Politica 5 Febbraio 2021 09:43

Governo, Speranza favorito per la conferma alla Salute. Tutti i nomi del totoministri

Il presidente incaricato Mario Draghi non ha ancora sciolto la riserva ma già circolano i primi nomi per Lungotevere Ripa. Oltre al ministro uscente, in corsa anche Brusaferro, Locatelli e Rezza. Tra i virologi si parla di Ilaria Capua e Andrea Crisanti

Governo, Speranza favorito per la conferma alla Salute. Tutti i nomi del totoministri

L’avvio delle consultazioni con i partiti da parte del presidente del Consiglio incaricato Mario Draghi segnala che le trattative per la nascita del nuovo governo sono entrate nella fase clou. Le possibilità che il tentativo dell’ex governatore della BCE vada in porto sono alte anche se ancora non è chiaro quale sarà la maggioranza che lo sosterrà e quale formula intende adottare, cioè se un governo composto da politici, da tecnici o da entrambi.

Sembra certo il sostegno di Partito Democratico, Italia Viva e Forza Italia, mentre resta l’incertezza su Lega e Movimento Cinque Stelle. I pentastellati sono divisi al loro interno: se all’inizio era stato lo stesso capo politico Vito Crimi a sottolineare che non ci sarebbe stato sostegno a Draghi, ora la posizione sembra cambiare e sono arrivate importanti aperture da Luigi di Maio. Anche Beppe Grillo sembra aver cambiato idea, a patto però che si faccia un governo politico.

Difficoltà analoghe sembra registrare la Lega: Matteo Salvini è pronto ad andare a vedere la proposta di Draghi ma ha già posto numerose condizioni, a partire dalla discontinuità nella squadra di governo con il precedente esecutivo. Ma l’ala nordista e quella vicina al vicesegretario Giancarlo Giorgetti spingono per appoggiare l’ex governatore della Banca d’Italia. Quasi certo il no di Fratelli d’Italia, mentre resta possibilista Leu.

Il totoministri per il Ministero della Salute

La composizione della maggioranza e la scelta della formula politica avranno un grande peso nella composizione della compagine governativa: come spesso accade in questi casi “chi entra Papa in Conclave ne esce cardinale”. Fa scuola in questo senso il caso di Giulia Grillo: sembrava certa la sua riconferma a Lungotevere Ripa, ma alla fine il ministero fu assegnato a Leu e andò all’attuale inquilino Roberto Speranza.

Sono almeno nove le personalità che possono ambire a diventare Ministri della Salute.

In pole c’è Roberto Speranza che punta a succedere a se stesso. A premere per la sua riconferma sarebbe il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, convinto della necessità di avere continuità nella lotta al Covid-19. Speranza inoltre ha avuto sempre un profilo istituzionale: poco incline alle polemiche, il suo stile è stato spesso apprezzato anche dalle opposizioni. La sua permanenza dipenderà però sia dalla scelta di Leu che dalla formula politica che sceglierà Draghi.

In caso di governo tecnico, tra i favoriti risulterebbe il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro. Nominato all’ISS dall’ex Ministro Giulia Grillo in sostituzione di Walter Ricciardi, è stato uno dei protagonisti di questi mesi di pandemia non facendo mancare il suo supporto. Le sue quotazioni starebbero crescendo anche perché garantirebbe continuità con l’uscente Speranza e allo stesso tempo potrebbe intercettare il gradimento del M5S.

Tra i candidati c’è anche Franco Locatelli, Presidente del Consiglio Superiore di Sanità ed ematologo di fama mondiale, che però nelle ultime ore si è speso per chiedere la riconferma di Speranza e dare continuità alla sua azione. Potrebbe essere anche una mossa tattica, ma in realtà fonti qualificate spiegano che vorrebbe tornare ad occuparsi dei suoi pazienti al Bambino Gesù che in questi mesi di pandemia ha, giocoforza, trascurato.

Altra soluzione interna potrebbe essere quella di Gianni Rezza: a lungo Direttore del Dipartimento di Malattie Infettive, Parassitarie ed Immunomediate dell’ISS e da maggio Direttore Generale della Prevenzione presso il Ministero della Salute. Anche lui garantirebbe quella continuità che il Presidente Mattarella ritiene imprescindibile e dunque potrebbe essere una soluzione spendibile qualora si dovesse intraprendere la strada del governo non politico.

Altro nome entrato nel totoministri è quello di Walter Ricciardi, già Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità e con lo scoppio della pandemia consulente del Ministro Speranza. Il suo nome torna sempre di attualità quando si profila un governo tecnico: si parlava di lui anche nel giugno 2018 nel tentativo (durato pochi giorni) dell’economista Carlo Cottarelli. Non pare però essere tra i favoriti.

C’è poi il capitolo dei virologi. Tra i papabili c’è Ilaria Capua, ricercatrice attualmente in Florida, in passato parlamentare per Scelta Civica e da mesi protagonista del talk show di Giovanni Floris “Di Martedì”. Sull’ipotesi Capua sono già piovute le critiche di Massimo Galli, infettivologo del Sacco di Milano. Sullo sfondo c’è anche Andrea Crisanti, virologo romano ideatore del modello di Vo’ Euganeo, che ha già affermato che rifletterebbe in caso gli arrivasse una proposta. Più difficile che la scelta possa cadere su Giorgio Palù, già Presidente della Società Europea di Virologia e ora Presidente di Aifa, protagonista in questi giorni delle scelte sugli anticorpi monoclonali.

In ultimo, non si può escludere che qualora il M5S sostenesse a pieno titolo il governo Draghi, non sia l’attuale viceministro Pierpaolo Sileri, chirurgo e senatore, a spuntarla per Lungotevere Ripa. L’ipotesi sembra remota ma in politica mai dire mai.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Rete Registro Tumori, M5S a Speranza: «Subito decreto attuativo per istituzione referto epidemiologico»
La capogruppo del Movimento 5 Stelle in Commissione Igiene e Sanità del Senato, Elisa Pirro, chiede inoltre quale sede fisica si intenda individuare per ospitare il registro tumori nazionale
Congresso di pediatria, Speranza: «Grazie a chi ha curato i bambini in pandemia, ora Ssn più forte»
Il ministro Speranza saluta i professionisti sanitari al 76 Congresso della Società italiana di pediatria e li ringrazia per lo sforzo durante la pandemia, chiedendone uno ulteriore per ricostruire il Ssn. Presenti anche Bianchi, Bonetti, Dadone e Stefani
Psicopandemia, le risposte della politica. Speranza: «Il ruolo dello psicologo è più attuale che mai»
Psicologi nelle scuole, nei servizi del SSN, accanto ai medici di famiglia ed ai pediatri di libera scelta: ecco i luoghi strategici dove garantire il sostegno psicologico. Al webinar del Consiglio nazionale dell’ordine degli psicologi, azioni e proposte di rappresentanti della politica e della sanità
di Isabella Faggiano
Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»
«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Erich Grimaldi, Presidente del Comitato Cure Domiciliari Covid-19
Riaperture, la road map del Governo: dal 26 aprile tornano le zone gialle. Priorità a scuole e attività all’aperto
La conferenza stampa di Draghi e Speranza: «Ci assumiamo rischio ragionato. Se misure verranno rispettate possibilità di tornare indietro sarà bassissima»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 giugno, sono 176.647.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.822.827 i decessi. Ad oggi, oltre 2,4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM