Salute 22 Agosto 2019

Crisi di Governo, Nicola Draoli (FNOPI): «Provvedimenti fermi diventino agenda politica del futuro governo»

Dall’infermiere di famiglia all’intramoenia, la crisi ha bloccato alcuni provvedimenti importanti per gli infermieri. «Indipendentemente dal futuro del Governo abbiamo davvero una serie di percorsi importantissimi da concludere in fretta per i nostri cittadini» sottolinea Draoli

Inserire nell’agenda del futuro Governo tutti quei percorsi legislativi rimasti in sospeso con la crisi che ha messo fine all’esperienza governativa giallo-verde. A chiederlo la Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche, impegnata in questi giorni nel Meeting Salute 2019 di Rimini. Proprio dalla costa romagnola arriva il commento di Nicola Draoli, componente del Comitato centrale FNOPI.

«In questo momento di crisi di Governo ci sono tutte una serie di percorsi legislativi in atto – spiega Draoli – ddl intramoenia, il ddl sull’infermiere di famiglia e di comunità, il Patto per la Salute. Abbiamo tantissimi percorsi in standby. Questo per noi è un momento particolarmente cruciale perché chiediamo, e monitoreremo ovviamente affinché sia fatto, che diventi immediatamente un’agenda politica, indipendentemente dal futuro del Governo, perché abbiamo davvero una serie di percorsi importantissimi da concludere in fretta per i nostri cittadini».

Il Meeting Salute di Rimini è anche l’occasione per fare il punto sui temi caldi della professione. «Per noi è importantissimo essere qua perché c’è la possibilità di confrontarci non solo con tutta una serie di stakeholders che per noi sono fondamentali – racconta ancora Nicola Draoli – politici, istituzioni e associazioni, ma soprattutto i cittadini. Lo stand della FNOPI sta andando benissimo, intercetta tantissime persone, dai bambini agli adulti e agli anziani. In questo modo riusciamo a portare l’identità professionale infermieristica con le persone fuori dai convegni». Tra i temi affrontati «l’Alzheimer, l’importanza dell’infermieristica di famiglia e di comunità, della territorialità, il cambio di paradigma di cui ha bisogno il nostro sistema e il tema delle specializzazioni che è uno dei temi focali in tutti i nostri interventi».

LEGGI ANCHE: CRISI DI GOVERNO, LA PREOCCUPAZIONE DI ANELLI (FNOMCeO): «DDL AGGRESSIONI SARA’ RALLENTATO NONOSTANTE NOSTRE SOLLECITAZIONI»

Proprio sulla formazione specialistica la FNOPI, in una nota, sottolinea l’importanza dello sviluppo della professione infermieristica non è solo manageriale, ma «anche clinica e per questo  – sottolinea FNOPI – di fondamentale importanza è riconoscere ai professionisti le specializzazioni e il loro percorso formativo, non solo come approfondimento professionale legato ai master, ma come vero e proprio livello di istruzione universitaria superiore. E alle specializzazioni saranno anche legati la progressione di carriera e il principio di infungibilità».

Questo il panorama prossimo che la Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI) sta disegnando per lo sviluppo dell’attività assistenziale degli oltre 450mila suoi iscritti di cui 385mila in servizio e di questi 270mila circa alle dipendenze del Servizio sanitario nazionale. Numeri che si traducono in una consistenza della professione infermieristica pari a oltre il 45% di chi lavora in sanità e in oltre il 40% di chi dipende dalle strutture pubbliche.

«Occorre stratificare le competenze specialistiche sia nei modelli organizzativi che negli incardinamenti normativi e contrattuali – ha detto la presidente FNOPI Barbara Mangiacavalli – Già domani quindi ci aspetta un infermiere non più solo dedicato alle “esigenze di reparto e di azienda”, ma specializzato secondo canoni che la Federazione sta mettendo a punto con i ministeri di Salute e Università e su cui presto si confronterà con le Regioni».

Articoli correlati
Fnopi, parte la nuova campagna #NonChiamateciEroi. Il 25 giugno l’evento social
«Un’iniziativa – spiega la Fnopi - per essere vicini a tutti gli infermieri e per sostenere la raccolta fondi #NoiConGliInfermieri che ha raggiunto 3 milioni di donazioni già in erogazione diretta a tutti gli infermieri ritenuti idonei»
Emergenza Covid, Conte a medici e infermieri: «Non vi chiamo eroi, ma siete grandi professionisti con un grande cuore»
Il premier è intervenuto alla cerimonia di ringraziamento della Task Force sanitaria anti Covid alla Protezione civile. Borrelli: «Oltre 8mila i medici e 9mila gli infermieri che hanno risposto alla nostra iniziativa, a loro va il nostro ringraziamento». Speranza cita Papa Francesco: «Peggio di questa crisi c'è solo il rischio di sprecarla»
Lo sfogo di un’infermiera del San Raffaele di Milano: «Dopo il Covid, a causa del nuovo contratto, non possiamo nemmeno andare in ferie»
«Lavoriamo in condizioni disumane, e come regalo addio a permessi retribuiti e scatti»
di Federica Bosco
Flash mob degli infermieri del sindacato Nursing up: «Non chiamateci eroi, dateci rispetto e riconoscimento»
Tra le rivendicazioni: rinegoziazione del contratto con minimi europei, competenze riconosciute e possibilità di andare in ferie
di Federica Bosco
Il 91% degli italiani si fida degli infermieri e chiede che se ne assumano di più: i dati del rapporto Censis-FNOPI
L’indagine premia la figura professionale dell’infermiere: picco di consensi nel Nord Est. Promosso a pieni voti l’infermiere di famiglia. L’83% incoraggerebbe un parente o un amico a intraprendere la professione. Oltre 29 milioni gli italiani che si sono imbattuti in fake news durante la pandemia di Covid-19
di Giovanni Cedrone e Gloria Frezza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...