Lavoro 14 Giugno 2019 13:16

Sanità privata, al Sud vi si accede più che al Nord. Vecchietti (RBM Salute): «Dati che riflettono gli investimenti delle Regioni»

Ancora alti i gap assistenziali tra i diversi Servizi Sanitari Regionali. Ricorso a prestazioni private per il 33,2% nel Sud e nelle isole contro il 22,6% nel Nord-Ovest ed il 20,7% nel Nord-Est

di Lucia Oggianu

«Il dato delle differenze territoriali ha una connotazione legata agli investimenti effettivi fatti nei servizi sanitari regionali, non è solo un tema di assistenza nell’immediato ma anche di capacità di rinnovamento delle tecnologie disponibili, della capacità attrattiva dei professionisti». È quanto spiegato da Marco Vecchietti, Ad Rbm Salute, in occasione del Welfare Day 2019.

È un dato di fatto quello della crescita delle disparità a livello territoriale riconducibile alla carenza strutturale di risorse e investimenti in alcune aree del Paese. Secondo il rapporto Rbm-Censis, il ricorso a prestazioni private nel Sud e nelle isole è del 33,2% contro il 22,6% nel Nord-Ovest ed il 20,7% nel Nord-Est. Le visite specialistiche a pagamento rappresentano il 32,1% nel Nord-Ovest e il 29% nel Nord-Est contro il 42% nel Sud e nelle isole. Alte anche le percentuali relative al ricorso ad accertamenti diagnostici a pagamento: 18,2% nel Nord-Ovest, il 18,3% nel Nord-Est contro il 29,2% nel Sud e nelle isole. Anche le prestazioni riabilitative confermano lo stesso andamento: 37,4% nel Nord-Ovest, 38% nel Nord-Est, 50,4% nel Centro e 45% nel Sud e nelle Isole.

LEGGI ANCHE: RAPPORTO GIMBE, CARTABELLOTTA: «LA SANITA’ ITALIANA CADE A PEZZI. NEL 2025 SERVIRANNO 230 MLD AL FONDO SANITARIO»

«Non è infrequente il caso di specialisti affermati del Sud che operano all’interno di strutture del Nord e poi i casi di migrazione dei pazienti del mezzogiorno, costretti a spostarsi verso il Mord per avere alcune prestazioni peraltro tra le più importanti – ha aggiunto Vecchietti -. Ricordiamo che la migrazione sanitaria è prettamente motivata da interventi di natura oncologica e cardiovascolare quindi per patologie croniche che incidono in modo importante sullo stato di salute della popolazione».

Le prospettive e le possibili soluzioni suggerite dal rapporto Rbm-Censis prevedono il supporto della sanità integrativa, che Vecchietti definisce «una leva importante in termini di perequazione dei livelli assistenziali tra le Regioni, da tenere fortemente in considerazione sia nella logica di ribilanciamento e sostenibilità del SSN sia in una logica di avvio del percorso di regionalismo differenziato, che deve essere differenziato ma non diseguale. Esperienze affrontate da altri Paesi europei come la Spagna e la Germania dimostrano come i fondi sanitari siano uno strumento particolarmente efficace per garantire riallineamento di livelli di base a tutta la popolazione a fronte di caratteristiche territoriali ma anche sanitarie differenziate nelle diverse aree geografiche di un Paese».

Importante dunque valutare il coinvolgimento diretto dei fondi sanitari e istituzionalizzare la sanità integrativa al fine di assicurare una gestione collettiva della spesa sanitaria privata attraverso un’intermediazione strutturata da parte di un secondo pilastro sanitario complementare da affiancare al SSN anche nella definizione delle policy regionali, «immaginando un percorso simile a quello della Conferenza Stato-Regioni per quanto riguarda il SSN – ha aggiunto in conclusione Vecchietti – che coinvolga direttamente gli operatori della sanità integrativa nella definizione di policy sanitarie territoriali, realizzando in questo modo un’integrazione tra il SSN e la sanità privata».

Articoli correlati
Contratto sanità privata, accordo Campus Bio-medico e Cimop: «Così si investe nella serenità personale e professionale dei medici»
«La firma rappresenta la plastica raffigurazione di una sintesi non solo tecnica ma anche valoriale» spiega la dott.ssa Carmela De Rango, Segretario Nazionale della CIMOP
Sanità pubblica e sanità privata, quale futuro per l’Italia?
Cicchetti (Altems): «Il privato si differenzi dal pubblico. Investimenti in sanità dopo il Covid? Non supereranno il 6,8-6,9% del Pil»
di Peter D'Angelo
Sanità privata, contratto firmato: per 100mila lavoratori +154 euro al mese
Il contratto, relativo al triennio 2016-2018, su fronte salariale stabilisce un incremento del 4,21% e un’una tantum di mille euro per tutti i lavoratori
Medici sanità privata, Aris rinnova contratto: qualifica dirigenziale e aumento retribuzioni del 25%
Firmato a Roma presso la sede Aris, Associazione religiosa Istituti Socio-Sanitari, il contratto dei medici della sanitò privata. De Rango e Bebber: «Istituzioni non ci hanno aiutato». Il contratto sarà applicabile nelle strutture sanitarie, socio-sanitarie e socio-assistenziali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 gennaio, sono 95.077.677 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.031.599 i decessi. Ad oggi, oltre 39,47 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...