Politica 13 Gennaio 2021 10:30

Sla, sì unanime della Camera per tre mozioni a sostegno di pazienti e familiari

Ogni anno 2 mila nuove diagnosi di Sclerosi laterale amiotrofica. Governo impegnato a creare Registro nazionale e ad assicurare l’accesso permanente delle associazioni dei pazienti ai tavoli istituzionali. Soddisfatta la deputata della Lega Arianna Lazzarini, la prima a presentare una mozione sul tema: «Maggioranza ed esecutivo si sono impegnati, su questi temi non bisogna dividersi. Ora lotta a burocrazia»

«Nel 2001 ho vissuto la malattia in famiglia quando ancora se ne parlava poco. È una patologia terribile: perdi l’uso delle braccia, poi delle gambe, poi tutto ma resti vigile. Per questo credo sia positivo che maggioranza e opposizione non si siano divise su questo tema». È soddisfatta Arianna Lazzarini, deputata della Lega, che più di un anno fa era stata la prima a presentare una mozione di sostegno ai malati di Sla e ai loro familiari.

L’Aula di Montecitorio ha dato il via libera a tre mozioni sul tema: una di centrodestra, una a prima firma Fabiola Bologna (Popolo Protagonista) e una a prima firma Angela Ianaro (M5S) che, sia pur con qualche sfumatura, chiedono tutte all’esecutivo di agire quanto prima sul tema Sla, di adottare iniziative per sostenere la ricerca, di promuovere la presa in carico dei soggetti affetti da Sla sulla base di un approccio multidisciplinare, di sostenere e riconoscere i caregiver familiari. Le tre mozioni sono state approvate all’unanimità dall’Aula di Montecitorio: il sostegno a questi pazienti e alle famiglie ha unito i parlamentari al di là degli schieramenti.

Aumentano le nuove diagnosi

Purtroppo, c’è ancora tanto da scoprire: la Sla è una malattia rara neurodegenerativa progressiva dell’età adulta, determinata dalla perdita dei motoneuroni spinali, bulbari e corticali che conduce alla paralisi dei muscoli volontari fino a coinvolgere anche quelli respiratori. In Italia si stimano più di 6 mila persone affette dalla malattia e si prevedono circa 2 mila nuove diagnosi ogni anno.

In genere, la progressione della malattia incide sulle capacità di movimento del soggetto, arrivando gradualmente a determinare la sua completa immobilità: i malati sono spesso costretti a comunicare con gli occhi. Si osserva, inoltre, una compromissione della capacità di masticazione, della capacità di deglutizione e di quella respiratoria, con conseguente necessità di ricorrere all’alimentazione via tubo (gastrostomia) e alla ventilazione meccanica. Nonostante tali gravi limitazioni, la malattia non incide di norma sulle capacità cognitive del paziente, anche nel suo stadio più avanzato.

Il problema della burocrazia

«I familiari si sentono soli, ma sono angeli invisibili. Lo Stato deve intervenire per non lasciar sola la famiglia, potenziando i centri di riferimenti e dando una forma giuridica concreta al caregiver familiare» spiega ancora Lazzarini a Sanità Informazione.

E poi c’è il tema della burocrazia, che a volte complica ulteriormente le cose: «Nel 2012 ci fu un caso in Veneto di un signore che a un anno dalla diagnosi di Sla con demenza non aveva ancora avuto il certificato di invalidità dall’Inps. Quando è arrivato il certificato un mese dopo è mancato. Sono anche sindaco (di Pozzonovo, ndr) e faccio parte delle classiche commissioni sanitarie: non si può dire a un malato di Sla ‘torni tra sei mesi perché devo valutare’. Ma quando uno ha la Sla cosa bisogna valutare? Con il certificato dell’Inps inoltre si ha diritto a vari ausili come il montascale o il defribillatore. Dobbiamo sburocratizzare anche in questo settore».

Purtroppo, la Sla è ancora una malattia difficile da curare: al momento non sono disponibili terapie efficaci in grado di arrestare definitivamente la progressione della Sclerosi laterale amiotrofica. Resta il compito difficile e ‘totalizzante’ dei familiari chiamati ad assistere i propri cari, un impegno che spesso rende impossibile avere una vita sociale e professionale.

La mozione del centro-destra

Ed è sulla ricerca e sul ruolo dei caregiver che si basa la mozione presentata dal centrodestra e che ha visto tra i fautori la deputata della Lega Arianna Lazzarini (Lega). Impegna il Governo sul fronte dell’assistenza, chiede un riferimento normativo certo e un quadro giuridico organico per la figura del caregiver, di adottare iniziative per garantire un adeguato finanziamento a favore del fondo nazionale per la non autosufficienza e del fondo per il sostegno del ruolo di cura e di assistenza del caregiver familiare, di garantire l’accesso permanente delle associazioni dei pazienti ai tavoli istituzionali di riferimento, di adottare iniziative per diffondere informazioni chiare e puntuali sui progressi della ricerca scientifica e per favorire la fruizione, anche nel territorio italiano, di cure compassionevoli a base di farmaci attualmente in fase di  sperimentazione all’estero.

La mozione di maggioranza

La mozione di maggioranza, a prima firma Angela Ianaro, chiede tra le altre cose di aggiornare quanto prima il Nomenclatore Tariffario degli Ausili e delle Protesi, di  promuovere studi epidemiologici e di popolazione sulla Sla e sulle altre malattie neuromuscolari; la possibilità di predisporre misure idonee volte a garantire una consulenza psicologica specializzata,  integrata con le altre figure professionali che hanno in carico il paziente e gratuita per le famiglie con malati Sla e con altre patologie neuromuscolari, in particolare per quelle famiglie dove ci sono figli minori.

La mozione di Fabiola Bologna

La mozione a prima firma Fabiola Bologna (Popolo Protagonista) tra le altre cose chiede all’esecutivo di adottare iniziative per garantire su tutto il territorio nazionale una rete di centri specializzati per la presa in carico multidisciplinare ma anche iniziative per diffondere programmi di formazione specifica delle assistenti familiari (badanti) e corsi di formazione per i familiari caregiver. Inoltre, chiede iniziative per garantire equità di accesso alle cure di neuro-riabilitazione, anche di alta intensità e la promozione di un Registro nazionale per la sclerosi laterale amiotrofica, «uno strumento a disposizione dei ricercatori per facilitare gli studi e migliorare la conoscenza della sclerosi laterale amiotrofica e l’assistenza ai malati».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Camera e Senato bloccati dalla crisi, Commissioni convocate dopo la conta a Palazzo Madama. La settimana parlamentare
Attesa per il discorso che il premier Giuseppe Conte terrà prima alla Camera e poi al Senato sulla situazione politica: dopo lo strappo di Italia Viva numeri risicati a Palazzo Madama. In Commissione Sanità si esamina il Decreto Legge con le ultime misure per il contenimento del virus e per l’implementazione del Piano vaccini
Caregiver, il Fondo in legge di Bilancio non convince le associazioni: «Famiglie abbandonate»
In Legge di Bilancio previsti 30 milioni di euro all’anno fino al 2023 per il Fondo Caregiver, ma le associazioni sono scettiche. Chiarini (Confad): «Italia unico paese in Europa a non avere una legge». Iannelli (Aimac): «Fondo non sarà sufficiente nemmeno a coprire le esigenze delle famiglie con disabili gravi»
Sclerosi, medicina territoriale e vaccino anti Covid: il Parlamento torna al lavoro dopo la pausa
Continuano i lavori della Commissione Sanità del Senato sull’Affare assegnato sulla medicina territoriale: in audizione i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil. Alla Camera si discute una mozione su un programma di investimenti e misure nel settore sanitario
Parlamento, nella settimana prenatalizia spazio alla Legge di Bilancio. Gli eventi dei prossimi giorni
Montecitorio sarà monopolizzata dalla manovra approdata in Aula il 22 dicembre. A Palazzo Madama di scena il Dl Calabria, già approvato alla Camera. Partono le audizioni in Commissione Affari Sociali sulla proposta di istituzione di una Commissione d'inchiesta sulle cause dello scoppio della pandemia di SARS-CoV-2
Covid-19: pazienti cronici gastro reumatologici pagano prezzo psicologico più alto
Doppio stress per i pazienti reumatici con malattie infiammatorie articolari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»