Politica 1 Marzo 2019

Stati Generali della Farmacia, Cossolo (Federfarma): «Convenzione, uniformità della Dpc e nuovo modello di remunerazione le nostre priorità»

Il presidente del sindacato dei farmacisti elenca ai nostri microfoni le problematiche da affrontare e superare nel prossimo anno di mandato. E sull’autonomia differenziata: «L’assistenza farmaceutica è già sufficientemente regionalizzata e i Lea richiedono uniformità di comportamento»

Immagine articolo

Frammentazione delle politiche del farmaco attuate a livello regionale, incremento della spesa per acquisti diretti da parte delle Asl e diminuzione delle confezioni erogate in regime di Ssn, remunerazione della farmacia (che andrebbe sganciata dal prezzo del farmaco), tutela delle farmacie rurali. Sono questi solo alcuni dei temi al centro della seconda edizione degli Stati Generali della Farmacia Italiana.

Una grande affluenza di farmacisti (oltre 2.300 titolari) e stakeholder del settore è intervenuta a Roma per consolidare il confronto interno alla categoria e presentare alla politica e alle istituzioni le proposte delle farmacie per migliorare il servizio ai cittadini. Ai nostri microfoni il presidente di Federfarma, Marco Cossolo, spiega quali sono le priorità del prossimo anno di mandato.

«Il 17 marzo presenteremo una relazione su tutto quel che è in via di perfezionamento e completamento. Alcuni progetti sono iniziati e sono, diciamo, al 30 o al 40% della realizzazione. A volte siamo al 20%, altre al 60 o 70%. Tra le principali priorità direi la nuova convenzione, un’uniformità della Distribuzione per Conto, un nuovo modello di remunerazione e regole chiare sulla dispensazione del farmaco in farmacia. Non si può continuare a dire che si vuole la centralità della farmacia nella distribuzione del farmaco e poi comportarsi in modo diametralmente opposto. Credo che sia il momento di far seguire alle parole i fatti. Gli strumenti ci sono. Sediamoci ad un tavolo e discutiamo sulle nostre proposte. La parte pubblica poi può dire di no, ma questa ha comunque il diritto e il dovere di ascoltare».

Siete già intervenuti sul Ddl semplificazione e avete dialogato con le istituzioni. Qual è la “temperatura” del dialogo?

«Devo dire che, fino ad ora, l’interlocuzione è stata proficua. Siamo riusciti a far capire alcune nostre istanze. Ci sono stati alcuni interventi per cercare di attenuare l’impatto del capitale sulla farmacia, anche oltre le nostre aspettative e richieste, e questo è stato possibile grazie proprio ad un lavoro di interlocuzione. È stato compreso quel pezzo che era stato lasciato indietro nella finanziaria del 2017, ovvero la parte relativa all’eliminazione degli sconti sulle farmacie sotto i 150mila euro di fatturato. Credo che il clima sia buono, che ci sia attenzione. Poi capisco che questa è una situazione politica piuttosto fluida e quindi intervenire su tematiche anche delicate sia più difficile. Poi c’è il problema di capire come andranno a finire le autonomie differenziate. Noi stiamo interloquendo, anche con notevoli capacità di ascolto da parte della componente pubblica, per far capire che l’assistenza farmaceutica è già sufficientemente regionalizzata e che i Lea richiedono, perlomeno in questo senso, una certa uniformità di comportamento».

 

Articoli correlati
Diabete, Federfarma: “Monitoraggio in farmacia conferma scarsa aderenza alla terapia”
Testimonial dell'iniziativa è il noto attore e doppiatore Pino Insegno: "Giusto che le persone che hanno una certa notorietà e credibilità aiutino a diffondere la prevenzione. Anche io ho paura di fare le analisi, ma spesso sono utili per evitare un domani una spesa maggiore, sia per noi che per lo Stato".
Maltempo in tutta Italia, Federfarma: “Farmacie continuano ad assicurare il servizio alla popolazione”
Malgrado il maltempo che ha colpito molte zone di Italia, con grande impegno e tra mille difficoltà le farmacie rimangono operative per assicurare alla popolazione il normale servizio farmaceutico. “Anche in questa situazione di emergenza le farmacie confermano il proprio ruolo di primo presidio sanitario sul territorio, un punto fermo al quale i cittadini possono […]
20 novembre, Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia: al via “In farmacia per i bambini”
Martina Colombari testimonial e volontaria dell’iniziativa: “Ogni anno diamo un aiuto concreto a centinaia di case famiglia ed enti in tutta Italia”
Pronto soccorso, nel Regno Unito l’Nhs utilizza le farmacie per decongestionarli
In base al nuovo servizio Cpcs (Community pharmacy consultation service), attivo in duemila città, chi chiama il numero di emergenza 111 può essere dirottato sul più vicine farmacie per problemi di salute minori
Federfarma-Sunifar e Uncem al lavoro per i nuovi servizi nelle farmacie rurali
L’associazione delle Farmacie rurali (Federfarma Sunifar) e Uncem (Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani) hanno avviato il lavoro per costruire nuovi servizi e opportunità da portare nelle farmacie, a beneficio di tutti i cittadini. Del tavolo, costituito ai sensi del protocollo firmato dalle due Associazioni, fanno parte i presidenti Silvia Pagliacci e Marco Bussone, insieme […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...