Voci della Sanità 30 Ottobre 2020

Psicoanalisi e neuroscienze: nasce la scuola di specializzazione unica

Nell’I.R.C.C.S. Neuromed nasce PSICOMED, scuola di specializzazione in Psicoterapia Psicoanalitica aperta a medici e psicologi. La sfida di creare figure professionali innovative, capaci di essere un ponte tra psicologia e neurologia, per un approccio innovativo al paziente

Neuroscienze e psicologia, per lungo tempo considerate discipline diverse, se non antitetiche, si stanno sempre più avvicinando, grazie alle scoperte degli ultimi anni. L’I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli (IS) per questo, ha creato la scuola di specializzazione PSICOMED, che accoglierà sia psicologi che medici, specializzati o meno, creando di fatto una figura professionale con doppia competenza clinica, capace di muoversi tra discipline diverse ma convergenti.

«La scuola – si legge in una nota – per la quale sono già aperte le iscrizioni, vede la responsabilità scientifica del professor Alberto Siracusano, titolare della Cattedra di Psichiatria dell’Università di Roma Tor Vergata, mentre direttore è il professor Carmelo Licitra Rosa, psichiatra e psicoanalista, e co-direttore il professor Diego Centonze, neurologo e psichiatra, responsabile dell’Unità di Neurologia del Neuromed. Al centro del corso di studi, l’obiettivo di inserire sempre più efficacemente la pratica della psicoterapia nel contesto della clinica neurologica e psichiatrica. Una particolare attenzione sarà rivolta allo studio e al trattamento integrato dei disturbi mentali che compaiono nel corso di diverse patologie organiche (come il Parkinson, l’Alzheimer o la sclerosi multipla)».

«Questa Scuola – commenta Licitra Rosa – è sicuramente una sfida, perché noi siamo figli di una cultura che si è sviluppata dagli anni 60 in poi, nella quale si è affermata la separazione netta tra neurologia e psichiatria da una parte e psicoanalisi dall’altra. Ma dobbiamo ricordare che Freud non ha mai smesso di auspicare il giorno in cui sarebbe stato finalmente possibile ritrovare i punti di congiunzione tra quanto lui teorizzava e quanto un giorno la ricerca scientifica avrebbe potuto rivelare dal punto di vista biologico. E questo ha cominciato a realizzarsi a partire dagli anni 80, quando lo sviluppo delle neuroscienze ha confermato molte delle intuizioni di Freud stesso».

«Psicomed affronterà così la grande scommessa della convergenza tra neuroscienze e psicoanalisi. “È un concetto molto innovativo – continua Licitra Rosa – ma sono convinto che potrà fare facilmente breccia tra gli intellettuali, i filosofi e gli scienziati. Tutti attendiamo qualcosa di nuovo per rivitalizzare e rilanciare la questione dell’approccio alla sofferenza umana, sia su scala individuale che su grandi numeri».

«A questa scuola – spiega Centonze – potranno accedere sia psicologi che medici. Le scuole di specializzazione in psicoterapia attraggono generalmente soltanto i primi, mentre i medici hanno, come luoghi elettivi della propria formazione, le specializzazioni in psichiatria, neuropsichiatra infantile o neurologia. Ma l’esperienza ci dice che in queste sedi non viene adeguatamente sviluppata la formazione in psicoterapia, che invece dovrebbe essere parte integrante del percorso di crescita dei giovani specialisti. Una lacuna che vogliamo colmare, inventando di fatto una nuova figura professionale che abbia la capacità di intendere il linguaggio di discipline diverse, a tutto vantaggio dei pazienti. L’indirizzo clinico che abbiamo scelto è la psicoanalisi lacaniana, che ha dimostrato in questi ultimi anni una grande vitalità e una capacità unica di dialogare con la scienza e con altri campi del sapere».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, Sima e OMCeOMI: «Incentivare DAD per ridurre i contagi»
Da Alessandro Miani (Sima) e Roberto Carlo Rossi (OMCeOMi) arriva la richiesta di ampliare la Dad per ridurre i contagi tra i più giovani, evitando il sovraccarico delle risorse ospedaliere e di testing per tamponare tutte le classi con presenza di positivi
Carenza personale, Cisl Medici Lazio alla Regione: «Aprire urgente tavolo di confronto»
Il sindacato invia lettera all'assessore alla sanità della regione Lazio
Hikikomori, con la pandemia e il lockdown aumentati “gli isolati per scelta”
La psicoterapeuta: «Secondo un sondaggio di Hikikomori Italia, il 40% di chi non usciva di casa da tempo durante il lockdown si è sentito meglio, finalmente "normale". Ma una volta riprese le attività il disagio è tornato più forte di prima. La DAD ha riavvicinato molti ragazzi alla scuola, chiediamo sia un'alternativa alle lezioni in presenza utilizzabile sempre»
di Isabella Faggiano
Neri Marcorè e il suo rapporto con l’analisi: «Quella volta che stavo per iscrivermi a Psicologia…»
L’attore racconta a Sanità Informazione il lavoro ‘psicologico’ che c’è dietro ogni imitazione: «Mi piace carpire i meccanismi psicologici, magari anche reconditi, che un personaggio non mostra in pubblico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli