Salute 12 Giugno 2018

Sangue, calano donatori ma Italia resta autosufficiente. Liumbruno (CNS): «Ora aumentare plasma per farmaci salvavita»

I donatori lo scorso anno sono stati poco più di un milione e 680 mila in calo di 8 mila unità rispetto al 2016, di cui 304 mila nuovi. Tra chi dona il 31% è donna, il 29% ha tra i 46 e i 55 anni. Parte campagna di sensibilizzazione del Coordinamento Civis in vista del World Blood Donor Day del 14 giugno

Immagine articolo

“Esserci per qualcun altro. Dona il sangue. Condividi la vita”. È questo lo slogan scelto in vista della Giornata mondiale della donazione del sangue (World Blood Donor Day) del 14 giugno presentato alla Sala Nassiriya del Senato dal Civis, il Coordinamento delle Associazioni di volontari del dono del sangue che riunisce Avis, Fidas, Fratres e Croce Rossa e dal Centro Nazionale Sangue.

Un’occasione, il convegno, per presentare i dati sulle donazioni del sangue in Italia che tracciano un quadro in chiaroscuro: L’Italia si conferma un Paese autosufficiente in materia ma continua a calare nel 2017 il numero dei donatori, raggiungendo il record negativo dal 2009. I donatori lo scorso anno sono stati poco più di un milione e 680 mila, in calo di 8 mila unità rispetto al 2016, di cui 304 mila nuovi. Il calo continua dal 2012, anno ‘di picco’ con quasi un milione e 740 mila donatori registrati. Tra chi dona il 31% è donna, e la fascia di età in cui il numero è maggiore è quella tra i 46-55 anni, il 29% del totale, il 26% è compresa invece nella fascia tra i 36 e i 45 anni. Il 13% dei donatori ha tra 18 e 25 anni. Nel 2017 sono state effettuate oltre tre milioni di donazioni (3.006.726 per la precisione), trentamila in meno rispetto all’anno precedente. Attraverso le donazioni in aferesi è stato possibile invece raccogliere quasi 830 mila chili di plasma, indispensabile per la produzione di una serie di farmaci salvavita, con un aumento dell’1,8% rispetto al 2016. Grazie al sistema sangue italiano, che si basa totalmente sulla donazione volontaria e non remunerata, sono state effettuate oltre 637 mila trasfusioni, per interventi chirurgici o terapie di malattie come la talassemia.

«I donatori sono in calo dal 2012, però dal 2017 abbiamo avuto oltre trecentomila nuovi donatori a testimonianza dell’impegno che le associazioni mettono per promuovere le donazioni – chiarisce a Sanità Informazione Giancarlo Maria Liumbruno, Direttore del Centro Nazionale Sangue – Dobbiamo lavorare per promuovere le donazioni, aumentare il numero dei nuovi donatori e migliorare in alcune regioni anche l’organizzazione perché pur essendo l’Italia un Paese autosufficiente per il sangue in alcune regioni si assiste a ritardi nelle terapie trasfusionali a pazienti cronici come i talassemici per motivi organizzativi. Un altro punto di miglioramento è quello che ci vede impegnati nella promozione della raccolta del plasma che è la materia prima dei medicinali plasmaderivati che sono medicinali salvavita, abbiamo un programma quinquennale che prevede nel corso dei prossimi tre-quattro anni un graduale incremento delle unità plasma raccolte dai donatori, questo ci serve per aumentare la materia prima».

I pazienti che hanno bisogno di donazione del sangue sono i pazienti acuti, pazienti chirurgici, pazienti politraumatizzati e una buona parte di pazienti che ha bisogno con regolarità sono i pazienti cronici, quindi quelli affetti da malattie oncologiche, ematologiche e i pazienti con emoglobinopatie che sono in Italia oltre settemila. Le trasfusioni di globuli rossi sono in leggero calo grazie anche alle tecniche di Patient Blood Management, fortemente supportate dal ministero della Salute, anche con provvedimenti normativi, che permettono di ottimizzare l’utilizzo delle unità di sangue e migliorare i risultati in termini di salute per i cittadini. Per far fronte alle carenze periodiche che si verificano nei mesi estivi e in quelli di picco dell’influenza, sono state introdotte due innovazioni: il ministero della Salute ha inserito per la prima volta i donatori di sangue tra le categorie per cui è possibile offrire gratuitamente il vaccino antinfluenzale, e una raccomandazione del Centro Nazionale Sangue dà la possibilità a tutte le Regioni di non sospendere i donatori che provengono da aree dove è presente il virus West Nile, ma di fare loro il test per scoprirne l’eventuale presenza.

«Quello delle donazioni è un tema che dobbiamo riscoprire, perchè significa uscire dall’individualismo e dare una parte di sé – afferma la senatrice Pd Paola Boldrini, da sempre attenta ai temi della donazione di sangue – Inoltre la tranquillità di avere dei controlli periodici permette di dare un doppio valore alla donazione. Bisogna sensibilizzare soprattutto i giovani che sono il nostro futuro, ecco perchè bisogna entrare sempre più spesso nelle scuole».

«La diminuzione dei donatori è fisiologica – spiega a Sanità Informazione Aldo Ozino Caligaris, portavoce protempore del Civis – nel senso che abbiamo un invecchiamento generale della popolazione e questo ci fa preoccupare perché da una parte le persone anziane sono quelle che più di tutti, due terzi, prendono terapia trasfusionale dal Servizio sanitario nazionale, dall’altra parte perché poi queste persone raggiungono limiti d’età per poter continuare a fare una donazione volontaria e responsabile di sangue. Di conseguenza, essendo purtroppo l’Italia con un indice demografico troppo basso rispetto a quella che è la percentuale di persone giovani, noi dobbiamo investire molto sulla promozione della donazione del sangue in particolare verso le persone tra i 18 e i 28 anni ma iniziando questo percorso già dal periodo scolastico».

Articoli correlati
Lotta alle Leucemie, la giornata nazionale celebra la ricerca scientifica: «Sviluppati farmaci innovativi»
A parlare è il presidente nazionale Ail, Sergio Amadori: «L’obiettivo di tutti noi è quello di riuscire a guarire tutti i tumori del sangue». Durante la giornata sarà attivo il numero verde per entrare in contatto con illustri ematologi italiani
Il 14 giugno è la Giornata Mondiale del donatore di sangue. Dall’Emilia-Romagna una campagna speciale per ‘celebrare’ i tanti cittadini solidali
Sono poco meno di 140mila, con un’età media tra i 40 e i 42 anni, e hanno consentito di raccogliere, lo scorso anno, più di 213mila unità di sangue. Ecco i numeri dei donatori di sangue dell’Emilia-Romagna: a loro, e ai cittadini di qualunque parte del mondo che compiono questo importante gesto di altruismo, è […]
Roma, agli IFO tante iniziative per la Giornata Mondiale del Donatore di Sangue
La trasfusione di sangue ed emoderivati salva milioni di vite ogni anno. I servizi trasfusionali devono affrontare ogni giorno la sfida di mettere a disposizione una quantità sufficiente di sangue e prodotti del sangue, garantendone al tempo stesso la qualità e la sicurezza. “Sangue sicuro per tutti!” è il tema della 15° Giornata Mondiale del […]
Giornata mondiale del donatore di sangue, l’iniziativa al Galliera di Genova: “Dona sangue, salva la vita e…aiuta l’ambiente!”
Il 14 giugno di ogni anno viene festeggiata, su iniziativa dell’Organizzazione Mondiale della Sanità in tutto il mondo, la giornata del Donatore di sangue allo scopo di sottolineare la necessità di sangue ed emoderivati sicuri, disponibili in quantità adeguata e per ringraziare chi dona e quindi contribuisce a salvare la vita di molti pazienti. Il […]
Caserta, sacche di sangue infette contagiano due coniugi. Tar condanna il Ministero della Salute
Il Ministero della Salute è stato condannato dal Tribunale di Napoli Nord per non aver controllato le sacche di sangue infette che hanno procurato l’epatite C a due coniugi originari di San Cipriano di Aversa (Caserta). La settimana scorsa la sentenza dopo otto anni di battaglie giudiziarie. In particolare, l’uomo ha scoperto nel 2011 che […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...