Voci della Sanità 17 Ottobre 2017

Investire nella silver economy: l’invecchiamento come risorsa. Italia Paese leader

Già oggi un italiano su quattro ha più di 65 anni, nel 2050 gli over 65 saranno addirittura uno su tre. Ma nel Paese più anziano d’Europa, secondo nel mondo soltanto al Giappone, ci sono tutte le condizioni per sviluppare una “silver economy” che trasformi l’invecchiamento della popolazione in un’opportunità di crescita economica. E’ questo […]

Già oggi un italiano su quattro ha più di 65 anni, nel 2050 gli over 65 saranno addirittura uno su tre. Ma nel Paese più anziano d’Europa, secondo nel mondo soltanto al Giappone, ci sono tutte le condizioni per sviluppare una silver economy che trasformi l’invecchiamento della popolazione in un’opportunità di crescita economica. E’ questo il messaggio lanciato a Roma dagli esperti che hanno partecipato al workshop “Silver economy: l’invecchiamento come risorsa”, organizzato da Assoprevidenza in collaborazione con Itinerari Previdenziali.

«L’Italia – sostiene Sergio Corbello, Presidente di Assoprevidenza – può diventare per gli altri Paesi che invecchiano un modello di iniziative e di soluzioni, un vero e proprio benchmark europeo sul quale misurare l’efficacia degli investimenti in prodotti e servizi innovativi pensati per le esigenze degli individui che hanno più di 50 anni. In questo può anche divenire un polo di attrazione per molti anziani di altri Paesi dell’Unione ».

Le fasce più anziane della popolazione godono di redditi mediamente più alti e dei maggiori patrimoni. Tra i 55 e i 64 anni il 40% delle famiglie dispongono di una ricchezza netta superiore a 250 mila euro, percentuale che resta superiore al 30% per le famiglie i cui componenti hanno da 65 anni in su. Dalle ricerche presentate al workshop di Assoprevidenza, realizzato anche con il contributo di Korian, è emerso una sorta di identikit dell’italiano over 65: vive in una casa di proprietà, i mezzi e il tempo di cui dispone gli consentono di aiutare economicamente i familiari (30% dei casi), di avere una vita sociale più ricca frequentando più spesso gli amici, di fare sport (il 14,4% tra i 65 e i 74 anni) e vacanze. In crescita anche le attività di volontariato. I consumi restano più alti della media per casa, salute e alimentari, ma rispetto a dieci anni fa gli anziani spendono di più per Internet (utilizzato da quasi il 30% dei 64-74enni), per attività culturali (teatro, cinema e musei) e per la pratica sportiva.

Già oggi l’impatto della “silver economy” in termini di prodotto interno lordo è stimato per l’Italia intorno a 620 miliardi di euro. Gli interventi di Mario Schiavon (Presidente di ENPAPI) Roberto Bernabei (Presidente di Italia Longeva), Davide Squarzoni (Direttore generale di Prometeia Advisor sim), Edoardo Zaccardi (area lavoro e welfare, Centro studi e ricerche Itinerari Previdenziali), Julien Le Louët (responsabile investimenti OCIRP), Mariuccia Rossini (Vicepresidente Gruppo Sanità Assolombarda e membro Consiglio Generale Assolombarda), hanno messo a fuoco la situazione attuale, le tendenze e le prospettive per l’implementazione di una via italiana alla silver economy che coinvolga settori come sanità, industria farmaceutica e biomedicale, edilizia, tecnologia, trasporti, industria culturale e del tempo libero.

Si tratta di un macro-trend che interessa molto gli investitori istituzionali. L’aspetto finanziario è stato dibattuto nella tavola rotonda finale, condotta da Alessandra Franzosi (head of pension funds & asset owners di Borsa Italiana-LSEG), che ha visto protagonisti Fabrizio Bianchi (head of institutional clients ItalySchroders), Francesca Ciceri (head of institutional clients Amundi), Guido Crivellaro (head of italianequitySymphoniaSgr) Luca Del Vecchio (coordinatore operativo Progetto Sanità Confindustria) e Lino Enrico Stoppani (vice presidente Confcommercio). Al workshop è intervenuto anche Pierpaolo Baretta, Sottosegretario Ministero dell’Economia e delle Finanze.

 

Articoli correlati
Osservatorio Censis-Tendercapital, nelle province con più anziani bassi tassi di contagio Covid. RSA: 66,9% sapeva delle carenze nella sicurezza
Presentato il report dal titolo “La silver economy e le sue conseguenze nella società post Covid-19”. De Rita: «Il Rapporto evidenzia una ferita tra generazioni; la sfida è tuttavia quella di leggerla alla luce di un ciclo di lungo periodo»
Tecnologia in sanità, Leonardi (Ministero Salute): «Un sistema che non si innova non può fornire servizi adeguati ai cittadini»
«Investire su invecchiamento, sanità elettronica, medicina di precisione, sviluppo farmaceutico e nutraceutica» ha spiegato Giovanni Leonardi, della Direzione Generale della ricerca e innovazione in sanità per il Ministero della Salute
di Cesare Buquicchio e Viviana Franzellitti
Paziente anziano, Mantovani (Bicocca): «Nuovo paradigma sarà la gestione integrata»
Il Professore di Igiene e Salute Pubblica alla Biccoca di Milano crede nella possibilità di ridurre le ospedalizzazioni: «Abbiamo tecnologie informatiche, dispositivi e farmaci che sono più sicuri rispetto al passato, che sono più maneggevoli e permettono di gestire il paziente al di fuori dell’ospedale»
Pelle giovane senza il botox? Si può. Il dermatologo dei vip Di Pietro punta sulla rigenerazione cellulare
Antonino di Pietro, dermatologo dei vip spiega come combattere l'invecchiamento cutaneo: ««Dobbiamo fare di tutto per aiutare le cellule a rigenerarsi e quindi migliorare la qualità e quantità di collagene ed elastina che abbiamo nella nostra pelle. Per mantenere la pelle giovane la strada da seguire è la rigenerazione»
di Federica Bosco
Assistenza domiciliare privilegio per il 3% degli anziani. Bernabei (Italia Longeva): «Dotazione di servizi comica»
L'analisi presentata dalla rete nazionale sull’invecchiamento e la longevità attiva mostra forti disomogeneità territoriali. L'assessore al Welfare della Lombardia Giulio Gallera svela i segreti della regione, che rientra tra le più virtuose: «Abbiamo 200 erogatori del privato sociale ed un investimento di oltre 100 milioni»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 settembre, sono 31.606.979 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 971.116 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 22 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto