Politica 23 Giugno 2020 13:06

Covid-19, Speranza: «L’Italia si sta rialzando ma la battaglia non è vinta. Scriviamo insieme il futuro»

«Il virus è una grande sfida globale, non conosce confini tra nazioni e questo significa che dobbiamo costruire insieme una risposta». Così il ministro della Salute in visita allo Spallanzani insieme all’ambasciatore Usa in Italia Eisenberg

C’era anche il ministro della Salute Roberto Speranza questa mattina all’Istituto Spallanzani di Roma per la visita dell’ambasciatore Usa in Italia, Lewis M. Eisenberg.

«Sono state giornate difficilissime per il nostro Paese – ha dichiarato Speranza in riferimento al periodo più duro della pandemia – e oggi, in una fase di cautela e prudenza, dobbiamo riconoscere che le istituzioni repubblicane e il SSN hanno saputo reggere. E se questo è avvenuto – ha precisato – è grazie alle donne e agli uomini del Ssn. Il virus è una grande sfida globale – ha affermato – non conosce confini tra nazioni e questo significa che dobbiamo costruire insieme una risposta globale».

LEGGI ANCHE: EMERGENZA COVID, CONTE A MEDICI E INFERMIERI: «NON VI CHIAMO EROI, MA SIETE GRANDI PROFESSIONISTI CON GRANDE CUORE»

Affrontare il futuro, dunque, facendo tesoro della lezione imparata durante i mesi di pandemia. «All’inizio si pensava che il virus fosse un problema solo della Cina – ha sottolineato il Ministro – poi dell’Italia e dell’Ue» fino a rendersi conto che era «una sfida globale. Io penso che insieme dobbiamo dare risposte all’altezza – ha aggiunto Speranza -. Quella più importante è quella della ricerca, dell’innovazione, è la collaborazione internazionale tra Paesi. L’Italia dopo mesi difficili si sta rialzando, ma guai a pensare che la battaglia sia vinta. Servirà la ricerca, la scienza, il vaccino sicuro al 100% e nel più breve tempo possibile per mettere la parola fine a questa storia così complicata».

LEGGI ANCHE: COVID-19, SPERANZA AI MEDICI: «SE LE ISTITUZIONI HANNO RETTO È ANCHE GRAZIE A VOI. ORA DISEGNIAMO INSIEME LA SANITÀ DEL FUTURO»

«Lo Spallanzani è da tempo partner degli Usa – ha ricordato l’ambasciatore americano Lewis Eisenberg nel corso della visita all’ospedale romano -. Siamo ansiosi di avere nuove opportunità per collaborare nell’affrontare questa e future sfide». Poi, è arrivato il plauso all’Italia per la gestione dell’emergenza sanitaria: «L’enorme impatto che avete avuto nel controllare il Covid-19» e la crisi sanitaria che ha colpito non solo l’Italia ma tutto il mondo «è stata bene affrontata. Noi vi auguriamo un successo uguale nell’affrontare la prossima fase di questa sfida», ha aggiunto l’ambasciatore evidenziando «il lavoro a stretto contatto con le istituzioni sanitarie ed il settore privato Usa per assicurare che si arrivi a vaccini efficaci nel modo più veloce e sicuro».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Bonus psicologo: oltre 340mila richieste, ma i fondi ci sono solo per 1 su 10
Boom di richieste per il bonus psicologo, ma solo il 12 per cento riuscirà a ottenerlo. Le risorse disponibili sono infatti insufficienti
Ricoveri ospedalieri, gli standard assistenziali sono stati rispettati con la pandemia? Il confronto tra 2020 e 2019
In base a un'indagine di www.doveecomemicuro.it nel 2020 è calata, per molti indicatori, la percentuale di ospedali in linea con le soglie minime di volume di attività fissate dalle autorità ministeriali: una conseguenza del crollo dei ricoveri dovuto alla pandemia da Covid-19
Usa: nel 2021 suicidi in aumento dopo più di 2 anni di declino
Lo scorso anno, negli Stati Uniti, 47.646 persone sono morte per suicidio. Secondo un nuovo rapporto dei Centers for Disease Control and Prevention americani, nel 2021 si è verificato un decesso per suicidio ogni 11 minuti. Questo, secondo gli esperti, potrebbe dipendere dalla pandemia
La pandemia ha cambiato le nostre personalità?
Una nuova ricerca suggerisce che siamo meno aperti, piacevoli e coscienziosi. Ma possiamo tornare a come eravamo prima?
di Stefano Piazza
Tre anni da Ministro della Salute, il bilancio di Roberto Speranza
Dal PNRR alla formazione continua, dalle esigenze del personale sanitario alla riforma del Numero chiuso. Alla vigilia delle elezioni, il quadro generale del Ministro uscente
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 5 dicembre 2022, sono 645.344.408 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.641.218 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa