Politica 6 Giugno 2019

Aggressioni, Pd presenta nuovo Ddl alla Camera che introduce fattispecie specifica per il personale sanitario

L’iniziativa, lanciata dai deputati Siani, De Filippo e Lacarra, prevede una modifica dell’attuale art. 582 del codice penale in materia di aggressioni. Se la proposta venisse accettata, contro l’aggressore potrà procedersi d’ufficio senza necessità di denuncia da parte del medico. Anelli (FNOMCeO): «Il tema di come riconoscere i segnali premonitori di una violenza è entrato nella formazione ECM»

Immagine articolo

Un provvedimento snello e semplice, che metta d’accordo tutti gli attori in gioco e che possa aiutare a combattere un fenomeno riprovevole, trasversale e pericolosamente in crescita: le aggressioni ai medici e al personale sanitario. Si è aperta così, alla Camera, la conferenza stampa di presentazione della proposta di legge ad iniziativa dei deputati del Pd Paolo Siani, Vito De Filippo, Marco Lacarra e Ubaldo Pagano che propone sostanzialmente una modifica e integrazione all’articolo 582 del codice penale, laddove in materia di reato di aggressione si configurerebbe una ulteriore e specifica fattispecie: quella di aggressione al personale sanitario. Con una importante novità, e cioè che in questi casi si possa procedere d’ufficio, senza necessità di querela di parte e sollevando quindi la vittima dall’onere della denuncia.

«Quasi nessun medico denuncia le aggressioni subìte, per paura delle conseguenze – commenta Paolo Siani -. Aumentare le pene senza introdurre la procedibilità d’ufficio sarebbe stato un falso deterrente. Con questa proposta riteniamo di aver trovato un sistema che tutela il medico senza esporlo a ritorsioni. Fermo restando che, al di là dell’approvazione della proposta, è necessario lavorare per eradicare tutte quelle criticità da cui il fenomeno aggressivo scaturisce: sovraffollamento dei Pronto Soccorso, triage assente o poco funzionante, scarsa preparazione del personale nella gestione delle situazioni di stress».

LEGGI ANCHE: DDL AGGRESSIONI, MAUTONE (M5S): «AUMENTANO DOVE SSN FUNZIONA PEGGIO. ASL E OSPEDALI SIANO AL FIANCO DEI MEDICI NEI CONTENZIOSI»

«Si era anche parlato – interviene Marco Lacarra – di equiparare la figura del medico e dell’operatore sanitario a quella del pubblico ufficiale nell’esercizio delle sue funzioni, ma questo avrebbe comportato un aggravio di responsabilità e di oneri accessori in capo a questi, senza risolvere il problema principale, cioè la comprensibile reticenza a denunciare. Se, come speriamo, la nostra proposta venisse calendarizzata ed accolta, per avviare un procedimento giudiziario a carico dell’aggressore sarebbe sufficiente la semplice notitia criminis».

«La procedibilità d’ufficio – ha aggiunto Vito De Filippo – è un metodo che ha dato riscontro positivo in un’ampia casistica di fattispecie di reati».

Al dibattito è intervenuto anche Filippo Anelli, presidente FNOMCeO: «Pensiamo a quei presìdi di guardia medica che sorgono in zone isolate e privi di adeguati sistemi di sicurezza. Pensiamo alle condizioni di stress e paura in cui lavorano soprattutto le donne. A Bari abbiamo avuto il tragico episodio della dottoressa Paola Labriola, assassinata a coltellate da un suo paziente nel presidio di Psichiatria in cui lavorava. Questi casi stanno raggiungendo punte intollerabili per un Paese civile. La Commissione ECM ha, a tale proposito, inserito questi temi nell’ambito della formazione: ai medici vengono mostrati, attraverso filmati, i momenti da riconoscere come premonitori di un’aggressione, per poterli riconoscere e mettere in atto strategie che allentino la tensione e riducano il rischio di degenerare in violenza vera e propria».

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI, ABUSIVISMO, COVI DI ARMI: ECCO LA GOMORRA DEGLI OSPEDALI NAPOLETANI

Presente alla conferenza stampa anche Bruno Zuccarelli, Vicesegretario Nazionale Anaao, che ha evidenziato la compresenza, nel Napoletano, di fenomeni camorristici che esasperano l’escalation di violenza: «Mi chiedo come possano i nostri colleghi, costretti a lavorare in un clima di terrore, garantire una sanità sicura ed efficiente.  Il rischio di errori e di un eccessivo ricorso alla medicina difensiva è enorme. È fondamentale, oltre alla calendarizzazione della proposta in oggetto, trovare una sinergia sul tema con tutte le forze politiche così da far confluire tutte le proposte in un testo unitario».

D’accordo anche Maurizio Cappiello, Direttivo Nazionale di Anaao: «La sovrapposizione tra fenomeni di stampo camorristico e aggressioni si sta ripercuotendo sull’assistenza garantita ai cittadini. I presidi della rete di emergenza urgenza sono sguarniti di personale a causa della paura e del disagio in cui si lavora. I concorsi per i posti da ricoprire in queste aree vengono disertati. Questo, nel tempo, si tradurrà in un problema di salute pubblica. Se medici e infermieri vogliono essere eroi, che sia per aver salvato vite umane, non per aver messo a rischio la propria. Questa proposta di legge, che punta sulla esigibilità della pena e non sul suo inasprimento, rappresenta un reale deterrente. Motivo per il quale spero trovi spazio negli impegni del Governo e consenso unanime tra le forze politiche».

Articoli correlati
Coronavirus e passeggiate per i bambini, il chiarimento del Viminale e i pareri dei pediatri
Siani (Commissione Affari Sociali): «A rischio i benefici del distanziamento sociale, speriamo nel buon senso dei genitori». Giuliano (SIMPE): «Pericolosissimo abbassare la guardia»
Coronavirus, morto primo medico italiano. Anelli (FNOMCeO): «Alcuni colleghi contagiati sono gravi»
«Chiediamo alle Regioni un report dettagliato sulla disponibilità dei dispositivi di protezione. Medici, infermieri e farmacisti devono essere messi in condizioni di sicurezza»
Coronavirus, Palermo (Anaao): «Richiamare medici pensionati? In pochi accetterebbero. Meglio contratti ai giovani»
Il Segretario del sindacato commenta le proposte messe in campo dal Governo per contrastare la diffusione del Covid-19: «I camici bianchi vedono la pensione come un fine pena, chi esce oggi dal Servizio sanitario nazionale lo fa perché non ne può più. Perché mai dovrebbe tornare a lavorare, ora che la situazione è ancora più difficile e anche rischiosa? E per i giovani le risorse ci sarebbero»
Reperibilità notturna, Palermo (Anaao): «Se succede un “fattaccio” gli avvocati controllano se il medico ha riposato almeno 11 ore»
Il Segretario del sindacato spiega a Sanità Informazione i motivi alla base del ricorso alla Commissione europea: «Rischi enormi per la salute dei pazienti e per il professionista. Speriamo in pronuncia della Corte di Giustizia europea che faccia giurisprudenza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 10 aprile, sono 1.602.885 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 95.745 i decessi e 355.514 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino del...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...