Politica 15 Aprile 2019

Ddl aggressioni, Mautone (M5S): «Aumentano dove SSN funziona peggio. Asl e Ospedali siano al fianco dei medici nei contenziosi»

Il medico e senatore Cinque Stelle sottolinea: «Fondamentale migliorare l’assistenza e ridurre le liste d’attesa negli ospedali, che sono i primi fattori di contrasto tra pazienti e operatori sanitari». Il termine per presentare gli emendamenti al disegno di legge scade lunedì 29 aprile alle 12

Immagine articolo

Entra nel vivo in Commissione Igiene e Sanità al Senato la discussione sul Ddl per fronteggiare le aggressioni al personale sanitario, un fenomeno che negli ultimi tempi sta assumendo le dimensioni di una vera e propria emergenza, specie al centro sud. Conclusa la discussione generale, il termine per la presentazione di emendamenti è stato posticipato alle ore 12 del prossimo lunedì 29 aprile. Sul tema abbiamo intervistato il senatore (e pediatra) del Movimento Cinque Stelle Raffaele Mautone che a Sanità Informazione va alla radice del problema: «Le aggressioni aumentano al sud dove ci sono difficoltà nell’organizzazione del sistema», sottolinea Mautone che poi lancia la proposta: «Il medico si sente solo e abbandonato in questi casi. Nei contenziosi è necessario che intervenga l’Asl o l’ospedale di appartenenza del medico».

Senatore, lei si sta occupando in Commissione Sanità del tema delle aggressioni agli operatori sanitari. Quando si arriverà alla legge e cosa ci sarà in questa legge?

«Stiamo facendo una serie di audizioni, ascoltando le varie associazioni di categoria, l’Anaao, le associazioni di aiuti assistenza ospedaliera, i medici di medicina generale, per avere le idee chiare su come poi formulare questa legge. Io penso che è fondamentale migliorare l’assistenza e ridurre le liste d’attesa negli ospedali, che sono i primi fattori di contrasto tra pazienti e operatori sanitari che indirettamente vengono poi a subire delle scelte programmatiche sbagliate soprattutto a livello regionale. Secondo fattore, cercare nei contenziosi di far intervenire l’Asl o l’ospedale di appartenenza del medico. Non va vista come una difesa d’ufficio del medico, non bisogna personalizzare. Il fatto che l’azienda intervenga come interlocutore nel contenzioso facilita la possibilità che il medico possa sgravarsi di questo ulteriore carico. E già ne ha parecchi di carichi».

LEGGI ANCHE: DDL AGGRESSIONI, CONTINUANO LE AUDIZIONI IN SENATO. SUMAI: «ASL DENUNCINO D’UFFICIO». SIVeMP: «VETERINARI OPERINO IN EQUIPE»

Spesso gli operatori sanitari si sentono abbandonati in queste situazioni…

«Il medico si sente solo e abbandonato in questi casi. Poi mi sono chiesto: perché le aggressioni sono maggiori al sud che non al nord? Qualche domanda ce la dobbiamo porre. Probabilmente la spiegazione è che la non ancora perfetta organizzazione della struttura ospedaliera, le liste d’attesa, la difficoltà di reperire nelle epidemie posti di ricovero, faccia sì che il paziente arrivi già esasperato e predisposto ad aggredire. Il medico da solo in un Pronto soccorso non solo deve pensare all’aspetto clinico e diagnostico, che dovrebbe essere la parte predominate, ma deve preoccuparsi di giustificarsi di fronte al paziente della difficoltà di reperire il posto letto o il posto che non c’è o che deve trasferire il paziente».

LEGGI ANCHE: GIOVANE DOTTORESSA AGGREDITA A BAGHERIA SI SFOGA SU FACEBOOK: «SIAMO SOLI, QUEL POSTO E’ UN RING». MAIO (FIMMG CA): «SUBITO LEGGE PER PROCEDIBILITA’ D’UFFICIO»

Articoli correlati
Piano vaccinale, Trizzino (M5S): «Bisogna sensibilizzare popolazione, livello di copertura deve restare alto. Mia battaglia è a difesa della vita»
Il medico e deputato della commissione Affari Sociali: «Le vaccinazioni obbligatorie sono l’unico modo per mantenere un livello di attenzione elevato ed evitare nuove epidemie come quella newyorkese»
di Isabella Faggiano
Vaccini, emendamento M5S-Lega cancella obbligo certificazione. Zingaretti: «Nel Lazio non si cambia»
La norma a prima firma Sileri-Cantù-Fregolent prevede che «la presentazione della documentazione comprovante l'effettuazione delle vaccinazioni non costituirà più requisito di accesso al servizio, alla scuola, al centro di formazione professionale». Il sottosegretario Bartolazzi frena: «Nessun passo indietro sulla volontà di una legge di buon senso che garantisca il diritto all'istruzione e il diritto alla salute di tutti». Magi (OMCeO Roma): «Senza obbligo politica dovrebbe dirci come intende garantire le coperture»
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Borse di specializzazione, Tuzi (M5S): «MIUR renda pubblico il numero di quelle abbandonate e non assegnate»
«Queste borse si aggiungeranno alla dotazione annuale già prevista consentendo un aumento dei contratti di specializzazione» sottolinea il medico e deputato M5S
Obesità infantile, Mautone (M5S): «Famiglia gioca ruolo importante, sport e cibo sano costano. Reddito di cittadinanza può aiutare»
Il pediatra e senatore Cinque Stelle spiega a Sanità Informazione spiega l’incidenza di condizioni socio-economiche svantaggiate nello sviluppo di questa patologia
Obesità, la ricetta di Pierpaolo Sileri: «Educazione nelle scuole e approccio multidisciplinare per contrastarla. In futuro valutare l’ingresso nei LEA»
Il Presidente della Commissione Sanità di Palazzo Madama ha organizzato un incontro in Senato con società scientifiche e associazioni dei pazienti dal titolo “L’obesità, una malattia da prevenire e curare”