Politica 21 Agosto 2019 09:58

«Ho cercato di mettere le cose a posto nella sanità pubblica», l’addio del ministro Grillo dopo le dimissioni del Governo

«Mi auguro che il mio progetto dell’ostetrica di comunità venga realizzato comunque da chi verrà come anche il ddl anti violenza a difesa degli operatori sanitari»

«Ho cercato di mettere le cose a posto nella sanità pubblica», l’addio del ministro Grillo dopo le dimissioni del Governo

«Sono onorata di aver potuto fare la mia parte nel governo Conte». Il ministro della Salute, Giulia Grillo affida ad un post Facebook il proprio congedo, all’indomani della discussione in Senato che ha posto fine all’esperienza di governo del premier Giuseppe Conte e di tutta la sua squadra.

«Giuseppe Conte è stato il miglior presidente del Consiglio degli ultimi anni. Con i miei colleghi ministri del MoVimento 5 Stelle ce l’abbiamo messa tutta e abbiamo fatto tanto, senza sosta e senza paura per 15 mesi. Certo potevamo fare meglio, tutti possono fare meglio. Ma ci sono cose che rimangono nero su bianco e che raccontano il nostro anno di impegno e passione per questo Paese. Abbiamo perso qualche battaglia è vero. Ma le abbiamo combattute tutte lealmente. Soprattutto abbiamo creduto fino in fondo nella correttezza delle nostre ragioni. Perdere non è immorale. È uno dei possibili risultati di una battaglia. Ne abbiamo vinte tante. Chi ci ha seguito lo sa» commenta il Ministro.

LEGGI: CRISI DI GOVERNO, SILERI (M5S): «UN PECCATO BLOCCARE LE TANTE COSE DA FARE PER LA SANITÀ»

«Al ministero della Salute abbiamo fatto tanto. Ho cercato di mettere le cose a posto nella sanità pubblica e mi auguro che il mio progetto dell’ostetrica di comunità venga realizzato comunque da chi verrà come anche il ddl anti violenza a difesa degli operatori sanitari. Spero anche che le cose su cui stavamo lavorando vengano portate a termine. Abbiamo messo le mani su tutti i dossier. Molti erano fermi da anni, da decenni. Nella sanità abbiamo fatto tantissimo ma rimane ancora molto da fare perché la situazione era e rimane complicata, e lo sapevo. Mi piacciono le sfide difficili» spiega Grillo.

«Io voglio bene al mio Paese e spero in un suo futuro bello e felice. Luigi Di Maio è il nostro capo politico, sta a lui esprimere la nostra linea alla quale mi allineo con lealtà. Gli rinnovo la mia stima per l’immenso impegno profuso, anche nei momenti più difficili, come questo. Al presidente Mattarella e al nostro parlamento democraticamente eletto mi affido per i futuri passi fiduciosa del loro amore per l’Italia» continua il titolare di Lungotevere Ripa.

 
LEGGI: MINISTRO GRILLO DIMISSIONARIO: SVOLGERÀ SOLO L’ORDINARIA AMMINISTRAZIONE

«Al ministero lavoreremo fino all’ultimo secondo che ci sarà concesso per fare tutto il possibile: proprio ieri ho firmato il decreto per il SIT (sistema informativo dei trapianti) passo fondamentale per dare attuazione alla legge di civiltà sui trapianti. Legge ferma da 19 anni. Sono e sarò sempre al servizio del nostro amato Paese e dei suoi cittadini. L’ho fatto da medico, da parlamentare e da Ministro. Lo farò ancora in qualsiasi veste la vita mi concederà. Sono onorata di aver potuto fare la mia parte con passione, volontà e onestà».

 

(Foto Facebook Giulia Grillo)

Articoli correlati
Donne in Sanità: studiano di più ma emergono di meno
Al via la seconda edizione di iWIN, l’hub per ricerca e innovazione a livello mondiale, fondata per affrontare le questioni dell’uguaglianza di genere. Rubulotta (anestesista): «La biotecnologia, disegnata per il 68% da ingegneri uomini, è usata nel 70% da giovani donne infermiere e medici impegnati al letto del malato»
Sanità, Parente (Iv): «Bene standard per assistenza territoriale ma servono assunzioni e formazione personale»
«Senza medici, infermieri e personale socio-sanitario e senza la formazione le nuove case di comunità sono destinate a restare delle scatole vuote» mette in guardia la presidente della commissione Igiene e Sanità del Senato
Sanità, la Lombardia conferma una qualità superiore alla media nazionale
Presentato a Milano il rapporto “Qualità degli Out Comes clinici negli Ospedali. Confronto tra Regione Lombardia e le altre Regioni Pne 2020” realizzato da Fondazione Sanità Futura
Longevità, prevenzione e tecnologia. L’ex premier Giuseppe Conte annuncia un progetto sulla terza età
Al convegno alla Camera su “Tecnologie e Longevità” anche Valter Longo, inventore della dieta mimadigiuno: «Intervenendo su nutrizione e attività fisica grosso impatto su invecchiamento, ma big companies si oppongono». Per la neuroscienziata Antonella Santuccione Chadha occorre investire di più sulla ricerca sul cervello
di Francesco Torre
Più sanità pubblica e valorizzazione dei professionisti. Speranza: «Necessario grande “patto Paese”»
Idee e obiettivi per il Ssn emersi durante l’agorà “la Sanità pubblica è sostenibile. Assicurare le risorse, proteggere e valorizzare i professionisti”, organizzata dal Partito Democratico. Bonaccini: «Con Pnrr grande opportunità ma attenzione a non perdere le risorse. Rivedere numero chiuso in Medicina»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali