Voci della Sanità 16 Febbraio 2021 15:59

Snami Lazio: «Sì alla campagna vaccinale anti-Covid ma tutele per i medici vaccinatori»

Il sindacato autonomo dei medici Snami ha aderito alla Campagna vaccinale anti-COVID-19 organizzata nella Regione Lazio, ma ha chiesto di tenere conto di alcune precisazioni nell’elaborazione del Dispositivo Regionale attutativo (DCA). «Lo SNAMI Lazio – si legge in un comunicato – dopo il Comitato regionale per la Medicina generale svoltosi in data 12/2 u.s., ha […]

Il sindacato autonomo dei medici Snami ha aderito alla Campagna vaccinale anti-COVID-19 organizzata nella Regione Lazio, ma ha chiesto di tenere conto di alcune precisazioni nell’elaborazione del Dispositivo Regionale attutativo (DCA).

«Lo SNAMI Lazio – si legge in un comunicato – dopo il Comitato regionale per la Medicina generale svoltosi in data 12/2 u.s., ha convocato il proprio Consiglio Regionale ed ha stabilito di aderire alla Campagna vaccinale, concordata con la Regione Lazio, accettando i principi generali ed i compensi proposti».

«La volontà dell’adesione deriva dalla necessità che i MMG diano il proprio contributo operativo alla Campagna iniziata nella nostra Regione ai primi di gennaio scorso, per ridurre la diffusione del Virus SARS-CoV-2, creando così l’immunità nella più ampia percentuale possibile della popolazione, nel più breve tempo possibile e compatibilmente con la fornitura dei vaccini necessari. Lo SNAMI ha richiesto, con il documento di conferma dell’adesione della sigla sindacale, di inserire nel Dispositivo regionale applicativo una Dichiarazione a Verbale, facendo seguito a quanto già fatto presente nel corso del Comitato regionale e più precisamente:

– Il Consenso informato alla Vaccinazione deve essere firmato “In presenza di due Professionisti Sanitari addetti alla vaccinazione ho posto domande in merito al vaccino ed al mio stato di salute ottenendo risposte esaurienti e da me comprese”, come riportato nel Piano Regionale Vaccini della Regione Lazio;

– Nel caso di accettazione, da parte del Medico, di effettuare la vaccinazione presso una sede ASL, questa deve essere organizzata secondo quanto previsto per i PVT, sia dal punto di vista strutturale ed organizzativo, che con la presenza di Personale infermieristico ed amministrativo per lo svolgimento dell’attività vaccinale, sempre secondo quanto previsto dal Piano Vaccinale Regionale».

«La richiesta  – spiega lo Snami – riteniamo che sia necessaria per una idonea tutela Medico-Legale per l’attività che il MMG andrà a svolgere, sia negli studi che presso le strutture messe a disposizione dalle ASL. Le richieste fanno seguito a quanto previsto dalle Note ministeriali che accompagnano l’utilizzo dei vaccini e le modalità di organizzazione dei Centri Vaccinali sul Territorio, hanno costo zero per l’Amministrazione regionale, come specificato nell’introduzione al documento inviato alla regione Lazio via PEC in data odierna».

«Per evitare inoltre un eccessivo aggravio di tempo per esplicitare ai propri assistiti la programmazione delle vaccinazioni – prosegue – lo SNAMI ha predisposto un Manifesto che suggerirà ai colleghi di affiggere nei propri studi. Inoltre, lo SNAMI, nel corso della riunione, aveva chiesto alla Regione di fornire, attraverso gli organi di informazione, le notizie nel modo più corretto e preciso possibile sul tipo di vaccino per le diverse classi età e la tempistica che verrà adottata per la somministrazione delle diverse dosi agli aventi diritto. La richiesta per evitare un aggravio burocratico ulteriore alla categoria che, in questo periodo di recrudescenza della diffusione del virus, sta svolgendo attività clinica anche per 10-12 ore al giorno, oltre alle numerose certificazioni e telefonate per rassicurare la propria popolazione di assistiti, preoccupati ed in balia dell’epidemia virale».

«Per fornire indicazioni idonee e sempre aggiornate ai propri iscritti  – conclude il sindacato – la segreteria del Sindacato ha organizzato con i propri iscritti, a partire dalla giornata odierna, una serie di incontri via web, oltre a pubblicare pressoché quotidianamente un aggiornamento sulla situazione e sulle decisioni, sia del Ministero che della Regione oltre alle indicazioni dell’ISS, sul proprio sito».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati
Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai nascituri. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Morbillo: mappato il percorso del virus nel cervello
Per la prima volta è stata realizzata una sorta di mappa della diffusione del virus del morbillo nel cervello sulla base dei dati di un paziente colpito da una rara e letale malattia cerebrale, chiaara panencefalite sclerosante subacuta (SSPE). A realizzare l'impresa sono stati i ricercatori della Mayo Clinic in uno studio pubblicato su PLOS Pathogens
Herpes zoster: l’efficacia del vaccino diminuisce nel tempo
Uno studio pubblicato sul British Medical Journal ha valutato l'efficacia del vaccino vivo contro l'herpes zoster, che è risultata massima per i primi 12 mesi dalla vaccinazione ed è diminuita in modo sostanziale nel tempo
Covid: efficacia del vaccino sottovalutata, studio rivela «falla» in trial clinici
L'efficacia del vaccino anti-Covid potrebbe esser stata sottovalutata. A fare luce su una nuova «falla» è stato uno studio condotto da un team di scienziati del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e dell’Università di Salerno
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

In arrivo il nuovo Piano Nazionale Cronicità. Previsto maggior coinvolgimento dei pazienti e dei caregiver

Il documento redatto dal Ministero della Salute sbarca in Stato-Regioni. Nelle fasi e negli obiettivi che lo compongono, l'erogazione di interventi personalizzati attraverso il coinvolgimento di pazie...
di G.R.
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...