Voci della Sanità 6 Giugno 2017 10:20

Chemio, segnalare disturbi on line al proprio medico allunga la vita

E’ quanto dimostrato da una ricerca condotta dall’università del North Carolina testando un sistema che consente ai pazienti di riportare in diretta al proprio medico gli effetti collaterali della chemioterapia. E i risultati sono sorprendenti: miglioramento della qualità della vita del malato, aumento della tolleranza della terapia, riduzione delle ospedalizzazioni e prolungamento della vita, di […]

E’ quanto dimostrato da una ricerca condotta dall’università del North Carolina testando un sistema che consente ai pazienti di riportare in diretta al proprio medico gli effetti collaterali della chemioterapia. E i risultati sono sorprendenti: miglioramento della qualità della vita del malato, aumento della tolleranza della terapia, riduzione delle ospedalizzazioni e prolungamento della vita, di una media di cinque mesi. «I pazienti sottoposti a chemioterapia lamentano spesso disturbi importanti, ma nella metà dei casi medici e infermieri non ne vengono a conoscenza» ha dichiarato l’autore dello studio Ethan Basch, professore di medicina presso il Lineberger Comprehensive Cancer Center. Lo studio, presentato al convegno annuale degli oncologi americani a Chicago, ha coinvolto 766 pazienti con tumori di diverso tipo in stato avanzato che erano sottoposti a chemioterapia. I pazienti scelti casualmente per la sperimentazione sono stati suddivisi in due gruppi: alcuni dovevano riferire la gravità dei problemi riscontrati compilando un questionario online, anche dopo la terapia, una volta tornati a casa, permettendo quindi al personale medico di essere costantemente aggiornato sulla situazione clinica dei loro pazienti e di agire di conseguenza. I disturbi di coloro assegnati al secondo gruppo invece venivano monitorati e documentati da medici e infermieri, come generalmente avviene, e poi discussi con i pazienti durante le visite periodiche. Alla fine della sperimentazione chi aveva utilizzato il sistema online, denominato STAR (Symptom Tracking and Reporting), ha riscontrato un miglioramento della qualità della vita che, appunto, risultava tra l’altro più lunga di cinque mesi rispetto ai pazienti del primo gruppo. Il sistema STAR è stato creato per la ricerca e non è ancora disponibile sul mercato. I risultati dello studio dovranno ora essere confermati in sperimentazioni più ampie, in cui si utilizzerà una piattaforma aggiornata, disponibile anche per smartphone e tablet personali.

Articoli correlati
Cancro alla mammella e parrucche: per guarire ci vuole anche testa
L'80% dei pazienti che si sottopongono a chemioterapia perde i capelli. Intervista alla dottoressa Lucia Mentuccia, oncologa presso l'Ospedale di Colleferro, su rimedi e soluzioni
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
Cancro al seno, i test genomici evitano chemioterapie inutili. Ma sono rimborsati solo da Lombardia e Alto Adige
Carlo Tondini (Direttore Oncologia Medica, Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo): «Nell’attuale crisi emergenziale, risparmiare una chemioterapia non essenziale con l’utilizzo dei test genomici protegge le pazienti affette da tumore al seno, più vulnerabili al rischio di Covid-19, e contribuisce al contenimento della pandemia»
La realtà virtuale abbassa i livelli di ansia dei pazienti che si sottopongono alla chemioterapia
Lo studio pubblicato sul Journal of Cellular Physiology è stato coordinato dal professor Antonio Giordano, docente del dipartimento di Biotecnologie mediche dell'Università di Siena e direttore dello Sbarro Health Research Organization (SHRO) di Philadelphia: «La realtà virtuale è risultata più efficace della musicoterapia». E a Napoli ci sarà un reparto di oncologia con poltrone con realtà virtuale
Tumori, nuove frontiere con immunoterapia. Maio: «Test molecolari essenziali per la pianificazione dei trattamenti»
È quanto si aspetta il professor Michele Maio, direttore del centro di Immuno-Oncologia dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Siena: «Ci saranno sempre più tumori nei quali l’immunoterapia potrà mostrare la propria efficacia»
Tumore al pancreas, farmaci e chemioterapia raddoppiano sopravvivenza. Reni (San Raffaele): «Spesso confuso con gastrite, serve formazione»
«È compito delle istituzioni migliorare le strutture, noi stiamo facendo dei percorsi scientifici per dare le giuste indicazioni, ma non sempre il messaggio viene recepito» sottolinea Giampaolo Balzano, Direttore del Programma Strategico di Coordinamento Clinico Pancreas Center dell’Ospedale San Raffaele di Milano
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 giugno, sono 178.788.247 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.873.285 i decessi. Ad oggi, oltre 2,64 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM