Politica 21 Agosto 2019

Crisi di governo, FNOPO: «Sanità sia priorità per il futuro. Tutelare le donne»

«Forse, come ha affermato la stessa titolare del Dicastero, si sarebbe potuto fare di più e meglio», commenta la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica all’indomani della ufficializzazione della crisi di governo

Immagine articolo

«La Federazione Nazionale segue con attenzione e il rispetto dovuto questa delicata fase politica che sta attraversando il nostro Paese in seguito alla crisi di governo ufficializzata ieri con le dimissioni del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, presentate ieri sera al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella», commentano le componenti del Comitato Centrale della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica all’indomani della ufficializzazione della crisi di governo.

«L’esperienza di governo che volge ormai a conclusione ha toccato temi molto delicati per la sanità, a partire dal problema della violenza contro i professionisti sanitari, le vaccinazioni, l’autonomia differenziata e non ultimo per importanza quello che lo stesso ministro uscente, Giulia Grillo, ha citato nel suo post sul suo profilo Facebook ovvero l’ostetrica di comunità e di famiglia, progetto già menzionato in alcuni eventi pubblici – continuano i vertici nazionali FNOPO -. Al ministro Grillo va il ringraziamento della FNOPO per aver comunque cercato di affrontare un settore difficile come quello della sanità per la promozione e la tutela della salute di tutti i cittadini e le cittadine.

LEGGI: CRISI DI GOVERNO, LA PREOCCUPAZIONE DI ANELLI (FNOMCEO): «DDL AGGRESSIONI SARÀ RALLENTATO NONOSTANTE NOSTRE SOLLECITAZIONI»

«Forse, come ha affermato la stessa titolare del Dicastero, si sarebbe potuto fare di più e meglio, – aggiungono le rappresentanti nazionali della Professione Ostetrica – soprattutto con l’interlocuzione costante, equa e paritaria con tutti coloro che lavorano quotidianamente in sanità. Un percorso che si stava avviando negli ultimi mesi ad esempio con le audizioni al Ministero per il Patto a Salute e che si auspica sia uno dei caratteri distintivi del ministro della Salute».

«La Federazione auspica che il nuovo governo che guiderà il Paese avrà sempre la massima attenzione possibile per la sanità, perché rappresenta uno dei pilastri del sistema Paese. Occorrono risorse non solo economiche ma anche umane, condizioni di lavoro idonee per la adeguatezza e sicurezza delle donne e dei professionisti che se ne prendono cura. Serve la lungimiranza politica di preservare le migliori condizioni di salute possibili per tutte le generazioni di tutte le provenienze. Occorre tutelare le donne – concludono i vertici FNOPO – attraverso la prevenzione, con interventi adeguati ed uniformemente attuati su tutto il territorio nazionale attraverso atti di indirizzo e con linee guida chiare e univoche e che abbiamo soprattutto reale applicazione attraverso il recepimento a livello regionale e aziendale».

Articoli correlati
Rapporto Cedap, FNOPO: «Ancora troppa medicalizzazione alla nascita. Serve l’Ostetricia di famiglia»
La FNOPO, Federazione Nazionale Collegi Ostetriche, ha commentato i dati emersi dall’annuale rapporto CEDAP, Il Rapporto annuale sull’evento nascita in Italia relativo all’anno 2015. Ecco quanto rilevato dal Comitato Centrale FNOPO: «I dati che emergono dal Rapporto CEDAP 2016 sono preoccupanti, ma purtroppo non meravigliano. Sebbene infatti si riferiscano al 2015 e dunque, a ben […]
Ministero della Salute, parla Salvini: «Dov’è la competenza di Speranza?»
Caustico il leader della Lega. Più dialogante Massimo Garavaglia, in passato coordinatore del Comitato di Settore Salute della Conferenza delle Regioni oltre che viceministro al MEF: «Speranza persona valida, ma sono le politiche sulla sanità a preoccuparci...». Parla anche la senatrice Fregolent
Medicina generale, Scotti (FIMMG): «Bene preintesa ACN, ora in finanziaria trovare fondi per i modelli organizzativi»
Il Segretario della Federazione dei Medici di Medicina Generale rilancia il tour #AdessoBasta ed elenca le priorità: «Microteam, diagnostica e telemedicina, occorre trovare meccanismi di finanziamento». Poi si rivolge al neo ministro Speranza: «Molti dei nostri progetti sono già sui tavoli dei funzionari ministeriali. Si tratta di capire se queste soluzioni devono continuare a rimanere sempre nei cassetti o vengono affrontate»
«Assunzioni straordinarie e potenziamento percorsi formativi», la ricetta del premier Conte per la Sanità
«Questo progetto politico segna l'inizio di una nuova stagione riformatrice», ha spiegato all'inizio del suo intervento il premier Giuseppe Conte
Lorenzin: «Da Speranza mi aspetto approccio politico al Ministero della Salute»
Poi l'attacco a Grillo: «I modelli utilizzati fino ad oggi non hanno funzionato». L'intervista all'ex ministro Beatrice Lorenzin di Radio Cusano Campus
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali