Salute 18 Giugno 2018 12:13

Sanità, le sfide di Paola Boldrini (PD): «Medicina di genere e malattie rare tra le priorità. Ministro Grillo difenda salute pubblica»

La senatrice democratica annuncia una proposta di legge sulla fibromialgia. E si dice pronta ad un’opposizione costruttiva sui temi sanitari: «Quando c’è un problema da risolvere si devono superare anche i colori politici»

Sanità, le sfide di Paola Boldrini (PD): «Medicina di genere e malattie rare tra le priorità. Ministro Grillo difenda salute pubblica»

È entrata in Parlamento nel 2015, quando è subentrata alla Camera alla deputata Emma Petitti. Dal 2018 Paola Boldrini, Partito Democratico e nessuna parentela con l’ex Presidente della Camera, è senatrice e, come nella passata legislatura, annuncia il suo impegno nella sanità. A partire dal tema della talassemia e delle donazioni di sangue che la vede da sempre in prima fila, come è stato per il lancio del World Blood Donor Day insieme al coordinamento Civis e al Centro Nazionale Sangue. Annuncia un’opposizione costruttiva perché su certi temi di salute «si superano anche i colori politici». Dal Ministro Grillo si aspetta che «mantenga degli impegni per mantenere la salute pubblica di tutti».

Senatrice, lei è da sempre vicina al mondo della sanità. Nella scorsa legislatura si è occupata di medicina di genere, trasfusioni, donazioni di sangue. Questa XVIII Legislatura, iniziata da poco, la vedrà ancora protagonista nel mondo della sanità? Quali sono le proposte di legge che sono già in cantiere?

«Io ho già chiesto di essere inserita in questa legislatura in Commissione sanità come lo ero nella precedente alla Camera. Continuerò ad occuparmi, come mi sono sempre occupata, di temi molto vicini alle persone, come quello delle trasfusioni insieme all’associazione dei talassemici, ma non dimenticherò di portare a termine anche il tema della medicina di genere. Nella scorsa legislatura è stato approvato il Ddl Lorenzin dove all’articolo 3 c’è la medicina di genere quindi mi sto portando avanti anche con i decreti attuativi in collaborazione con chi lo deve fare. È importante affinché ci sia una reale applicazione della medicina di genere. Per ora è sulla carta, a scopo volontario. In tante regioni si sta facendo qualcosa, ma le indicazioni devono essere a livello nazionale. Poi mi sto occupando da tanti anni e lo sto facendo anche attraverso altri atti con una proposta di legge, interrogazioni e risoluzioni della fibromialgia che è un altro tema vicinissimo a tante donne che soffrono di questa sindrome, un coacervo di varie sensazioni di dolore, una vera e propria sindrome. Poi farò parte dell’intergruppo sulle malattie rare, un’attenzione a tutte quelle malattie che non hanno risonanza ma che hanno bisogno di ascolto. Il mio impegno politico è caratterizzato dalla vicinanza con le persone, con i pazienti che continuamente chiedono di essere ascoltati. Senza i pazienti non possiamo fare provvedimenti importanti per migliorare la loro salute. Il mio impegno sarà costante e continuo».

LEGGI ANCHE: SANGUE, CALANO DONATORI MA ITALIA RESTA AUTOSUFFICIENTE. LIUMBRUNO (CNS): «ORA AUMENTARE PLASMA PER FARMACI SALVAVITA»

Voi siete all’opposizione ma dal nuovo Ministro della Salute Giulia Grillo cosa si aspetta?

«Ho conosciuto personalmente l’onorevole Giulia Grillo perché sono stata in varie commissioni con lei. Reputo che sia una persona che si è sempre spesa laddove ci sono degli obiettivi comuni da raggiungere. Io immagino che la sua figura sia verso questo orizzonte e quindi mi auguro che ci sia molta collaborazione con lei soprattutto su obiettivi super partes. Quindi opposizione o non opposizione, quando c’è un problema si superano anche i colori politici. Mi auguro anche che mantenga degli impegni per mantenere la salute pubblica di tutti».

Articoli correlati
Quando il viaggio è terapia: guida rapida per aumentare i benefici e gestire gli imprevisti
Aumenta le endorfine e abbassa il cortisolo. Ma le aspettative troppo alte e una mancata predisposizione potrebbero vanificare i vantaggi
Inserire la comunicazione medico paziente nei percorsi formativi, la proposta di Provenza (M5S)
Il medico e deputato M5S ha presentato una proposta per la predisposizione di un Piano volto al potenziamento degli aspetti comunicativi della relazione del professionista sanitario con il paziente e con i componenti dell’equipe sanitaria. Previsti incentivi anche nella formazione ECM
di Francesco Torre
«Inquinamento e salute bambini, con cambiamento climatico rischi aumentati». L’allarme della pediatra Reali (ISDE Lazio)
«Un aumento di temperatura cui sono esposti i bambini durante la vita in utero può aumentare il rischio di esiti avversi della gravidanza»
di Francesco Torre
A Padova il nuovo centro regionale per la terapia cellulare del diabete
Investiti da Regione Veneto un milione e 296 mila euro. Il centro unico nel nord est permette di eseguire su pazienti affetti da diabete di tipo 1 il trapianto di insule pancreatiche in modo da rimpiazzare le cellule distrutte dal sistema immunitario e riavviare la produzione di insulina
Asma grave, una proposta di legge punta a riconoscerla come patologia cronica e invalidante
La proposta di legge di Vito De Filippo (Pd) punta ad istituire un Registro nazionale e a percorsi terapeutici dedicati. Si parla di asma grave quando il trattamento prescritto, seppur assunto in maniera corretta e costante, non è sufficiente a controllare la malattia sia per gravità che frequenza dei sintomi
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...