Politica 14 Giugno 2019 16:29

Sanità pubblica, quale futuro? L’inedito trio Di Marzio-Binetti-Castellone: «Lotteremo per più risorse»

I tre senatori rappresentanti della maggioranza e dell’opposizione si schierano a favore della sanità pubblica a margine della presentazione del rapporto RBM Salute-Censis

Sanità pubblica, quale futuro? L’inedito trio Di Marzio-Binetti-Castellone: «Lotteremo per più risorse»

Tre senatori al Welfare Day 2019. Maria Castellone (M5S), Luigi Di Marzio (M5S) e Paola Binetti (FI) hanno assistito alla presentazione del Rapporto RBM-Censis, che evidenzia una crescita costante del ricorso, da parte delle famiglie italiane, alla sanità privata.

LEGGI ANCHE: SANITA’ PRIVATA, AL SUD VI SI ACCEDE PIU’ CHE AL NORD. VECCHIETTI (RBM SALUTE): «LEVA IMPORTANTE PER REGIONALISMO DIFFERENZIATO MA NON DISEGUALE»

«Vorremmo che rivolgersi che al privato fosse una libera scelta delle persone, non una necessità legata al disservizio della sanità pubblica – ha dichiarato ai nostri microfoni la senatrice Binetti -. Per questo porteremo avanti una battaglia senza sosta perché tutti i pazienti ricevano dal servizio pubblico i migliori servizi possibili, con la tempestività, la qualità e l’efficace di cui hanno diritto».

«Il sistema sanitario nazionale, per come è organizzato oggi – ha aggiunto la senatrice pentastellata Maria Castellone – non riesce più a sostenere le spese. Bisogna chiaramente intervenire. Vanno sicuramente ridotti gli sprechi e le inefficienze, e stiamo già lavorando su questo, ma non accetteremo alcun tipo di taglio al Servizio sanitario nazionale che, in questi anni, è già stato usato come un bancomat da cui reperire risorse possibili».

«Il sistema sanitario continua a essere sotto-finanziato – conclude il senatore Di Marzio – ma è indispensabile che ci siano le risorse perché il sistema sanitario assolva il suo compito, che è quello di essere universalistico e di garantire tutto ciò che il cittadino ha diritto ottenere, senza dover ricorrere al privato».

Articoli correlati
Nuovo piano oncologico, Senato approva Odg unitario. Sileri: «Spero entro giugno in Conferenza delle Regioni»
Due mozioni presentate da Boldrini (Pd) e Binetti (Udc) sono poi confluite in un Odg che impegna l’esecutivo ad “adottare iniziative per provvedere con urgenza all'approvazione di un nuovo piano oncologico nazionale coordinato con il piano oncologico europeo”
Malattie rare, Binetti: «Da anni provvedimenti in attesa, a Speranza chiediamo ascolto su vaccini»
Sulle malattie rare il dibattito non avanza da inizio pandemia. La denuncia della senatrice Paola Binetti, presidente intergruppo parlamentare Malattie Rare: «Rinnovare Piano nazionale, approvare legge quadro e legge sui caregiver»
Malattie Rare. Confronto con le ministre Dadone, Bonetti e Stefani: «Vaccinazioni subito»
Nel webinar di Omar un confronto con le tre ministre delle Politiche giovanili, Pari opportunità e Famiglia e Disabilità sul mondo dei malati rari. Le richieste rimaste in sospeso: piano nazionale e legge sui caregiver. E lo sprint sulle vaccinazioni
Digitalizzazione in sanità al centro dell’ultimo webinar del Consiglio Nazionale degli Ingegneri
I lavori del convegno sono stati preceduti dal saluto di Armando Zambrano, Presidente CNI: «Gli ingegneri sono sempre pronti ad anticipare e proporre le innovazioni tecnologiche e scientifiche. Tutti i giorni ci troviamo davanti a nuovi problemi che ci spingono a ideare soluzioni originali.
Malattie rare nell’adulto, resta cruciale la formazione dei medici di base
Ecco come è andato il webinar promosso da European House Ambrosetti: molti i fronti di emergenza, il ritardo diagnostico è il problema n.1. Paola Binetti: «Misure specifiche nel Ddl Semplificazioni»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 aprile, sono 138.278.420 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.973.058 i decessi. Ad oggi, oltre 825,09 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...