Lavoro 14 Giugno 2019 13:16

Sanità privata, al Sud vi si accede più che al Nord. Vecchietti (RBM Salute): «Dati che riflettono gli investimenti delle Regioni»

Ancora alti i gap assistenziali tra i diversi Servizi Sanitari Regionali. Ricorso a prestazioni private per il 33,2% nel Sud e nelle isole contro il 22,6% nel Nord-Ovest ed il 20,7% nel Nord-Est

di Lucia Oggianu

«Il dato delle differenze territoriali ha una connotazione legata agli investimenti effettivi fatti nei servizi sanitari regionali, non è solo un tema di assistenza nell’immediato ma anche di capacità di rinnovamento delle tecnologie disponibili, della capacità attrattiva dei professionisti». È quanto spiegato da Marco Vecchietti, Ad Rbm Salute, in occasione del Welfare Day 2019.

È un dato di fatto quello della crescita delle disparità a livello territoriale riconducibile alla carenza strutturale di risorse e investimenti in alcune aree del Paese. Secondo il rapporto Rbm-Censis, il ricorso a prestazioni private nel Sud e nelle isole è del 33,2% contro il 22,6% nel Nord-Ovest ed il 20,7% nel Nord-Est. Le visite specialistiche a pagamento rappresentano il 32,1% nel Nord-Ovest e il 29% nel Nord-Est contro il 42% nel Sud e nelle isole. Alte anche le percentuali relative al ricorso ad accertamenti diagnostici a pagamento: 18,2% nel Nord-Ovest, il 18,3% nel Nord-Est contro il 29,2% nel Sud e nelle isole. Anche le prestazioni riabilitative confermano lo stesso andamento: 37,4% nel Nord-Ovest, 38% nel Nord-Est, 50,4% nel Centro e 45% nel Sud e nelle Isole.

LEGGI ANCHE: RAPPORTO GIMBE, CARTABELLOTTA: «LA SANITA’ ITALIANA CADE A PEZZI. NEL 2025 SERVIRANNO 230 MLD AL FONDO SANITARIO»

«Non è infrequente il caso di specialisti affermati del Sud che operano all’interno di strutture del Nord e poi i casi di migrazione dei pazienti del mezzogiorno, costretti a spostarsi verso il Mord per avere alcune prestazioni peraltro tra le più importanti – ha aggiunto Vecchietti -. Ricordiamo che la migrazione sanitaria è prettamente motivata da interventi di natura oncologica e cardiovascolare quindi per patologie croniche che incidono in modo importante sullo stato di salute della popolazione».

Le prospettive e le possibili soluzioni suggerite dal rapporto Rbm-Censis prevedono il supporto della sanità integrativa, che Vecchietti definisce «una leva importante in termini di perequazione dei livelli assistenziali tra le Regioni, da tenere fortemente in considerazione sia nella logica di ribilanciamento e sostenibilità del SSN sia in una logica di avvio del percorso di regionalismo differenziato, che deve essere differenziato ma non diseguale. Esperienze affrontate da altri Paesi europei come la Spagna e la Germania dimostrano come i fondi sanitari siano uno strumento particolarmente efficace per garantire riallineamento di livelli di base a tutta la popolazione a fronte di caratteristiche territoriali ma anche sanitarie differenziate nelle diverse aree geografiche di un Paese».

Importante dunque valutare il coinvolgimento diretto dei fondi sanitari e istituzionalizzare la sanità integrativa al fine di assicurare una gestione collettiva della spesa sanitaria privata attraverso un’intermediazione strutturata da parte di un secondo pilastro sanitario complementare da affiancare al SSN anche nella definizione delle policy regionali, «immaginando un percorso simile a quello della Conferenza Stato-Regioni per quanto riguarda il SSN – ha aggiunto in conclusione Vecchietti – che coinvolga direttamente gli operatori della sanità integrativa nella definizione di policy sanitarie territoriali, realizzando in questo modo un’integrazione tra il SSN e la sanità privata».

Articoli correlati
Sanità integrativa, Cittadini (Aiop): «Domanda di salute cresciuta, deve essere complementare»
Al convegno anche il Sottosegretario alla Salute Andrea Costa e il governatore della Liguria Giovanni Toti
PNRR e Case della comunità: la sanità privata non le vuole
Vietti (ACOP): «Le case e gli ospedali di comunità, senza un’adeguata programmazione degli investimenti, rischiano di diventare delle cattedrali nel deserto. Per rinforzare l’assistenza territoriale meglio investire sulle strutture sanitarie (private-convenzionate) già esistenti»
AIOP e le associazioni della sanità privata: «Sì ai nuovi Lea, no al Tariffario»
Aiop, Aris, Andiar, Ansoc, Federanisap, Federbiologi, FederLab, Sbv, Snr, Cic, Sicop ribadiscono la loro contrarietà al nuovo Tariffario dell’assistenza specialistica ambulatoriale e protesica, che prevede riduzioni fino all’80%
Sanità, AIOP e le altre associazioni della sanità privata: «Conferenza delle Regioni non approvi nuovo tariffario»
Nella nota firmata da AIOP, ARIS, ANDIAR, ANSOC, FEDERANISAP, FEDERBIOLOGI, FEDERLAB, SBV, SNR, CIC, SICOP si sottolinea che «il nuovo Tariffario di specialistica ambulatoriale aumenta le liste d’attesa e non consente di garantire prestazioni di qualità»
Crollo intramoenia, CIMO-FESMED: «A perderci sono medici, strutture e pazienti. Rendiamola più attrattiva»
«L’intramoenia viene ancora considerata erroneamente e da più parti la causa delle liste d’attesa - sostiene la Federazione CIMO-FESMED -. Ogni iniziativa adottata contro la libera professione dei medici dipendenti del SSN si tramuta di fatto in un vantaggio per la sanità privata. E forse, viene quindi da chiedersi, è proprio questo l’obiettivo ultimo per qualcuno»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 settembre 2022, sono 615.090.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.536.966 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi