Voci della Sanità 30 Ottobre 2020 18:35

Psicoanalisi e neuroscienze: nasce la scuola di specializzazione unica

Nell’I.R.C.C.S. Neuromed nasce PSICOMED, scuola di specializzazione in Psicoterapia Psicoanalitica aperta a medici e psicologi. La sfida di creare figure professionali innovative, capaci di essere un ponte tra psicologia e neurologia, per un approccio innovativo al paziente

Neuroscienze e psicologia, per lungo tempo considerate discipline diverse, se non antitetiche, si stanno sempre più avvicinando, grazie alle scoperte degli ultimi anni. L’I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli (IS) per questo, ha creato la scuola di specializzazione PSICOMED, che accoglierà sia psicologi che medici, specializzati o meno, creando di fatto una figura professionale con doppia competenza clinica, capace di muoversi tra discipline diverse ma convergenti.

«La scuola – si legge in una nota – per la quale sono già aperte le iscrizioni, vede la responsabilità scientifica del professor Alberto Siracusano, titolare della Cattedra di Psichiatria dell’Università di Roma Tor Vergata, mentre direttore è il professor Carmelo Licitra Rosa, psichiatra e psicoanalista, e co-direttore il professor Diego Centonze, neurologo e psichiatra, responsabile dell’Unità di Neurologia del Neuromed. Al centro del corso di studi, l’obiettivo di inserire sempre più efficacemente la pratica della psicoterapia nel contesto della clinica neurologica e psichiatrica. Una particolare attenzione sarà rivolta allo studio e al trattamento integrato dei disturbi mentali che compaiono nel corso di diverse patologie organiche (come il Parkinson, l’Alzheimer o la sclerosi multipla)».

«Questa Scuola – commenta Licitra Rosa – è sicuramente una sfida, perché noi siamo figli di una cultura che si è sviluppata dagli anni 60 in poi, nella quale si è affermata la separazione netta tra neurologia e psichiatria da una parte e psicoanalisi dall’altra. Ma dobbiamo ricordare che Freud non ha mai smesso di auspicare il giorno in cui sarebbe stato finalmente possibile ritrovare i punti di congiunzione tra quanto lui teorizzava e quanto un giorno la ricerca scientifica avrebbe potuto rivelare dal punto di vista biologico. E questo ha cominciato a realizzarsi a partire dagli anni 80, quando lo sviluppo delle neuroscienze ha confermato molte delle intuizioni di Freud stesso».

«Psicomed affronterà così la grande scommessa della convergenza tra neuroscienze e psicoanalisi. “È un concetto molto innovativo – continua Licitra Rosa – ma sono convinto che potrà fare facilmente breccia tra gli intellettuali, i filosofi e gli scienziati. Tutti attendiamo qualcosa di nuovo per rivitalizzare e rilanciare la questione dell’approccio alla sofferenza umana, sia su scala individuale che su grandi numeri».

«A questa scuola – spiega Centonze – potranno accedere sia psicologi che medici. Le scuole di specializzazione in psicoterapia attraggono generalmente soltanto i primi, mentre i medici hanno, come luoghi elettivi della propria formazione, le specializzazioni in psichiatria, neuropsichiatra infantile o neurologia. Ma l’esperienza ci dice che in queste sedi non viene adeguatamente sviluppata la formazione in psicoterapia, che invece dovrebbe essere parte integrante del percorso di crescita dei giovani specialisti. Una lacuna che vogliamo colmare, inventando di fatto una nuova figura professionale che abbia la capacità di intendere il linguaggio di discipline diverse, a tutto vantaggio dei pazienti. L’indirizzo clinico che abbiamo scelto è la psicoanalisi lacaniana, che ha dimostrato in questi ultimi anni una grande vitalità e una capacità unica di dialogare con la scienza e con altri campi del sapere».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Giornata mondiale dei genitori, la psicologa: «I single non siano isolati»
Il boom della monogenitorialità: nel 1983 i genitori single erano meno di mezzo milione, nel 2005 600 mila. Oggi sono più che raddoppiati: 900 mila le mamme e 141 mila i papà soli
di Isabella Faggiano
Vaccini, Speranza alla Camera: «Il 28 maggio l’Ema darà il via libera a Pfizer per la fascia 12-15 anni»
«La vaccinazione riservata alle fasce più giovani è altamente strategica ed essenziale soprattutto in vista della ripresa dell'anno scolastico»
In Francia le scuole sono rimaste sempre aperte, ma i ragazzi lamentano: «Abbiamo perso persone care»
In Francia c'è stato un grande comandamento: tenere aperte le scuole più a lungo possibile. Non tutte le strutture hanno potuto rispettare i protocolli e molte sono diventate focolai. Alcuni ragazzi hanno perso parenti, come al Delacroix dove in 20 hanno subito un lutto per Covid
Psicopandemia, le risposte della politica. Speranza: «Il ruolo dello psicologo è più attuale che mai»
Psicologi nelle scuole, nei servizi del SSN, accanto ai medici di famiglia ed ai pediatri di libera scelta: ecco i luoghi strategici dove garantire il sostegno psicologico. Al webinar del Consiglio nazionale dell’ordine degli psicologi, azioni e proposte di rappresentanti della politica e della sanità
di Isabella Faggiano
Se un figlio è il prediletto: cause, conseguenze e soluzioni del Parental Differential Treatment
Pagliariccio (psicologo): «Generalmente, chi riceve più attenzioni e sostegno matura un carattere più forte e sicuro. A livello internazionale si consiglia di bilanciare un eventuale atteggiamento di preferenza con poche regole chiare e democratiche»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 giugno, sono 175.965.522 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.804.217 i decessi. Ad oggi, oltre 2.34 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...