Politica 23 Giugno 2020

Covid-19, Speranza: «L’Italia si sta rialzando ma la battaglia non è vinta. Scriviamo insieme il futuro»

«Il virus è una grande sfida globale, non conosce confini tra nazioni e questo significa che dobbiamo costruire insieme una risposta». Così il ministro della Salute in visita allo Spallanzani insieme all’ambasciatore Usa in Italia Eisenberg

C’era anche il ministro della Salute Roberto Speranza questa mattina all’Istituto Spallanzani di Roma per la visita dell’ambasciatore Usa in Italia, Lewis M. Eisenberg.

«Sono state giornate difficilissime per il nostro Paese – ha dichiarato Speranza in riferimento al periodo più duro della pandemia – e oggi, in una fase di cautela e prudenza, dobbiamo riconoscere che le istituzioni repubblicane e il SSN hanno saputo reggere. E se questo è avvenuto – ha precisato – è grazie alle donne e agli uomini del Ssn. Il virus è una grande sfida globale – ha affermato – non conosce confini tra nazioni e questo significa che dobbiamo costruire insieme una risposta globale».

LEGGI ANCHE: EMERGENZA COVID, CONTE A MEDICI E INFERMIERI: «NON VI CHIAMO EROI, MA SIETE GRANDI PROFESSIONISTI CON GRANDE CUORE»

Affrontare il futuro, dunque, facendo tesoro della lezione imparata durante i mesi di pandemia. «All’inizio si pensava che il virus fosse un problema solo della Cina – ha sottolineato il Ministro – poi dell’Italia e dell’Ue» fino a rendersi conto che era «una sfida globale. Io penso che insieme dobbiamo dare risposte all’altezza – ha aggiunto Speranza -. Quella più importante è quella della ricerca, dell’innovazione, è la collaborazione internazionale tra Paesi. L’Italia dopo mesi difficili si sta rialzando, ma guai a pensare che la battaglia sia vinta. Servirà la ricerca, la scienza, il vaccino sicuro al 100% e nel più breve tempo possibile per mettere la parola fine a questa storia così complicata».

LEGGI ANCHE: COVID-19, SPERANZA AI MEDICI: «SE LE ISTITUZIONI HANNO RETTO È ANCHE GRAZIE A VOI. ORA DISEGNIAMO INSIEME LA SANITÀ DEL FUTURO»

«Lo Spallanzani è da tempo partner degli Usa – ha ricordato l’ambasciatore americano Lewis Eisenberg nel corso della visita all’ospedale romano -. Siamo ansiosi di avere nuove opportunità per collaborare nell’affrontare questa e future sfide». Poi, è arrivato il plauso all’Italia per la gestione dell’emergenza sanitaria: «L’enorme impatto che avete avuto nel controllare il Covid-19» e la crisi sanitaria che ha colpito non solo l’Italia ma tutto il mondo «è stata bene affrontata. Noi vi auguriamo un successo uguale nell’affrontare la prossima fase di questa sfida», ha aggiunto l’ambasciatore evidenziando «il lavoro a stretto contatto con le istituzioni sanitarie ed il settore privato Usa per assicurare che si arrivi a vaccini efficaci nel modo più veloce e sicuro».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Indagine sieroprevalenza in Italia: 1,5 milioni di persone entrate in contatto con SARS-Cov-2. Nella sanità il dato più alto
Presentati al Ministero della salute i risultati dell’indagine sulla sieroprevalenza sul SARS-Cov-2. Le persone che hanno sviluppato gli anticorpi sono sei volte di più rispetto al totale dei casi intercettati ufficialmente durante la pandemia
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
Strascichi psichiatrici per più di metà dei guariti da Covid-19, i risultati di uno studio italiano
Le più colpite sono le donne, in cui gli straschichi psichiatrici sono più forti: depressione, ansia e insonnia. Tra le causa risposta immuntaria e stress
Covid-19 e gravidanza, le regole per ridurre il rischio di contagio
Sul Lancet il punto della situazione sul rapporto fra gravidanza, parto e Sars-CoV-2: «L’allattamento al seno con precauzioni è sicuro, ma rischio nascite premature»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 agosto, sono 18.288.573 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 693.805 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»