Voci della Sanità 3 Giugno 2020

Fnopo: «Con senatrice Boldrini incontro ricco di spunti. Valorizzare salute donna con ostetrica di famiglia e di comunità»

Rafforzamento della rete di assistenza sul territorio e della medicina di iniziativa e di prossimità a supporto della salute della donna, promozione della figura dell’ostetrica di famiglia e di comunità, contrasto alla denatalità e formazione. Sono stati questi i temi principali discussi nel corso dell’incontro della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica e la senatrice PD Paola Boldrini.

«La senatrice – spiegano le componenti del Comitato centrale FNOPO in una nota – ha dimostrato ancora una volta una grande sensibilità attraverso il suo DDL n. 1616 alle tematiche urgenti d’interesse per tutte le professioni sanitarie e socio-sanitarie ma, anche di quelle della Categoria ostetrica e delle donne: la creazione di una rete di assistenza che abbia il proprio fulcro nei servizi erogati dal distretto, come già delineato da normative vigenti e non applicate; il ruolo determinante dell’ostetrica quale professionista con formazione specifica per la promozione e la protezione della salute delle donne in tutte le fasi della loro vita da valorizzare attraverso l’implementazione del modello di ostetrica di famiglia e di comunità, il contrasto alla denatalità con un supporto alle donne prima durante e dopo la gravidanza e, infine ma non per ultima la formazione, da sviluppare con revisione degli attuali i percorsi di laurea delle professioni sanitarie (legge 251/200) con maggiore valorizzazione del tirocinio pratico».

«L’esperienza della pandemia – proseguono – ha dimostrato che è necessario ripartire dal territorio e dalle cure primarie, in particolare per la gestione e la presa in carico della salute delle donne già in fase adolescenziale. Il modello di ostetrica di famiglia e di comunità consente la realizzazione di questo obiettivo, garantendo sicurezza e appropriatezza delle cure alle donne e famiglie per un welfare di comunità, accertamento e assistenza delle gravidanze a basso rischio e supporto alle neo mamme nel puerperio nella promozione e sostegno dell’allattamento materno, in particolare anche per intercettare possibili casi della depressione post partum, o ancora episodi di violenza domestica, evidenziare precocemente i primi segni di disturbi dello spettro autistico, con invio dei bambini alle cure specialistiche per una presa in carico precoce».

LEGGI ANCHE: SANITÀ, LE SFIDE DI PAOLA BOLDRINI (PD): «MEDICINA DI GENERE E MALATTIE RARE TRA LE PRIORITÀ. MINISTRO GRILLO DIFENDA SALUTE PUBBLICA»

«Ma non è solo la gravidanza l’ambito di intervento dell’ostetrica – spiegano ancora le rappresentanti nazionali della categoria -. Come evidenziato nel corso dell’incontro, insieme alla senatrice si è concordato sulla necessità di rafforzare la prevenzione, in particolare in ambito oncologico femminile e con l’educazione a sani stili di vita».

«Di primaria importanza è stato giudicato l’intervento per contrastare la denatalità, non solo attraverso il necessario supporto dei servizi di base per contrastare le difficoltà socio-economiche delle famiglie, ma anche con formazione e informazione ai giovani su tutte le problematiche relative alla infertilità, quali le Malattie Sessualmente Trasmesse e le loro possibili soluzioni, come previsto dal Piano nazionale per la Fertilità del 2015».

«Solo interventi specifici e concordati con professionisti dedicati -affermano – qual è l’ostetrica, possono supportare il desiderio di genitorialità ed essere un reale contrasto all’inevitabile invecchiamento della popolazione e conseguente compromissione del ricambio generazionale. In tale ottica, la formazione continua a essere un caposaldo imprescindibile, e uno dei temi su cui la Federazione continua l’impegno intrapreso per ripristinare il percorso quinquennale che con la legge 341/1990 è stato ridotto alla durata di soli tre anni. Il sostegno e la passione della senatrice Boldrini per le tematiche affrontate – concludono i vertici FNOPO – rappresentano un ulteriore stimolo per la Federazione per proseguire nella realizzazione di progetti che garantiscono maggiore qualità di cure per le donne, le famiglie e tutta la comunità».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Denatalità record in Italia, Istat: «Causa Covid-19 ulteriore crollo nascite di oltre 10 mila unità»
Il 2019 conferma il trend negativo degli ultimi anni: la popolazione italiana continua a invecchiare e fa sempre meno figli. Aumenta l’età delle donne al parto, mentre il numero di figli medio per donna si attesta a 1,29. Alcuni degli aspetti emersi nel corso della presentazione del Libro bianco realizzato da Fondazione Onda
Via libera del CdM alla Legge di Bilancio. Cosa prevede per la sanità? Le reazioni di sindacati e Ordini
Da Anaao a Cimo, passando per i sindacati della funzione pubblica agli infermieri, ecco cosa pensano sindacati e Ordini della manovra
Giornata dei prematuri, più che raddoppiati i parti pretermine tra le donne Covid-positive
Mosca (Sin): «Molte donne in gravidanza, per la paura di contrarre il virus, hanno rinunciato a controlli fondamentali per il buon esito della gestazione, aumentando il rischio di mettere al mondo bambini senza vita. Ma questi timori sono infondati: gli ospedali sono sicuri»
di Isabella Faggiano
Covid-19, Boldrini (Pd): «USCA fondamentali ma tante regioni hanno difficoltà a trovare medici e infermieri»
La capogruppo del Pd in Commissione Sanità: «Tra quota 100 e blocco del turn over non è stato facile reclutare gli operatori sanitari. Proporrò un emendamento per allargare il numero di accessi a scienze infermieristiche»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli