Salute 20 Agosto 2021 15:35

Scoperto meccanismo che permette alle cellule tumorali di resistere alla chemioterapia

Uno studio dell’Università Statale di Milano e dello IEO, coordinato dal professor Stefano Santaguida, ha definito come la variazione del numero dei cromosomi presenti nei tumori sia alla base del meccanismo con cui la cellula tumorale riesce a costruire una barriera che blocca l’azione dei farmaci anticancro

di Federica Bosco
Scoperto meccanismo che permette alle cellule tumorali di resistere alla chemioterapia

Sarebbe una variazione del numero di cromosomi presenti nei tumori, chiamata “aneuploidia”, alla base del meccanismo con cui la cellula tumorale riesce a costruire una barriera che blocca l’azione dei farmaci anticancro, rendendoli inefficaci. La scoperta è stata fatta da un gruppo di ricercatori coordinati dal professor Stefano Santaguida, Group Leader del Laboratorio di Integrità Genomica dello IEO e Professore di Biologia Molecolare all’Università degli Studi di Milano.

«Abbiamo cercato di capire se ci fosse una chemio-resistenza ai farmaci che dipenda dall’assetto cromosomico di una cellula tumorale – spiega Santaguida -. E quanto emerso ci permette di dire che alcune cellule tumorali riescono a sopravvivere e a sfruttare l’instabilità genetica costantemente presente durante i loro cicli cellulari. Durante la progressione del ciclo cellulare, infatti, la cellula tumorale acquista o perde cromosomi, arrivando ad oltre ottanta, mentre in una sana sono 46 in tutto. In una situazione di stress le cellule con l’assetto di cromosomi ottimale, che sono resistenti ai farmaci chemioterapici, prendono il sopravvento sulle altre che invece soccombono. Questo, se da un punto di vista clinico rappresenta un problema, ci permette però di conoscere in anticipo quali cariotipi saranno resistenti ai farmaci e provare a debellarli con combinazioni mirate di farmaci».

Un caos cellulare che rende inefficaci i farmaci anticancro

L’aneuploidia è presente nel 90% dei tumori solidi e il 75% di quelli ematologici ed è da tempo oggetto di studio del gruppo di Santaguida, prima come bersaglio da colpire nel tumore ed ora anche come strumento per combattere la resistenza ai farmaci. Un’analisi, quest’ultima, che potrebbe diventare un elemento essenziale in futuro per vincere la battaglia contro i tumori. «Studiare il cariotipo delle cellule tumorali – riprende il ricercatore dell’Istituto Europeo Oncologico – è come giocare una partita a carte scoperte perché ci permette di sapere quali cellule tumorali sono in grado di costruire una barriera che rende inefficaci i farmaci anticancro e capire se ci sono tumori che per ragioni biologiche e molecolari riescono a sfruttare il meccanismo in maniera più frequente. In questo le tecnologie di nuova generazione saranno di grande aiuto».

Testati i farmaci in laboratorio ora si studiano i cariotipi più ricorrenti

Per testare gli effetti dell’instabilità cromosomica sulla proliferazione cellulare in presenza di un agente chemioterapico, i ricercatori hanno esposto le linee cellulari di cancro a una batteria di farmaci, confrontando i risultati prima e dopo l’esposizione. I risultati della ricerca fin qui ottenuti, grazie anche a Fondazione AIRC, sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista scientifica Developmental Cell, ma per arrivare ad una sperimentazione sull’uomo i tempi sono ancora lunghi. «Lo studio ora è nella fase sperimentale di laboratorio – puntualizza Santaguida -, in futuro si dovrà approfondire lo studio sul meccanismo molecolare e capire se sequenziando i cariotipi alcuni risultino ricorrenti e possano essere maggiormente resistenti ai farmaci chemioterapici. I tempi sono ancora lunghi e servirà un grande sforzo collettivo per traslare lo studio nella pratica ed avere benefici per i pazienti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Rai e Airc insieme oggi per rendere il cancro più curabile domani
Dal 6 al 13 novembre, per otto giorni, Rai e Airc uniscono le forze nella campagna I Giorni della Ricerca. L'obiettivo è di lavorare insieme oggi per rendere il cancro più curabile domani
I prodotti per stirare i capelli raddoppiano il rischio di cancro all’utero
Uno studio americano ha scoperto che le donne che utilizzano i prodotti per stirare i capelli hanno l'80% del rischio in più di sviluppare il cancro all'utero
Studio “boccia” la colonscopia, forse inutile come strumento di screening
Un importante studio pubblicato sul New England Journal of Medicine indica che l'impatto della colonscopia sulla riduzione della mortalità sarebbe minimo
I bambini nati da embrioni congelati sono più a rischio cancro
Uno studio pubblicato sulla rivista Plos Medicine mostra che i bambini nati da embrioni congelati sono più a rischio cancro dei bambini concepiti naturalmente
Biopsia liquida: la nuova strategia per battere il cancro sul tempo
Secondo lo studio italiano Chronos, grazie ad un semplice prelievo di sangue è possibile avere informazioni precise sul tumore di cui un paziente è affetto, rilevando le alterazioni che possono renderlo più sensibile o resistente alle terapie oncologiche
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 2 dicembre 2022, sono 644.116.374 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.637.943 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa