Politica 14 Giugno 2019 16:29

Sanità pubblica, quale futuro? L’inedito trio Di Marzio-Binetti-Castellone: «Lotteremo per più risorse»

I tre senatori rappresentanti della maggioranza e dell’opposizione si schierano a favore della sanità pubblica a margine della presentazione del rapporto RBM Salute-Censis

Sanità pubblica, quale futuro? L’inedito trio Di Marzio-Binetti-Castellone: «Lotteremo per più risorse»

Tre senatori al Welfare Day 2019. Maria Castellone (M5S), Luigi Di Marzio (M5S) e Paola Binetti (FI) hanno assistito alla presentazione del Rapporto RBM-Censis, che evidenzia una crescita costante del ricorso, da parte delle famiglie italiane, alla sanità privata.

LEGGI ANCHE: SANITA’ PRIVATA, AL SUD VI SI ACCEDE PIU’ CHE AL NORD. VECCHIETTI (RBM SALUTE): «LEVA IMPORTANTE PER REGIONALISMO DIFFERENZIATO MA NON DISEGUALE»

«Vorremmo che rivolgersi che al privato fosse una libera scelta delle persone, non una necessità legata al disservizio della sanità pubblica – ha dichiarato ai nostri microfoni la senatrice Binetti -. Per questo porteremo avanti una battaglia senza sosta perché tutti i pazienti ricevano dal servizio pubblico i migliori servizi possibili, con la tempestività, la qualità e l’efficace di cui hanno diritto».

«Il sistema sanitario nazionale, per come è organizzato oggi – ha aggiunto la senatrice pentastellata Maria Castellone – non riesce più a sostenere le spese. Bisogna chiaramente intervenire. Vanno sicuramente ridotti gli sprechi e le inefficienze, e stiamo già lavorando su questo, ma non accetteremo alcun tipo di taglio al Servizio sanitario nazionale che, in questi anni, è già stato usato come un bancomat da cui reperire risorse possibili».

«Il sistema sanitario continua a essere sotto-finanziato – conclude il senatore Di Marzio – ma è indispensabile che ci siano le risorse perché il sistema sanitario assolva il suo compito, che è quello di essere universalistico e di garantire tutto ciò che il cittadino ha diritto ottenere, senza dover ricorrere al privato».

Articoli correlati
Porpora trombotica trombocitopenica, Binetti: «Ora richieste di tipo sociale sullo stesso piano di quelle sanitarie»
Le istanze dei pazienti con porpora trombotica trombocitopenica passano dalla presenza del test Adamts13 nei LEA fino alle richieste sociali facilitate. La senatrice spiega come la Legge sulla disabilità e il Testo unico sulle malattie rare cambieranno questo quadro
Miastenia gravis, Binetti: «Impegno politico per approccio flessibile per malati sul lavoro»
Lavorare su Legge di bilancio e modifica della 104 è tra gli obbiettivi della senatrice, presidente dell'intergruppo "Malattie rare". Importante anche accrescere la conoscenza dei medici del territorio sulle patologie rare, per assicurare una presa in carico ancora più rapida del paziente
Sanità, Binetti (Udc): «Osservatorio professioni sanitarie ignorato da anni»
«Ho già rivolto tre interrogazioni ai ministri competenti senza avere risposta, mentre un gruppo di professionisti altamente competenti in tutti gli ambiti della Sanità, strutturati in un unico Osservatorio, potrebbero offrire una consulenza fondamentale all'esecutivo, nel pieno rispetto elle competenze di tutti» spiega la senatrice Udc
Medici e scuole di specializzazione, Binetti: «Una sinergia tra tre numeri per evitare cervelli in fuga»
La senatrice dell'Udc spiega quale dovrebbe essere, dal suo punto di vista, uno dei perni del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza per quanto riguarda l’ambito della salute
Huntington, 6.500 persone affette in Italia. Binetti: «Investire nella ricerca e far conoscere la malattia»
Pochissime persone affette che rischiano di perdersi perché nessuno li conosce. I malati di Huntington non posso essere dimenticati, per la mole delle loro necessità e per l'urgenze delle richieste. Ne parliamo con la senatrice Binetti (pres. Intergruppo Malattie Rare)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 ottobre 2022, sono 620.487.013 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.554.599 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola