Salute 18 Settembre 2020 18:52

Giornata nazionale sulla SLA, da Sin un aggiornamento sulle nuove terapie

In occasione della Giornata nazionale sulla Sla, la Società Italiana di Neurologia fa il punto sulle sperimentazioni in corso e sull’impegno del mondo della ricerca

Giornata nazionale sulla SLA, da Sin un aggiornamento sulle nuove terapie

Si celebra oggi la Giornata Nazionale sulla Sclerosi Laterale Amiotrofica, promossa da Aisla. Una malattia neuro-degenerativa progressiva dell’età adulta che conduce alla paralisi dei muscoli volontari, fino a coinvolgere anche quelli respiratori. In Italia colpisce 5.000 persone e causa un’aspettativa di vita media dopo la diagnosi pari a 3-5 anni.

La Società Italiana di Neurologia, in questa occasione, ha diffuso un aggiornamento sulle principali sperimentazioni in corso riguardo nuove opportunità terapeutiche. Durante l’ultimo anno si sono accese grandi speranze per i malati affetti da malattia del motoneurone.

Innanzitutto la comunità scientifica nazionale ed internazionale ha affrontato l’emergenza producendo rapidamente linee guida per la gestione clinica e domiciliare dei pazienti affetti da SLA, pubblicando inoltre numerosi lavori scientifici su temi come la telemedicina e l’impatto della malattia in relazione alla pandemia.

GLI STUDI IN CORSO SULLA SLA

«Sono stati pubblicati numerosi studi sperimentali – ha affermato il prof. Andrea Calvo, coordinatore del Gruppo di Studio Malattie del Motoneurone della SIN e Docente del Dipartimento di Neuroscienze “Rita Levi Montalcini” Università degli Studi di Torino – di cui due sono usciti sul New England Jourmal of Medicine, la più prestigiosa rivista scientifica in campo medico: il primo è inerente ai risultati della fase 1-2 della sperimentazione sui pazienti affetti da SLA con mutazione genetica del gene SOD1 con gli Oligonucleotidi Antisenso (ASO), cioè brevi molecole a singolo filamento di DNA complementari a una specifica sequenza. L’ASO, legandosi a una specifica molecola di mRNA ne blocca la traduzione, impedendo la sintesi della proteina mutata. È in corso la fase 3, che coinvolge, tra i vari centri nel mondo, anche il CRESLA di Torino. Analoga sperimentazione è in corso per le forme con mutazione C9ORF72. Si tratta, quindi, di risultati sulle mutazioni genetiche più frequenti nella SLA che giustificano una concreta speranza».

UNA SPERIMENTAZIONE CHE DIMOSTRA IL RALLENTAMENTO DELLA MALATTIA

Il secondo lavoro, uscito più recentemente sulla prestigiosa rivista, riguarda uno studio americano su un’associazione di due molecole, il fenilbutirrato e l’acido taurodesossicolico.

«Questo studio –  ha commentato il Prof. Gioacchino Tedeschi, Presidente della Società Italiana di Neurologia – ha dimostrato un rallentamento significativo della progressione di malattia nei pazienti in trattamento rispetto al gruppo di controllo sottoposto a placebo. Inoltre, a breve partirà uno studio confermativo di fase 3. È in corso da un anno anche uno studio multicentrico europeo coordinato dall’Italia per valutare l’efficacia dell’acido taurodesossicolico nella SLA».

Sono stati inoltre pubblicati diversi studi clinici di notevole importanza. Come la proposta di nuovi criteri diagnostici per la sclerosi laterale amiotrofica e per la sclerosi laterale primaria, variante più rara e benigna delle malattie del motoneurone, e nuovi modelli di predizione e di progressione della malattia.

Persistono però tutt’oggi importanti limiti metodologici riguardanti il disegno degli studi clinici e la valutazione dell’efficacia dei trattamenti sperimentali, in particolare per la mancanza di biomarcatori diagnostici e prognostici. La ricerca sta investendo molte risorse in questo campo, e qualche positivo sta emergendo, in particolare per i marcatori prognostici. Per questi studi l’Italia contribuisce da oltre 20 anni con registri di popolazione in diverse regioni, grazie ai quali sono emersi dati fondamentali di tipo clinico ed epidemiologico.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Giornata della prematurità, Orfeo (SIN): «In Italia tassi di mortalità tra i più bassi al mondo»
Il neo eletto presidente della Società Italiana di Neonatologia: «Tra i principali obiettivi del mio mandato l’apertura h24 di tutte le TIN d’Italia e la promozione continua dei percorsi di follow-up»
di Isabella Faggiano
Alzheimer, AIMA e SIN lanciano “sette buone proposte”. Spadin: «Portare servizi in prossimità dei pazienti»
In un documento elaborato in occasione della Giornata mondiale, le richieste alla politica per supportare famiglie e malati. In Italia 700mila i casi di Alzheimer
di Francesco Torre
Lo spettro del declino cognitivo, parte la campagna “Gesti che tornano ad essere importanti”
All’Ara Pacis di Roma un focus della comunità medico-scientifica. Tre malattie neurologiche, le demenze, l’ictus e l’emicrania, sono tra le prime 10 cause di disabilità secondo il Global Burden of Disease dell’OMS e, almeno le prime due, cresceranno inevitabilmente con l’invecchiare della popolazione
Giornata Internazionale Epilessia: la Sin fa il punto alla luce dell’emergenza pandemica
L'epilessia è una malattia che interessa circa 50 milioni di persone in tutto il mondo e non meno di 500.000 in Italia. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) la inserisce tra le malattie sociali
Mosca (presidente Sin) avverte la politica: «Se non si investe sul welfare rischio crollo nascite dopo il Covid»
Il presidente Mosca: «Italia prima nel mondo a non separare neonati da mamme affette da Covid. Scelta coraggiosa, controtendenza, ma vincente»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 9 dicembre, sono 267.880.128 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.280.456 i decessi. Ad oggi, oltre 8,28 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Perché nonostante i vaccini i casi di Covid-19 aumentano?

di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi