Politica 23 marzo 2018

Parlamento, i ‘camici bianchi’ protagonisti della XVIII Legislatura

Ruolo decisivo per la Capogruppo M5S e medico Giulia Grillo. Beatrice Lorenzin, Ministro della Salute ancora in carica, sceglie (per ora) il Gruppo Misto: «Ma mi occuperò ancora di Sanità». Il pediatra Paolo Siani: «Vorrei dare il mio contributo in Commissione Affari Sociali e sanità». Le prime battute di tutti gli altri…

di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Immagine articolo

Pronti, via: comincia la XVIII legislatura. Primo giorno d’aula oggi per Deputati e Senatori eletti con il voto del 4 marzo. Come sempre in questi casi, c’è l’atmosfera delle grandi occasioni. Ancora non c’è accordo per l’elezione dei Presidenti di Camera e Senato e in Transatlantico si respira un’atmosfera di grande fermento. Tanti i camici bianchi e gli operatori della sanità eletti, alcuni alla prima esperienza.

Un ruolo di primo piano spetterà a Giulia Grillo, medico legale, promossa capogruppo del M5S alla Camera. Già molto attiva nella passata legislatura in ambito sanitario, ora guida il gruppo più numeroso della Camera in cui ci sono molti medici. Passa anche per lei il destino di questa legislatura e dunque per ora preferisce non rilasciare dichiarazioni.

LEGGI IL NOSTRO APPROFONDIMENTO SPECIALE ELEZIONI 2018

Debutto più soft per il pediatra Paolo Siani del Partito Democratico, felice di dare il suo contributo ai lavori parlamentari. Il suo auspicio è quello di poter continuare a seguire i temi sanitari nella Commissione Affari Sociali della Camera.

Torna invece a Montecitorio Massimo Garavaglia, Lega, che oltre ad essere Assessore all’Economia della Regione Lombardia, presiede, ancora per poco, il Comitato di Settore Sanità della Conferenza delle Regioni. Parla con i giornalisti, non di quello che accadrà per la Presidenza di Montecitorio, ma dei temi di cui si è occupato in questi anni. È il primo ad auspicare una conclusione positiva della trattativa per il rinnovo del contratto della dirigenza medica.

Torna alla Camera anche il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, ancora titolare del dicastero, che assicura che continuerà ad occuparsi di temi sanitari anche se non dovessero optare per la Commissione Affari Sociali e Sanità. Intanto annuncia che si iscriverà al Gruppo Misto in attesa degli sviluppi delle dinamiche parlamentari.

Articoli correlati
SSN, Francesco De Lorenzo (FAVO): «Su cancro e grandi malattie non ci siano barriere. Stato intervenga con poteri sostitutivi per garantire Lea»
L’ex ministro della Sanità, oggi alla guida Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia, lancia la sua proposta per rendere sostenibile il SSN: «Bisognerebbe cominciare a capire che è meglio evitare di far pagare i ticket ai malati di cancro per gli aspetti diagnostici piuttosto che pagare per chi ha un mal di testa o un mal di gola»
Regione Lazio, Walter Ricciardi consigliere per ricerca e innovazione. Zingaretti: «Onorato che un grande scienziato come lui abbia dato disponibilità»
L’ex presidente dell’Iss collaborerà a titolo gratuito. Il governatore del Lazio: «Sono onorato che un grande medico e protagonista della scienza italiana metta a disposizione a titolo gratuito la propria esperienza e competenza per la nostra comunità»
Intramoenia, parla il Presidente del Collegio Chirurghi Filippo la Torre: «Nessun collegamento con liste d’attesa, dibattito in corso è fuorviante»
«L’attività medica libero professionale è assolutamente marginale, basta colpevolizzare i camici bianchi», afferma La Torre che apre a meccanismi di controllo: «Regolamentiamo le parcelle e riorganizziamo le strutture». Il deputato Misiti (M5S): «Problema è legato a esami strumentali, non al gesto chirurgico. Serve digitalizzazione delle liste»
Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»
Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professioni sanitarie. «Ben venga elenco speciale – spiega Beux - ma per l’iscrizione bisogna introdurre elementi qualitativi come percorso formativo, titolo di studio, inquadramento professionale e retribuzione»
Sisma Etna, Grillo ad Acireale: «Qui solo lievi danni, ospedale pienamente operativo. Cdm varerà Stato di Emergenza»
Il Ministro della Salute, catanese, si trova nel capoluogo etneo per le feste: «La macchina dei soccorsi ha funzionato benissimo. Ringrazio, ancora una volta, tutti gli operatori sanitari, i medici e i soccorritori che in questi giorni stanno assicurando il pieno funzionamento dei servizi e l'ascolto per chiunque abbia bisogno di supporto psicologico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano