Politica 21 Agosto 2019 15:53

Crisi di governo, FNOPO: «Sanità sia priorità per il futuro. Tutelare le donne»

«Forse, come ha affermato la stessa titolare del Dicastero, si sarebbe potuto fare di più e meglio», commenta la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica all’indomani della ufficializzazione della crisi di governo

Crisi di governo, FNOPO: «Sanità sia priorità per il futuro. Tutelare le donne»

«La Federazione Nazionale segue con attenzione e il rispetto dovuto questa delicata fase politica che sta attraversando il nostro Paese in seguito alla crisi di governo ufficializzata ieri con le dimissioni del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, presentate ieri sera al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella», commentano le componenti del Comitato Centrale della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica all’indomani della ufficializzazione della crisi di governo.

«L’esperienza di governo che volge ormai a conclusione ha toccato temi molto delicati per la sanità, a partire dal problema della violenza contro i professionisti sanitari, le vaccinazioni, l’autonomia differenziata e non ultimo per importanza quello che lo stesso ministro uscente, Giulia Grillo, ha citato nel suo post sul suo profilo Facebook ovvero l’ostetrica di comunità e di famiglia, progetto già menzionato in alcuni eventi pubblici – continuano i vertici nazionali FNOPO -. Al ministro Grillo va il ringraziamento della FNOPO per aver comunque cercato di affrontare un settore difficile come quello della sanità per la promozione e la tutela della salute di tutti i cittadini e le cittadine.

LEGGI: CRISI DI GOVERNO, LA PREOCCUPAZIONE DI ANELLI (FNOMCEO): «DDL AGGRESSIONI SARÀ RALLENTATO NONOSTANTE NOSTRE SOLLECITAZIONI»

«Forse, come ha affermato la stessa titolare del Dicastero, si sarebbe potuto fare di più e meglio, – aggiungono le rappresentanti nazionali della Professione Ostetrica – soprattutto con l’interlocuzione costante, equa e paritaria con tutti coloro che lavorano quotidianamente in sanità. Un percorso che si stava avviando negli ultimi mesi ad esempio con le audizioni al Ministero per il Patto a Salute e che si auspica sia uno dei caratteri distintivi del ministro della Salute».

«La Federazione auspica che il nuovo governo che guiderà il Paese avrà sempre la massima attenzione possibile per la sanità, perché rappresenta uno dei pilastri del sistema Paese. Occorrono risorse non solo economiche ma anche umane, condizioni di lavoro idonee per la adeguatezza e sicurezza delle donne e dei professionisti che se ne prendono cura. Serve la lungimiranza politica di preservare le migliori condizioni di salute possibili per tutte le generazioni di tutte le provenienze. Occorre tutelare le donne – concludono i vertici FNOPO – attraverso la prevenzione, con interventi adeguati ed uniformemente attuati su tutto il territorio nazionale attraverso atti di indirizzo e con linee guida chiare e univoche e che abbiamo soprattutto reale applicazione attraverso il recepimento a livello regionale e aziendale».

Articoli correlati
Inserire la comunicazione medico paziente nei percorsi formativi, la proposta di Provenza (M5S)
Il medico e deputato M5S ha presentato una proposta per la predisposizione di un Piano volto al potenziamento degli aspetti comunicativi della relazione del professionista sanitario con il paziente e con i componenti dell’equipe sanitaria. Previsti incentivi anche nella formazione ECM
di Francesco Torre
Formazione ECM, Magi (OMCeO Roma): «Azioni disciplinari per chi non è in regola»
Falcinelli (OMCeO Ravenna): «Compito degli Ordini stimolare gli iscritti e verificare crediti». Lazzari (Cnop): «Aggiornamento continuo essenziale»
Dalla medicina territoriale all’infermiere di comunità, tutte le riforme a rischio con la crisi di governo
La fine anticipata della legislatura, sempre più probabile dopo le dimissioni di Mario Draghi, rischia di fermare molti disegni di legge all’esame del Parlamento: dallo psicologo delle cure primarie al budget di salute fino alle norme sulla Concorrenza. La crisi rischia di ritardare anche alcuni decreti attuativi come quelli per le malattie rare e per i ristori ai sanitari deceduti per il Covid
di Francesco Torre
Zuccarelli (OMCeO Napoli): «Sanità a rischio collasso, subito quarta dose e assunzioni»
«Tra Covid-19 e fuga dagli ospedali pubblici il personale è all'osso. Rischiamo un autunno drammatico»
Ostetriche libero professioniste: l’esercito dei 600
Marzetti (ostetrica): «Durante la pandemia molte donne hanno scelto di partorire in casa, non solo per il timore di contrarre l’infezione da Covid-19 durante un eventuale ricovero in una struttura sanitaria, ma anche per l’impossibilità di avere accanto a sé il papà del proprio bambino, sia in sala parto che successivamente in reparto»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...