Politica 15 Aprile 2019

Ddl aggressioni, Mautone (M5S): «Aumentano dove SSN funziona peggio. Asl e Ospedali siano al fianco dei medici nei contenziosi»

Il medico e senatore Cinque Stelle sottolinea: «Fondamentale migliorare l’assistenza e ridurre le liste d’attesa negli ospedali, che sono i primi fattori di contrasto tra pazienti e operatori sanitari». Il termine per presentare gli emendamenti al disegno di legge scade lunedì 29 aprile alle 12

Immagine articolo

Entra nel vivo in Commissione Igiene e Sanità al Senato la discussione sul Ddl per fronteggiare le aggressioni al personale sanitario, un fenomeno che negli ultimi tempi sta assumendo le dimensioni di una vera e propria emergenza, specie al centro sud. Conclusa la discussione generale, il termine per la presentazione di emendamenti è stato posticipato alle ore 12 del prossimo lunedì 29 aprile. Sul tema abbiamo intervistato il senatore (e pediatra) del Movimento Cinque Stelle Raffaele Mautone che a Sanità Informazione va alla radice del problema: «Le aggressioni aumentano al sud dove ci sono difficoltà nell’organizzazione del sistema», sottolinea Mautone che poi lancia la proposta: «Il medico si sente solo e abbandonato in questi casi. Nei contenziosi è necessario che intervenga l’Asl o l’ospedale di appartenenza del medico».

Senatore, lei si sta occupando in Commissione Sanità del tema delle aggressioni agli operatori sanitari. Quando si arriverà alla legge e cosa ci sarà in questa legge?

«Stiamo facendo una serie di audizioni, ascoltando le varie associazioni di categoria, l’Anaao, le associazioni di aiuti assistenza ospedaliera, i medici di medicina generale, per avere le idee chiare su come poi formulare questa legge. Io penso che è fondamentale migliorare l’assistenza e ridurre le liste d’attesa negli ospedali, che sono i primi fattori di contrasto tra pazienti e operatori sanitari che indirettamente vengono poi a subire delle scelte programmatiche sbagliate soprattutto a livello regionale. Secondo fattore, cercare nei contenziosi di far intervenire l’Asl o l’ospedale di appartenenza del medico. Non va vista come una difesa d’ufficio del medico, non bisogna personalizzare. Il fatto che l’azienda intervenga come interlocutore nel contenzioso facilita la possibilità che il medico possa sgravarsi di questo ulteriore carico. E già ne ha parecchi di carichi».

LEGGI ANCHE: DDL AGGRESSIONI, CONTINUANO LE AUDIZIONI IN SENATO. SUMAI: «ASL DENUNCINO D’UFFICIO». SIVeMP: «VETERINARI OPERINO IN EQUIPE»

Spesso gli operatori sanitari si sentono abbandonati in queste situazioni…

«Il medico si sente solo e abbandonato in questi casi. Poi mi sono chiesto: perché le aggressioni sono maggiori al sud che non al nord? Qualche domanda ce la dobbiamo porre. Probabilmente la spiegazione è che la non ancora perfetta organizzazione della struttura ospedaliera, le liste d’attesa, la difficoltà di reperire nelle epidemie posti di ricovero, faccia sì che il paziente arrivi già esasperato e predisposto ad aggredire. Il medico da solo in un Pronto soccorso non solo deve pensare all’aspetto clinico e diagnostico, che dovrebbe essere la parte predominate, ma deve preoccuparsi di giustificarsi di fronte al paziente della difficoltà di reperire il posto letto o il posto che non c’è o che deve trasferire il paziente».

LEGGI ANCHE: GIOVANE DOTTORESSA AGGREDITA A BAGHERIA SI SFOGA SU FACEBOOK: «SIAMO SOLI, QUEL POSTO E’ UN RING». MAIO (FIMMG CA): «SUBITO LEGGE PER PROCEDIBILITA’ D’UFFICIO»

Articoli correlati
Ddl aggressioni, via libera dalla Camera: pene più severe e multe fino a 5mila euro. Salta obbligo di costituzione parte civile per aziende sanitarie
Il testo, approvato all’unanimità da parte di Montecitorio, inasprisce le pene per chi aggredisce verbalmente o fisicamente il personale sanitario. Ora ultimo passaggio in Senato. Le reazioni
Dl Rilancio, Nocerino (M5S): «150 mln per fondi dedicati a disabili»
«Il decreto prevede un aumento di 90 milioni di euro della dotazione del Fondo per le non autosufficienze; di 20 mln per il Fondo per l'assistenza alle persone con disabilità grave, prive di sostegno familiare, e di 40 mln per il Fondo di sostegno alle strutture semiresidenziali» sottolinea la senatrice Cinque Stelle
Covid19, Provenza (M5S): «Serve visione ampia SSN. Ora puntare su territorio, telemedicina, unità speciali»
Il deputato e medico M5S auspica che «la salute sia al centro della governance moderna». Poi sottolinea: «Le conflittualità emerse in particolare tra Regioni e Governo hanno ingenerato paura, incertezza e disorientamento»
Coronavirus, Taverna (M5S): «Crediamo nella sanità pubblica, serve regia centrale»
Secondo il vicepresidente del Senato «la grave crisi che stiamo vivendo ci ha messo davanti a delle grandi verità. C’è un’Italia da ricostruire ed è sotto gli occhi di tutti che si debba cominciare dalla sanità.
Ddl aggressioni, Cisl Medici Lazio: «Possiamo ritenerci soddisfatti, accolte le nostre proposte»
«Ringraziamo quanti hanno creduto nella nostra battaglia di civiltà» scrivono in una nota Luciano Cifaldi, Segretario della Cisl Medici Lazio, e Benedetto Magliozzi, Segretario della Cisl Medici di Roma Capitale/Rieti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...