Politica 12 Febbraio 2021 19:49

Nasce il Governo Draghi, alla Salute confermato Roberto Speranza

Il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha comunicato la lista dei Ministri dopo un colloquio con il Capo dello Stato Sergio Mattarella. La conferma di Speranza era stata caldeggiata da numerosi addetti ai lavori per dare continuità alla lotta al Covid

Nasce il Governo Draghi, alla Salute confermato Roberto Speranza

A Lungotevere Ripa vince la continuità. Nel nuovo governo Draghi sarà ancora il leader di LeU Roberto Speranza a ricoprire la casella della Salute. Dopo i numerosi endorsement ricevuti nei giorni scorsi da personalità del calibro di Franco Locatelli e Walter Ricciardi, il nuovo inquilino di Palazzo Chigi ha ritenuto essenziale confermare colui che ha guidato la complessa macchina ministeriale in questo difficile anno pandemico anche e soprattutto per non rallentare il processo di lotta al Covid-19: del resto il virus non si è fermato di fronte alla crisi di governo.

La lunga carriera politica di Roberto Speranza

Originario di Potenza, classe 1979, Speranza ha alle spalle una lunga carriera politica: a soli 25 anni era consigliere comunale per i Democratici di sinistra nella sua città. Dopo essere stato Presidente nazionale della Sinistra giovanile, diventa Segretario regionale del Pd in Basilicata. Nella scorsa legislatura viene nominato capogruppo del Partito democratico alla Camera, carica che lascerà dopo aver seguito Pierluigi Bersani nella nuova avventura di Articolo 1. Viene rieletto in Parlamento alle elezioni del 2018 con LeU. Nel settembre 2019 viene nominato Ministro della Salute nel Governo Conte bis.

La sobrietà e i richiami all’Art. 32 della Costituzione

Il suo punto di riferimento assoluto è la Costituzione e in particolare l’articolo 32 sulla tutela della salute che ama ripetere come un mantra. Tra i risultati raggiunti, l’abolizione del superticket (la quota aggiuntiva di 10 euro sul ticket per le visite mediche specialistiche e gli esami clinici). La pandemia ha stravolto però i programmi iniziali e il ministro della Salute, così come tutto il governo, hanno concentrato i loro sforzi nella lotta al virus.

Apprezzato per la sobrietà e l’estrema dedizione al lavoro, Speranza è uno dei fautori della linea della “prudenza” nel contrasto al virus: tra le misure adottate in questi mesi la creazione di una cabina di regia con il compito di valutare le aree più a rischio e il meccanismo delle regioni a ‘colori’: giallo, arancione e rosso in base alla diffusione del contagio. Con il Decreto Rilancio, il Cura Italia e l’ultima Legge di Bilancio, Speranza ha convogliato importanti risorse verso il Sistema sanitario per rafforzarlo nella difficile sfida pandemica. Ora sarà lui insieme al nuovo governo a gestire le risorse del Next Generation Ue che per la sanità ammontano a 19 miliardi.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccino Covid, Manai (Pd): «Specializzandi disponibili per campagna ma serve volontarietà e contrattualizzazione»
«Tutto deve essere fatto nel rispetto del loro ruolo e della professione che essi ricoprono» afferma Stefano Manai, Responsabile della nazionale della Formazione sanitaria del Partito democratico
Vaccini Covid-19, Lorefice (M5S): «Siamo felici dell’attenzione a categorie fragili»
La presidente della Commissione Affari Sociali della Camera ha commentato l'informativa alla Camera del Ministro della Salute Roberto Speranza: «Condividiamo pertanto la necessità di inserire queste categorie come prioritarie nel piano vaccinale nazionale, per preservarle e ridurre le disuguaglianze che la pandemia ha acuito»
Covid-19, Regimenti (Lega): «Sanitari non vaccinati svolgano altri servizi per evitare rischio contagio»
L'europarlamentare della Lega Luisa Regimenti condivide sul tema la posizione espressa dalla Presidente Aiop Barbara Cittadini
Covid-19, Speranza: «Situazione epidemiologica in peggioramento, non saranno allentate misure. Attivate 25 zone rosse»
Il Ministro della Salute Roberto Speranza illustra al Senato la situazione sul fronte dell’emergenza Covid: quadro in peggioramento anche per colpa delle varianti. «In cinque regioni le terapie intensive sono occupate oltre il 30% e l’Rt nazionale sarà presto superiore a 1». Sul Cts: «Positiva l’idea di un portavoce unico»
Cardiologia riabilitativa in affanno: dal Niguarda raccomandazioni su prevenzione e home-rehabilitation
«Una terapia cardio preventiva e post evento acuto permette di migliorare la qualità della vita ed avere una ricaduta positiva sull’economia sanitaria» così Salvatore Riccobono del Cardio Center Fondazione De Gasperis
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 febbraio, sono 112.554.307 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.497.814 i decessi. Ad oggi, oltre 216,17 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...