OMCeO, Enti e Territori 6 giugno 2017

Chemio, segnalare disturbi on line al proprio medico allunga la vita

E’ quanto dimostrato da una ricerca condotta dall’università del North Carolina testando un sistema che consente ai pazienti di riportare in diretta al proprio medico gli effetti collaterali della chemioterapia. E i risultati sono sorprendenti: miglioramento della qualità della vita del malato, aumento della tolleranza della terapia, riduzione delle ospedalizzazioni e prolungamento della vita, di […]

E’ quanto dimostrato da una ricerca condotta dall’università del North Carolina testando un sistema che consente ai pazienti di riportare in diretta al proprio medico gli effetti collaterali della chemioterapia. E i risultati sono sorprendenti: miglioramento della qualità della vita del malato, aumento della tolleranza della terapia, riduzione delle ospedalizzazioni e prolungamento della vita, di una media di cinque mesi. «I pazienti sottoposti a chemioterapia lamentano spesso disturbi importanti, ma nella metà dei casi medici e infermieri non ne vengono a conoscenza» ha dichiarato l’autore dello studio Ethan Basch, professore di medicina presso il Lineberger Comprehensive Cancer Center. Lo studio, presentato al convegno annuale degli oncologi americani a Chicago, ha coinvolto 766 pazienti con tumori di diverso tipo in stato avanzato che erano sottoposti a chemioterapia. I pazienti scelti casualmente per la sperimentazione sono stati suddivisi in due gruppi: alcuni dovevano riferire la gravità dei problemi riscontrati compilando un questionario online, anche dopo la terapia, una volta tornati a casa, permettendo quindi al personale medico di essere costantemente aggiornato sulla situazione clinica dei loro pazienti e di agire di conseguenza. I disturbi di coloro assegnati al secondo gruppo invece venivano monitorati e documentati da medici e infermieri, come generalmente avviene, e poi discussi con i pazienti durante le visite periodiche. Alla fine della sperimentazione chi aveva utilizzato il sistema online, denominato STAR (Symptom Tracking and Reporting), ha riscontrato un miglioramento della qualità della vita che, appunto, risultava tra l’altro più lunga di cinque mesi rispetto ai pazienti del primo gruppo. Il sistema STAR è stato creato per la ricerca e non è ancora disponibile sul mercato. I risultati dello studio dovranno ora essere confermati in sperimentazioni più ampie, in cui si utilizzerà una piattaforma aggiornata, disponibile anche per smartphone e tablet personali.

Articoli correlati
Due interventi, 13 anestesie e la chemioterapia: il piccolo Ascanio ce l’ha fatta. Curato all’Umberto I
Una storia a lieto fine di buona sanità. È quella di Ascanio, che oggi ha 10 anni e quando ne aveva solo due è stato colpito da un brutto male –  nefroblastoma di Wilms, un cancro raro – e ha dovuto affrontare 13 anestesie, 43 sedute di chemioterapia e due interventi chirurgici.  «Era il febbraio del 2011 – […]
Tumori, Maio (oncologo): «Il futuro si chiama immunoterapia. In alcune neoplasie ha già sostituito la chemio»
Dopo il Nobel alla medicina assegnato a un ricercatore americano e uno giapponese, l’immunoterapia torna sotto i riflettori per l’efficacia nella cura del carcinoma di Merkel con un alliance targata Merck e Pfizer
Al Policlinico Gemelli nasce il primo giardino pensile terapeutico d’Italia e la chemio esce dall’ospedale
Dedicato alle pazienti del Dipartimento della Salute della Donna e del Bambino, offre un nuovo modo di curare con e nella natura. All’area dedicata alla chemioterapia, si affiancano percorsi sensoriali e aree di meditazione. Inaugurato inoltre un Centro di Farmacologia Clinica di Genere dedicato alle sperimentazioni cliniche oltre che alla cura delle malattie oncologiche delle donne | GUARDA LE IMMAGINI
Ricerca oncologica, Federica Mazzuca vince il premio Roma: «Ci vuole tanta energia, determinazione ed entusiasmo»
«All’estero ricerca al top anche grazie a fondi e supporti che in Italia mancano. Difficile restare qui: ottime capacità e buone idee non bastano». L’intervista alla dottoressa Mazzuca a margine della cerimonia di premiazione alla Sapienza
Oncologia, Bayer: con rivaroxaban tassi significativamente più bassi di recidiva di TEV
Sono stati pubblicati sul Journal of Clinical Oncology i risultati dello studio clinico Select-D, che ha valutato l’effetto di rivaroxaban, un farmaco Bayer inibitore orale del Fattore Xa, sulle recidive di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti con malattia oncologica attiva. I ricercatori hanno riscontrato percentuali significativamente inferiori di recidiva di TEV nei pazienti in terapia […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...