Politica 28 Agosto 2019

Governo, giorno decisivo. Ecco nomi e idee PD per la sanità

Dal tema vaccini, da sempre dirimente per le due forze, alle politiche sociali, passando per lo sblocco delle assunzioni fino alla riforma della formazione specialistica e del numero chiuso: il Partito Democratico chiede discontinuità. Tra i nomi DEM, in caso di cambio a Lungotevere Ripa, ci sono quello dell’ex sottosegretario alla Salute Vito De Filippo, poi Paola Boldrini, Maria Luisa Gnecchi e Simona Malpezzi ma si segnala anche la stima di Zingaretti per Walter Ricciardi, già presidente dell’Istituto Superiore di Sanità

di Cesare Buquicchio e Viviana Franzellitti
Immagine articolo

Siamo alla resa dei conti: a poche ore dalla fine delle consultazioni del presidente della Repubblica al Quirinale proseguono febbrili le trattative tra M5S e PD per formare un nuovo Governo “giallo-rosso”.

Molti i nodi ancora da sciogliere: tra richieste, aperture e ripensamenti, le due forze politiche sembrano ora concordi sulla riconferma di Giuseppe Conte come Premier, ma devono accordarsi sulla vicepresidenza, definire il ruolo di Luigi Di Maio ed il voto sulla piattaforma Rousseau, fondamentale per il movimento ma difficile da concretizzare a breve. Le nubi si addensano anche sul ministero della Salute, dove gli scenari possibili sono due: il PD vorrebbe un cambiamento alla guida del Dicastero, il movimento vedrebbe ancora bene Giulia Grillo.

LEGGI ANCHE: CRISI GOVERNO, MARINI (ACOI): «ECCO LE PROPOSTE PER IL PROSSIMO MINISTRO DELLA SALUTE

In attesa degli ultimi sviluppi, dai lavori in corso al Nazareno, alla presenza di Vito De Filippo, ex sottosegretario proprio alla Salute, per la Commissione Affari Sociali e Paola Boldrini, per quella Sanità del Senato, sono stati individuati i punti da cui ripartire in tema di salute. Sui nomi, in caso di cambio a Lungotevere Ripa, ci sono quelli dei due DEM già citati, oltre quelli di Maria Luisa Gnecchi, attuale responsabile Welfare della segreteria Zingaretti e di Simona Malpezzi, insegnante, che di recente ha preso a cuore i temi della sanità con numerosi interventi. Ma si segnala anche la grande stima personale del segretario democratico per un tecnico di altissimo profilo come Walter Ricciardi, già presidente dell‘Istituto Superiore di Sanità, anche se una figura come Ricciardi sarebbe irricevibile per il Movimento 5 Stelle, visti i trascorsi precedenti.

LEGGI ANCHE: CRISI DI GOVERNO, NICOLA DRAOLI (FNOPI): «PROVVEDIMENTI FERMI DIVENTINO AGENDA POLITICA DEL FUTURO GOVERNO»

In particolare, tornando alle varie tematiche, si è parlato di sostenibilità e fondo sanitario nazionale, con proposte inerenti alla prossima Legge di Bilancio, il Patto per la salute ed il rapporto con le Regioni. È stato affrontato anche il tema dello sblocco delle assunzioni e della carenza di personale in sanità, strettamente legati alle specializzazioni, alla riforma dell’accesso alle Università e al numero chiuso.

Un altro tema da sempre dirimente per le due forze è quello che riguarda i vaccini: il Partito Democratico, da sempre favorevole all’obbligo, chiede una posizione chiara sia su questo che sulla loro importanza in termini di prevenzione. E ancora, secondo il PD, c’è da lavorare sul commissariamento in sanità, rivedere ed ampliare le politiche sociali e l’integrazione socio-sanitaria – assegno unico e reddito cittadinanza – e il tema della salute mentale.

Articoli correlati
Abruzzo, la ricetta del governatore Marsilio: «Stop debiti e nuove assunzioni. Tagli? Fake news»
Il Presidente della Regione Abruzzo fa il punto a un anno dalla sua elezione: «Non spenderemo più soldi di quelli destinati all’Abruzzo. Sui farmaci, con la centrale unica di committenza abbiamo già risparmiato molti soldi». Sulle aggressioni: «È un imbarbarimento della nostra civiltà, giusto che ci sia allarme sociale»
Formazione manageriale in Sanità, il 19 gennaio si chiude il bando per selezionare i migliori 30: la Campania forma i manager di domani
La Campania come fucina dei manager della Sanità. Non si tratta di uno spot, bensì della tendenza ormai consolidata di Direttori Sanitari Aziendali e Direttori di UOC delle Aziende e degli Enti del Servizio Sanitario Regionale a tentare di entrare nella cerchia dei 30 ai quali sarà consentito l’accesso al “Corso di formazione manageriale in materia di […]
Molise, parla Toma. «Stop tagli, ecco come potenzieremo le strutture. Sui commissariamenti mi dileggiavano ma poi…»
Il Presidente della Regione Molise spiega che si arriverà a una sanità ‘a misura di molisani’: «Potenziamento delle strutture di Campobasso, Isernia e Termoli, mantenimento punti nascita e nosocomio di Agnone come ‘ospedale di area disagiata». Dopo la vittoria alla Consulta sull’incompatibilità Commissario-Presidente al via i tavoli con il Governo
Vaccini, al Niguarda primo ambulatorio intra-ospedaliero per pazienti cronici, fragili e donne in gravidanza
Collaborazione tra specialisti e medici affinché le vaccinazioni siano parte del piano terapeutico dei pazienti. Orso (Responsabile del centro vaccinale): «Triplice vantaggio per i pazienti: profilassi all’interno del percorso ospedaliero, tempi rapidi di realizzazione e vaccinazione parte integrante del percorso terapeutico»
di Federica Bosco
«Specializzandi al terzo anno in corsia? Servono tutele». Manai e Romualdi lanciano il laboratorio Pd sulla formazione
L’evento l’11 gennaio a Firenze. Tra gli ospiti Ascani, Gaudio, Zampa, Carnevali, Gnecchi. Sul test di Medicina aprono a una revisione in senso meritocratico ma salvaguardando il numero programmato. E sulle borse di specializzazione: «L'obiettivo è arrivare a 11500»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...