Politica 8 Novembre 2016

Più fondi per la sanità e sconti sulle tasse. Ecco le novità della manovra 2017

Al centro della Finanziaria i temi legati a salute, famiglia, pensioni e Fisco. In programma finanziamenti per il Fondo Sanitario Nazionale, rottamazione di Equitalia e sanatoria cartelle

Una manovra da 27 miliardi di euro. Questo il valore della finanziaria 2017. Tra le pensioni con lo stanziamento fondi, la famiglia con i bonus in programma, l’emergenza competitività e la voluntary disclosure,  i punti chiave della manovra su cui si è più discusso sono le tante novità destinate al comparto sanità e la discussa rottamazione dell’ente di riscossione Equitalia, con conseguente sanatoria delle cartelle esattoriali. Ecco i dettagli:

SANITA’

Fondi – Sale a 113 miliardi il finanziamento del Fondo Sanitario Nazionale per il 2017 con incrementi di 1 miliardo l’anno per il 2018 e per il 2019. Nel dettaglio, un miliardo di euro destinati all’acquisto dei farmaci innovativi (con 500 milioni riservati al settore oncologia). Sul versante farmaceutico invece sono state stabilite nuovamente le soglie di adeguamento della spesa: 7% per quella ospedaliera (che aumenta del 3,5%) e 7,85% per quella convenzionata (che si riduce al 3,5%).
Vaccini – Per il Nuovo Piano Nazionale Vaccinazioni stanziati 100 milioni per il 2107, che diventeranno 127 nel 2018 e 186 nel 2019.
Aziende e contratti – Novità non troppo buone per le Aziende ospedaliere. Quelle aziende che presenteranno un deficit pari o superiore al 5% verranno sottoposte ad un piano di rientr.  Per quanto riguarda i rinnovi dei contratti dei dipendenti del sistema sanitario, prevista invece una soglia di spesa di 1,4 miliardi per il 2017,  che diventa 1,850 nel 2018, anche se esiste la concreta possibilità di alzare le soglie di 500 milioni, già dal 2017. Inoltre è previsto un fondo di 75 milioni di euro (per il 2017 e 150 milioni dal 2018) per la stabilizzazione dei precari del settore sanitario, mentre è aperto l’accesso all’Ape (Anticipo Pensionistico) agli infermieri che abbiano maturato 36 anni di contribuzione e abbiano lavorato senza interruzione almeno per gli ultimi 6 anni in turni svolgendo servizi problematici.
Investimenti infrastrutturali e ricerca – La manovra inoltre accoglierebbe anche altri aspetti che potrebbero influire sul comparto sanità, ad esempio lo stanziamento di fondi dedicati ad investimenti infrastrutturali nell’ambito dell’edilizia sanitaria, il finanziamento dell’attività di ricerca, indicazioni sui biosimilari e sui farmaci biologici a brevetto scaduto.
Sistema informativo e Regioni – Non finisce qui, ci sono anche alcune novità relative al sistema informativo: previsto uno stanziamento di 2,5 milioni di euro per l’attivazione del Fascicolo Sanitario Elettronico attraverso il consolidamento e l’integrazione con il Sistema tessera Sanitaria e l’Anagrafe nazionale degli Assistiti. Per concludere è ipotetica anche una quota di premialità sulla dotazione regionale del FSN per le Regioni, comprese quelle sottoposte a piano di rientro, che dimostrino dei miglioramenti negli indicatori; si tratterebbe di un “premio” dello 0,1% dei trasferimenti dal FSN.

EQUITALIA

Rottamazione – La rottamazione del Concessionario: l’intervento dovrebbe riguardare quasi tutti i crediti che Equitalia ha l’incarico di incassare. Bene specificare che non è contemplata, invece, l’Iva che è un’imposta comunitaria e rimangono escluse anche le multe auto e i tributi locali.

Sanatoria cartelle – A partire dal 7 novembre si potrà presentare la domanda per la rottamazione delle cartelle Equitalia, invece entro il prossimo 23 gennaio, si potrà inviare la richiesta per lo sconto sulle sanzioni e interessi di mora delle cartelle notificate tra il 2000 il 2015. ll decreto legge delibera che sono previste 4 rate per il pagamento delle somme, le prime due sono pari a un terzo dell’intera somma e la terza e la quarta a un sesto. Equitalia deve informare i debitori dell’esatto ammontare delle somme e le relative rate, entro 180 giorni dall’entrata in vigore del decreto.

Articoli correlati
Europee, la sfida di Rinaldi (Lega): «Più autorevolezza in Ue per garantire i diritti degli ex specializzandi»
L’economista, volto noto dei talk show, è candidato per il partito di Matteo Salvini nella circoscrizione Centro. A Sanità Informazione annuncia il suo impegno a difesa dei medici e degli operatori sanitari, a partire dai contenziosi: «Abbiamo avuto addirittura pubblicità che invitano a fare causa ai camici bianchi: ora serve una task force affinché non sia il singolo medico a difendersi da situazioni di questo genere»
Troppe tasse e pochi diritti, a Verona scatta il primo “sciopero” degli specializzandi
I giovani medici di Verona protestano per la mancanza di una rappresentanza vera e propria della componente degli specializzandi all’interno degli organi di Governo dell’Ateneo: «Siamo contrari all'aumento della tassazione, chiediamo il rispetto delle garanzie contrattuali e di avere voce in capitolo sulle scelte che ci riguardano»
Fatturazione elettronica, medici e farmacisti esonerati dall’obbligo per il 2019
Approvato un emendamento di Emiliano Fenu (M5S) che va incontro ad alcuni rilievi del Garante della Privacy per il quale l'obbligo della fatturazione elettronica presenta incompatibilità con la normativa sulla protezione dei dati personali
Tasse e contributi, come non sbagliare la dichiarazione. La guida completa alla compilazione del Modello D
Entro il 31 luglio i camici bianchi che hanno svolto attività libero professionale nel 2017 devono compilare nell’area riservata Enpam il Modello D. Ecco come scegliere le aliquote, come calcolare il reddito da dichiarare e chi è esonerato
Fisco, quali sono i dispositivi medici detraibili per il 2018? Ecco la guida
Siringhe, cerotti e termometri: tutti strumenti ‘del mestiere’ che possono essere deducibili. Come funziona, chi può godere delle detrazioni e quanto gli viene riconosciuto
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone