove c’è bisogno».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Indagine Agenas, in pandemia dimezzati i ricoveri programmati
Mammografie ridotte del 30% su base nazionale, che arrivano al 40% in Sardegna e Calabria e al 37% nella PA di Trento. Calo del 22% dei ricoveri per ictus ischemico, in Valle d'Aosta si arriva a -54% e quasi -50% in Molise. I dati di "resilienza" del Ssn raccolti da Agenas
Vaccini Covid, indagine Agenas: il 70% degli italiani pensa che così torneremo velocemente alla normalità
Il 75% degli italiani vede nel vaccino la soluzione al Covid-19, oltre la metà ritiene giusto inserire limitazioni per chi rifiuta di vaccinarsi. Lo stabilisce un'indagine firmata Agenas e Mes. Mentre un 25% lo ritiene "business per case farmaceutiche"
Impatto emergenza su pazienti no-Covid, ecco le raccomandazioni per garantire la continuità di cura
Da Agenas e Foce arriva il “Documento di indirizzo e di raccomandazioni per garantire la continuità di cura dei pazienti oncologici, cardiologici ed ematologici”. L’oncologo e presidente Foce Cognetti: «Le conseguenze della pandemia sui pazienti oncologici si vedranno solo tra qualche anno, ma nel 2020 già registrato un aumento del 42% della mortalità cardiovascolare»
Formazione ECM, la ricetta di Di Falco (Agenas): «Semplificazione, qualità e tecnologia»
Il nuovo Direttore dell’Ufficio formazione e supporto al programma nazionale ECM dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali: «Passare dalla “competenza perché devo” alla “competenza perché lavoro sull’esito”»
I provider ECM incontrano Mantoan (Agenas). Colombati (Formazione nella Sanità): «Siamo esclusi dal Decreto Ristori»
L’associazione denuncia gravi perdite nel 2020: «Saltati 2 eventi formativi su 3: calo annuale del 67%». Altri temi a confronto: tavolo tecnico, programmazione, diversa rendicontazione e nuove tecnologie
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...