Salute 22 Agosto 2019

Crisi di Governo, Nicola Draoli (FNOPI): «Provvedimenti fermi diventino agenda politica del futuro governo»

Dall’infermiere di famiglia all’intramoenia, la crisi ha bloccato alcuni provvedimenti importanti per gli infermieri. «Indipendentemente dal futuro del Governo abbiamo davvero una serie di percorsi importantissimi da concludere in fretta per i nostri cittadini» sottolinea Draoli

Inserire nell’agenda del futuro Governo tutti quei percorsi legislativi rimasti in sospeso con la crisi che ha messo fine all’esperienza governativa giallo-verde. A chiederlo la Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche, impegnata in questi giorni nel Meeting Salute 2019 di Rimini. Proprio dalla costa romagnola arriva il commento di Nicola Draoli, componente del Comitato centrale FNOPI.

«In questo momento di crisi di Governo ci sono tutte una serie di percorsi legislativi in atto – spiega Draoli – ddl intramoenia, il ddl sull’infermiere di famiglia e di comunità, il Patto per la Salute. Abbiamo tantissimi percorsi in standby. Questo per noi è un momento particolarmente cruciale perché chiediamo, e monitoreremo ovviamente affinché sia fatto, che diventi immediatamente un’agenda politica, indipendentemente dal futuro del Governo, perché abbiamo davvero una serie di percorsi importantissimi da concludere in fretta per i nostri cittadini».

Il Meeting Salute di Rimini è anche l’occasione per fare il punto sui temi caldi della professione. «Per noi è importantissimo essere qua perché c’è la possibilità di confrontarci non solo con tutta una serie di stakeholders che per noi sono fondamentali – racconta ancora Nicola Draoli – politici, istituzioni e associazioni, ma soprattutto i cittadini. Lo stand della FNOPI sta andando benissimo, intercetta tantissime persone, dai bambini agli adulti e agli anziani. In questo modo riusciamo a portare l’identità professionale infermieristica con le persone fuori dai convegni». Tra i temi affrontati «l’Alzheimer, l’importanza dell’infermieristica di famiglia e di comunità, della territorialità, il cambio di paradigma di cui ha bisogno il nostro sistema e il tema delle specializzazioni che è uno dei temi focali in tutti i nostri interventi».

LEGGI ANCHE: CRISI DI GOVERNO, LA PREOCCUPAZIONE DI ANELLI (FNOMCeO): «DDL AGGRESSIONI SARA’ RALLENTATO NONOSTANTE NOSTRE SOLLECITAZIONI»

Proprio sulla formazione specialistica la FNOPI, in una nota, sottolinea l’importanza dello sviluppo della professione infermieristica non è solo manageriale, ma «anche clinica e per questo  – sottolinea FNOPI – di fondamentale importanza è riconoscere ai professionisti le specializzazioni e il loro percorso formativo, non solo come approfondimento professionale legato ai master, ma come vero e proprio livello di istruzione universitaria superiore. E alle specializzazioni saranno anche legati la progressione di carriera e il principio di infungibilità».

Questo il panorama prossimo che la Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI) sta disegnando per lo sviluppo dell’attività assistenziale degli oltre 450mila suoi iscritti di cui 385mila in servizio e di questi 270mila circa alle dipendenze del Servizio sanitario nazionale. Numeri che si traducono in una consistenza della professione infermieristica pari a oltre il 45% di chi lavora in sanità e in oltre il 40% di chi dipende dalle strutture pubbliche.

«Occorre stratificare le competenze specialistiche sia nei modelli organizzativi che negli incardinamenti normativi e contrattuali – ha detto la presidente FNOPI Barbara Mangiacavalli – Già domani quindi ci aspetta un infermiere non più solo dedicato alle “esigenze di reparto e di azienda”, ma specializzato secondo canoni che la Federazione sta mettendo a punto con i ministeri di Salute e Università e su cui presto si confronterà con le Regioni».

Articoli correlati
«Radiazione illegittima». La sentenza della Corte Costituzionale sul “caso Venturi”
Il medico e assessore alla Sanità dell'Emilia Romagna era stato radiato dall'Ordine dei medici di Bologna all'indomani dell'approvazione di una delibera della Giunta regionale sulla possibilità di impiegare infermieri nelle ambulanze anche in assenza dei medici
Gli infermieri incontrano il presidente del Comitato di Settore. De Palma (Nursing Up): «Venturi coerente e coraggioso, riordini il SSN»»
Questo pomeriggio il presidente del sindacato degli infermieri Nursing Up Antonio De Palma ha incontrato il presidente del Comitato di Settore Sergio Venturi. Dall’incontro è emersa una sinergia in particolare sul tema della valorizzazione dei professionisti sanitari all’interno del Servizio sanitario nazionale. Sull’argomento Venturi è di recente intervenuto pubblicamente destando polemiche da parte dei medici […]
«Eliminare il superticket e abbattere la ‘barriera economica’ in Sanità». Aceti (FNOPI) commenta le diseguaglianze regionali
Disparità che dividono anche le Regioni commissariate da quelle con i conti in ordine. Il portavoce della Federazione degli Ordini delle Professioni infermieristiche (FNOPI): «La spesa pro capite per tutte le prestazioni sanitarie è più alta nelle Regioni del Nord e non in piano di rientro, più bassa invece nelle Regioni in piano di rientro»
Aggressioni al personale sanitario, Yongjie Yon (OMS-ONU): «Aumentare la consapevolezza per prevenire il fenomeno»
«C’è bisogno di un approccio politico di tolleranza zero e di sostenere la causa a livello pubblico. Serve la collaborazione da parte di tutti per prevenire le aggressioni verso gli operatori sanitari: politica, media e forze dell’ordine» il pensiero del Rappresentante OMS-ONU Yongjie Yon a Sanità Informazione
Violenza, De Palma (Nursing Up): «Garantiremo copertura assicurativa infermieri contro le aggressioni»
L’80% degli infermieri intervistati ha confessato di aver subìto violenza sul luogo di lavoro. L’11% ha parlato di violenza fisica e il 4% ha riferito di essere stato minacciato con un’arma da fuoco. Il presidente del sindacato: «Lo Stato fa poco e il Ddl antiviolenza non è sufficiente. È necessario istituire osservatori e servizi di protezione del personale in tutte le aziende sanitarie»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Salute

Droga, bambini in astinenza. Parla il neonatologo: «Non c’è un picco, ma a volte conseguenze devastanti»

L'intervista ad Antonello Del Vecchio, neonatologo della Società Italiana di Pediatria: «Mix di droghe devastante, ma il loro utilizzo in gravidanza non è in aumento». E a provocare le crisi non c...