Lavoro 26 Agosto 2019

Crisi governo, Marini (Acoi): «Ecco le proposte per il prossimo ministro della Salute»

«Le aggressioni scoraggiano i giovani medici, che non vogliono più fare i chirurghi. Ma in fondo perché dovrebbero volerlo?». L’intervista al presidente dell’Associazione chirurghi ospedalieri Pierluigi Marini

di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Immagine articolo

Riformare il sistema di formazione post-laurea, cambiare il profilo giuridico degli specializzandi che negli ultimi due anni lavorano in ospedale e rendere nuovamente attrattive alcune specialità da cui i giovani scappano. Per Pierluigi Marini, presidente dell’Associazione chirurghi ospedalieri (Acoi), sono queste le priorità che il prossimo ministro della Salute dovrà affrontare. Ma è l’ultimo punto quello maggiormente evidenziato da Marini a Sanità Informazione, chiedendosi «perché oggi un giovane medico dovrebbe voler fare il chirurgo?». Il pensiero non va solo al lungo percorso formativo necessario per entrare in sala operatoria, ma anche «al rischio di contenzioso medico-legale e alle aggressioni subite da medici e professionisti sanitari, la dolorosissima novità che ormai rappresenta la quotidianità».

Proprio pochi giorni fa a Napoli è stata aggredita una dottoressa specialista in chirurgia…

«Se continua così serviranno le forze dell’ordine nei Pronto soccorso e nei reparti. La situazione ormai è insopportabile. È necessario rendere i nostri ospedali luoghi sicuri di cura e riportare sulla giusta strada il rapporto tra specialisti e pazienti. Altrimenti non avremo più specialisti, e a mancare saranno soprattutto i chirurghi».

Le aggressioni sono un altro elemento che scoraggia i giovani a intraprendere la carriera del chirurgo.

«Io l’ho detto in tutte le maniere. Le aggressioni si vanno ad aggiungere ad altri grossi problemi come la formazione, che deve essere rifondata. Ma serve anche un intervento strutturale sulla sanità pubblica».

Il Governo è appena caduto. Quello che ha fatto il ministro Grillo è stato sufficiente o bisogna fare di più?

«Ho avuto modo di parlare con il Ministro e di confrontarmi con il suo staff sulle principali problematiche, ma non ho visto risposte. Avevo presentato un progetto sulla formazione post-laurea, abbiamo parlato della carenza di specialisti, di come rendere attrattive le professioni non più scelte dai giovani, di come affrontare il problema della migrazione all’estero ma, ahimè, risposte non ci sono state. Poi è chiaro che l’interruzione dell’attività di governo ha reso tutto questo impossibile. La realtà è che la sanità pubblica in Italia sta attraversando un periodo di grandissima difficoltà, eppure non sento parlare di questi problemi. Lo dissi anni fa, che avremmo dovuto importare specialisti dall’estero; ecco, oggi sta succedendo».

Cosa pensa della possibilità di far lavorare in ospedale gli specializzandi per far fronte alla carenza di specialisti?

«Penso che il problema della carenza non si risolve sostituendo i professionisti che se ne vanno con gli specializzandi, che devono essere formati bene e inseriti nel mondo del lavoro dopo aver completato la giusta formazione. Un chirurgo deve concludere il proprio iter formativo per essere autonomo. E lo stesso vale per altri specialisti come anestesisti, ortopedici, ecc. Tra l’altro sappiamo che anche coloro che concludono il programma formativo non sempre vantano tutte le skill giuste e necessarie. E sono i giovani stessi a dirlo, quando non scelgono alcune specializzazioni perché non sono soddisfatti del sistema formativi. Quindi non credo che affrontare il problema della fuga e della mancanza di specialisti affidando responsabilità agli specializzandi sia la ricetta giusta».

Men che meno ai neolaureati, allora, come si vuol fare in Veneto

«Io mi chiedo se questo sia un bene per la sanità pubblica, per i pazienti e anche per i giovani medici: curare una persona è una cosa molto seria».

Da cosa dovrebbe iniziare secondo lei l’azione di governo del prossimo ministro della Salute?

«Rendere attrattive alcune specialità da cui oggi i giovani scappano; riformare il sistema di formazione post-laurea; cambiare il profilo giuridico degli specializzandi che negli ultimi due anni di formazione vengono inseriti negli ospedali, perché di fatto, oggi, senza la presenza del tutor non possono fare niente; e poi dare forza alla sanità pubblica, soprattutto in alcune Regioni, dove gli standard non sono sempre rispettati. E dove questo avviene si crea quel fenomeno eticamente ed economicamente brutto del turismo sanitario, di cui tutti parlano ma su cui non ci sono interventi significativi. Non vedo interventi strutturali a sostegno della sanità pubblica che soffre. Poi, se oggi uno specialista impegnato in un Pronto soccorso non può più dire ai parenti di accomodarsi fuori, vuol dire che siamo nella giungla».

Articoli correlati
«No al federalismo in sanità. Serve una migliore offerta formativa». I chirurghi bocciano le scelte del Governo
Se ne è parlato al workshop promosso dal Collegio Italiano dei Chirurghi e la Società Polispecialistica Italiana dei Giovani Chirurghi (SPIGC): «L'assunzione di medici in formazione determinerà nell’immediato futuro un peggioramento della qualità dell’assistenza offerta»
Aggressioni al personale sanitario, Yongjie Yon (OMS-ONU): «Aumentare la consapevolezza per prevenire il fenomeno»
«C’è bisogno di un approccio politico di tolleranza zero e di sostenere la causa a livello pubblico. Serve la collaborazione da parte di tutti per prevenire le aggressioni verso gli operatori sanitari: politica, media e forze dell’ordine» il pensiero del Rappresentante OMS-ONU Yongjie Yon a Sanità Informazione
Contenzioso, Marini (ACOI): «Completare al più presto Legge Gelli, per noi chirurghi le assicurazioni continuano ad aumentare»
«La medicina difensiva costa 15 miliardi all’anno, bisogna muoversi» sottolinea il presidente dell’Associazione Chirurghi Ospedalieri che poi chiede si avvii il percorso di unificazione tra le varie associazioni di categoria
Violenza, De Palma (Nursing Up): «Garantiremo copertura assicurativa infermieri contro le aggressioni»
L’80% degli infermieri intervistati ha confessato di aver subìto violenza sul luogo di lavoro. L’11% ha parlato di violenza fisica e il 4% ha riferito di essere stato minacciato con un’arma da fuoco. Il presidente del sindacato: «Lo Stato fa poco e il Ddl antiviolenza non è sufficiente. È necessario istituire osservatori e servizi di protezione del personale in tutte le aziende sanitarie»
Aggressioni al personale sanitario, Tommasa Maio (FIMMG): «Subito status pubblico ufficiale per medici»
Presentato al 76° Congresso FIMMG un 'video-denuncia': i camici bianchi che lavorano di notte il bersaglio principale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Salute

Droga, bambini in astinenza. Parla il neonatologo: «Non c’è un picco, ma a volte conseguenze devastanti»

L'intervista ad Antonello Del Vecchio, neonatologo della Società Italiana di Pediatria: «Mix di droghe devastante, ma il loro utilizzo in gravidanza non è in aumento». E a provocare le crisi non c...