OMCeO, Enti e Territori 19 Giugno 2019

Festa della Musica, dalla psichiatria ASL Roma 2 arrivano quattro gruppi musicali

Provengono dal Dipartimento di Salute Mentale dell’ASL Roma 2 ben quattro gruppi musicali che si esibiranno venerdì 21 Giugno 2019 nell’ambito della Festa della Musica, il primo alla Festa Europea a Todi e gli altri tre alla Festa della Musica Roma 2019. «Lo spirito della Festa della Musica – ha dichiarato Flori Degrassi, Direttore Generale ASL […]

Provengono dal Dipartimento di Salute Mentale dell’ASL Roma 2 ben quattro gruppi musicali che si esibiranno venerdì 21 Giugno 2019 nell’ambito della Festa della Musica, il primo alla Festa Europea a Todi e gli altri tre alla Festa della Musica Roma 2019.

«Lo spirito della Festa della Musica – ha dichiarato Flori Degrassi, Direttore Generale ASL Roma 2 – rientra appieno nella filosofia dell’inclusione e partecipazione sociale propria di questa Azienda, che è stata già protagonista della Festa della Musica Roma 2018».

«Suonare insieme, utenti, operatori e volontari – ha affermato Massimo Cozza, direttore del Dipartimento di Salute Mentale ASL Roma 2 – rientra senz’altro nei percorsi riabilitativi ma potersi esprimere nelle piazze accanto a centinaia di altri musicisti significa anche lotta allo stigma e senso di appartenenza alla società civile».

Il Gruppo Musica in Cammino – MIC Band proporrà musica folk popolare, creando un legame con il pubblico con il quale si troverà a cantare e ballare insieme, nell’ambito della Festa Europea della Musica a piazza Umberto I a Todi (PG) alle ore 22:00. Si tratta di un gruppo composto da utenti, operatori e volontari nato nel 2011 dopo un percorso di musicoterapia iniziato nel 1995 nella comunità psichiatrica Urbania nel quartiere San Basilio di Roma.

Nell’ambito della Festa della Musica Roma 2019 il pomeriggio del 21 giugno si esibiranno gli altri tre gruppi provenienti dall’ASL Roma 2. La Fermenti Band suonerà musica Pop in cover con strumenti e voci al Mercato coperto San Paolo, Via Corinto 12, alle ore 16:30. Un gruppo composto da utenti ed operatori, nato nel 2010 nel Centro di Salute Mentale del Municipio VIII. Il Coro I Fringuelli insieme a Et Nos, diretti da Marina Mango, suoneranno canzoni popolari italiane e permetteranno al pubblico di rivivere emozioni musicali dagli anni 40 ai giorni nostri, alle ore 17:15 presso l’edificio nuovo dell’Ospedale San Eugenio, Piazzale dell’Umanesimo 10. Il Coro, composto da utenti, correntisti della Banca del Tempo e volontari dell’Associazione L’Ancora ’95, è nato nel 2007 nel Centro Diurno psichiatrico nel quartiere Laurentino 38 nel Municipio IX. Infine il Coro Note Magiche, nato nel 2015 dal Centro Diurno Casilino, composto da utenti, familiari ed operatori, proporrà musica Crossover alle ore 18:30 davanti al Cinema Aquila in via L’Aquila 66/74, con organizzazione a cura del Municipio V.

Articoli correlati
Trento, la bellezza entra nei reparti di Oncologia grazie al progetto “Donatori di Musica”
Trasformare le stanze di un reparto oncologico in sale concerto: una pausa di bellezza e convivialità durante un percorso terapeutico difficile e pieno di incertezze. Grazie a Donatori di Musica, quella che può sembrare un’utopia è da dieci anni una sorprendente realtà. Sin dal 2009, infatti, grazie ad un’intuizione del compositore e producer discografico Gian […]
Milano, il concerto di Finardi all’Istituto Tumori: «Devo tutto a loro, hanno salvato mia moglie»
Il cantautore ha partecipato alla rassegna “Note sul tetto che scotta”. «È dimostrato, anche empiricamente da me stesso, che la musicoterapia è preziosa. Io se ho Bach o Mozart in cuffia uso metà dell’anestesia locale dal dentista», afferma a Sanità Informazione
di Federica Bosco
Bellezza in oncologia al Fatebenefratelli-Isola Tiberina: check-up cutanei, musicoterapia, trucco, filosofia e yoga
Check-up cutanei, manicure oncologica, make-up correttivo e corsi di autotrucco, yoga, meditazione, filosofia, scrittura creativa, musicoterapia e colorazione di mandala. Parte all’Ospedale Fatebenefratelli-Isola Tiberina, da una collaborazione con la Fondazione “La Cinque vie di Giorgio”, il progetto “Care of Me” – mi prendo cura di me – rivolto ai pazienti con tumore, che vede coinvolto […]
Aumentano i giovani con disturbi mentali: 8.000 in più nel 2016
È stato presentato, nella seduta congiunta della commissioni Politiche per la salute e Scuola, Giovani e Cultura della Regione Emilia-Romagna, il programma regionale sui percorsi di salute mentale per gli adolescenti. Dal 2010 al 2016 le persone con età compresa tra i 14 e i 25 anni ricoverati nei dipartimenti di salute mentale sono aumentati. […]
Gli studenti non rivogliono i manicomi, ma pensano che la malattia mentale sia pericolosa e imprevedibile. La ricerca della Asl Roma 2
Questa mattina a Roma sono stati presentati i risultati del questionario sul pregiudizio e lo stigma in salute mentale realizzato, nell’ambito del percorso alternanza scuola-lavoro, dal Dipartimento di Salute Mentale ASL Roma 2 in collaborazione con il corpo insegnante e circa 100 studenti dei Licei Charles Darwin – Pitagora e Bertrand Russell. LEGGI QUI LA […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone