Salute 20 Agosto 2021 15:35

Scoperto meccanismo che permette alle cellule tumorali di resistere alla chemioterapia

Uno studio dell’Università Statale di Milano e dello IEO, coordinato dal professor Stefano Santaguida, ha definito come la variazione del numero dei cromosomi presenti nei tumori sia alla base del meccanismo con cui la cellula tumorale riesce a costruire una barriera che blocca l’azione dei farmaci anticancro

di Federica Bosco
Scoperto meccanismo che permette alle cellule tumorali di resistere alla chemioterapia

Sarebbe una variazione del numero di cromosomi presenti nei tumori, chiamata “aneuploidia”, alla base del meccanismo con cui la cellula tumorale riesce a costruire una barriera che blocca l’azione dei farmaci anticancro, rendendoli inefficaci. La scoperta è stata fatta da un gruppo di ricercatori coordinati dal professor Stefano Santaguida, Group Leader del Laboratorio di Integrità Genomica dello IEO e Professore di Biologia Molecolare all’Università degli Studi di Milano.

«Abbiamo cercato di capire se ci fosse una chemio-resistenza ai farmaci che dipenda dall’assetto cromosomico di una cellula tumorale – spiega Santaguida -. E quanto emerso ci permette di dire che alcune cellule tumorali riescono a sopravvivere e a sfruttare l’instabilità genetica costantemente presente durante i loro cicli cellulari. Durante la progressione del ciclo cellulare, infatti, la cellula tumorale acquista o perde cromosomi, arrivando ad oltre ottanta, mentre in una sana sono 46 in tutto. In una situazione di stress le cellule con l’assetto di cromosomi ottimale, che sono resistenti ai farmaci chemioterapici, prendono il sopravvento sulle altre che invece soccombono. Questo, se da un punto di vista clinico rappresenta un problema, ci permette però di conoscere in anticipo quali cariotipi saranno resistenti ai farmaci e provare a debellarli con combinazioni mirate di farmaci».

Un caos cellulare che rende inefficaci i farmaci anticancro

L’aneuploidia è presente nel 90% dei tumori solidi e il 75% di quelli ematologici ed è da tempo oggetto di studio del gruppo di Santaguida, prima come bersaglio da colpire nel tumore ed ora anche come strumento per combattere la resistenza ai farmaci. Un’analisi, quest’ultima, che potrebbe diventare un elemento essenziale in futuro per vincere la battaglia contro i tumori. «Studiare il cariotipo delle cellule tumorali – riprende il ricercatore dell’Istituto Europeo Oncologico – è come giocare una partita a carte scoperte perché ci permette di sapere quali cellule tumorali sono in grado di costruire una barriera che rende inefficaci i farmaci anticancro e capire se ci sono tumori che per ragioni biologiche e molecolari riescono a sfruttare il meccanismo in maniera più frequente. In questo le tecnologie di nuova generazione saranno di grande aiuto».

Testati i farmaci in laboratorio ora si studiano i cariotipi più ricorrenti

Per testare gli effetti dell’instabilità cromosomica sulla proliferazione cellulare in presenza di un agente chemioterapico, i ricercatori hanno esposto le linee cellulari di cancro a una batteria di farmaci, confrontando i risultati prima e dopo l’esposizione. I risultati della ricerca fin qui ottenuti, grazie anche a Fondazione AIRC, sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista scientifica Developmental Cell, ma per arrivare ad una sperimentazione sull’uomo i tempi sono ancora lunghi. «Lo studio ora è nella fase sperimentale di laboratorio – puntualizza Santaguida -, in futuro si dovrà approfondire lo studio sul meccanismo molecolare e capire se sequenziando i cariotipi alcuni risultino ricorrenti e possano essere maggiormente resistenti ai farmaci chemioterapici. I tempi sono ancora lunghi e servirà un grande sforzo collettivo per traslare lo studio nella pratica ed avere benefici per i pazienti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Cancro e sessualità, un progetto per rompere i tabù attraverso scienza e arte
Sex and the cancer nasce per promuovere consapevolezza intorno a un problema di cui troppo poco si parla: i disturbi della sfera sessuale a seguito delle terapie oncologiche
Dal trucco al volontariato, la politica si unisce nell’intergruppo “la forza e il sorriso” per il benessere psicologico dei malati oncologici
Promotrice dell’iniziativa la deputata della Lega Benedetta Fiorini: «Vogliamo promuovere al più presto misure di incentivazione fiscale in favore delle aziende che sviluppano e sostengono attività nel volontariato e nel sociale». L’idea nasce dal lavoro dell’omonima onlus che organizza laboratori di bellezza per donne in trattamento oncologico
Con il Bullone e Cicatrici i B. Liver combattono la malattia e diventano grandi
Sono giovani tra i 14 e i 35 anni costretti a lottare contro il cancro, l’Hiv, l’anoressia. Hanno deciso di farlo con la Fondazione B.Live Onlus e alcuni volontari. Ne è nato un giornale e una mostra d’arte per raccontare storie di chi nella vita ha lasciato un segno e chi non ha paura di far conoscere le proprie fragilità
di Federica Bosco
Tumori cutanei non melanoma, al via il progetto SKINConnecting
I tumori della cute cosiddetti non melanoma skin cancer (NMSC) sono tra le patologie oncologiche più diffuse. Con incidenza in continua crescita, possono colpire soggetti di qualsiasi età, soprattutto avanzata, spesso affetti da altre patologie concomitanti e sono causa di decine di migliaia di interventi chirurgici e decessi ogni anno. In Italia, i non melanoma […]
Piano europeo contro il cancro, Costa: «Paesi siano coordinati e usino budget comune»
Il co-fondatore di Onda e già segretario della scuola europea di Oncologia di Veronesi sarà special adviser della commissaria alla salute per l’attuazione del piano Beating Cancer a cui sono stati destinati 4 miliardi di euro di finanziamento
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco