Politica 1 Marzo 2019

Stati Generali della Farmacia, Cossolo (Federfarma): «Convenzione, uniformità della Dpc e nuovo modello di remunerazione le nostre priorità»

Il presidente del sindacato dei farmacisti elenca ai nostri microfoni le problematiche da affrontare e superare nel prossimo anno di mandato. E sull’autonomia differenziata: «L’assistenza farmaceutica è già sufficientemente regionalizzata e i Lea richiedono uniformità di comportamento»

Immagine articolo

Frammentazione delle politiche del farmaco attuate a livello regionale, incremento della spesa per acquisti diretti da parte delle Asl e diminuzione delle confezioni erogate in regime di Ssn, remunerazione della farmacia (che andrebbe sganciata dal prezzo del farmaco), tutela delle farmacie rurali. Sono questi solo alcuni dei temi al centro della seconda edizione degli Stati Generali della Farmacia Italiana.

Una grande affluenza di farmacisti (oltre 2.300 titolari) e stakeholder del settore è intervenuta a Roma per consolidare il confronto interno alla categoria e presentare alla politica e alle istituzioni le proposte delle farmacie per migliorare il servizio ai cittadini. Ai nostri microfoni il presidente di Federfarma, Marco Cossolo, spiega quali sono le priorità del prossimo anno di mandato.

«Il 17 marzo presenteremo una relazione su tutto quel che è in via di perfezionamento e completamento. Alcuni progetti sono iniziati e sono, diciamo, al 30 o al 40% della realizzazione. A volte siamo al 20%, altre al 60 o 70%. Tra le principali priorità direi la nuova convenzione, un’uniformità della Distribuzione per Conto, un nuovo modello di remunerazione e regole chiare sulla dispensazione del farmaco in farmacia. Non si può continuare a dire che si vuole la centralità della farmacia nella distribuzione del farmaco e poi comportarsi in modo diametralmente opposto. Credo che sia il momento di far seguire alle parole i fatti. Gli strumenti ci sono. Sediamoci ad un tavolo e discutiamo sulle nostre proposte. La parte pubblica poi può dire di no, ma questa ha comunque il diritto e il dovere di ascoltare».

Siete già intervenuti sul Ddl semplificazione e avete dialogato con le istituzioni. Qual è la “temperatura” del dialogo?

«Devo dire che, fino ad ora, l’interlocuzione è stata proficua. Siamo riusciti a far capire alcune nostre istanze. Ci sono stati alcuni interventi per cercare di attenuare l’impatto del capitale sulla farmacia, anche oltre le nostre aspettative e richieste, e questo è stato possibile grazie proprio ad un lavoro di interlocuzione. È stato compreso quel pezzo che era stato lasciato indietro nella finanziaria del 2017, ovvero la parte relativa all’eliminazione degli sconti sulle farmacie sotto i 150mila euro di fatturato. Credo che il clima sia buono, che ci sia attenzione. Poi capisco che questa è una situazione politica piuttosto fluida e quindi intervenire su tematiche anche delicate sia più difficile. Poi c’è il problema di capire come andranno a finire le autonomie differenziate. Noi stiamo interloquendo, anche con notevoli capacità di ascolto da parte della componente pubblica, per far capire che l’assistenza farmaceutica è già sufficientemente regionalizzata e che i Lea richiedono, perlomeno in questo senso, una certa uniformità di comportamento».

 

Articoli correlati
“Farmacia Aperta”, la App di Federfarma Lombardia per trovare e raggiungere la farmacia più vicina
Racca (Federfarma Lombardia): «Presto, attraverso la stessa App, sarà possibile individuare tutti i servizi disponibili presso le varie farmacie nelle nostre vicinanze. Auspico che questa tecnologia possa essere usata anche in altre Regioni d’Italia, ponendo le basi per un’applicazione su scala nazionale»
di Isabella Faggiano
Farmaci contraffatti, quel business che fa gola alle mafie. Il 70% dei medicinali ‘tarocchi’ è venduto sul web
Un’indagine della rivista Il Salvagente traccia un quadro preoccupante del fenomeno alla luce di recenti fatti di cronaca: secondo l’Oms un farmaco su dieci in commercio è falso. Da febbraio in vigore il nuovo sistema europeo di contrasto alla contraffazione farmaceutica basato sull’apposizione di un codice identificativo univoco a barre bidimensionale
Farmacie rurali e Comunità montane, una nuova alleanza per dare più servizi ai cittadini
Salvaguardare le aree montane dallo spopolamento e assicurare ai residenti i servizi essenziali, a partire da quelli sanitari. Questi i principali obiettivi del protocollo d’intesa siglato ieri a Roma da Federfarma-Sunifar, che rappresenta le 6.700 farmacie dislocate nei comuni con meno di 5.000 abitanti, e UNCEM, l’Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani. Il protocollo impegna […]
Campagna antinfluenzale 2019-2020, Pregliasco (Galeazzi): «Vaccini sicuri, ruolo importante per MMG e farmacie»
Il virologo Fabrizio Pregliasco, direttore Sanitario dell’Ospedale Galeazzi di Milano, sottolinea: «In Italia lo scorso anno abbiamo avuto 200 morti e 865 casi gravi, non sottovalutare la patologia. I vaccini sono sicuri»
di Federica Bosco
Glaucoma, il 40% dei pazienti non segue la terapia: arriva l’App per la gestione dei farmaci
Si chiama ‘Carepy – La tua cura nelle tue mani’ ed è un servizio digitale che crea una rete virtuosa tra medici, farmacisti e pazienti con l’obiettivo di semplificare la gestione dei farmaci, delle terapie di migliorare le performance di aderenza alla terapia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone