OMCeO, Enti e Territori 22 novembre 2018

13° Forum Risk Management, agli incontri SIMEDET si parlerà di dossier formativo ECM e ruolo delle professioni sanitarie

Previsto anche uno stand per sensibilizzare la popolazione sull’importanza del controllo dei fattori di rischio cardiovascolari. Eventi patrocinati da CONAS e ORDINE TSRM E PSTRP

Doppio appuntamento per la SIMEDET, Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica, al 13° Forum “Risk Management in Sanità” l’evento che si svolge ogni anno alla Fortezza da Basso a Firenze. Quest’anno, a 40 anni dall’Istituzione del Servizio Sanitario Nazionale, il Forum sarà sede e occasione per un confronto sulle cose da fare oggi per innovare e riformare il sistema sanitario e renderlo più efficiente e capace di rispondere ai bisogni di salute dei cittadini.

Due gli eventi Simedet: il 28 novembre incontro su “Il dossier formativo individuale e di gruppo” che vedrà tra gli ospiti Marco Maccari, Segretario nazionale ECM CNFC e Sergio Bovenga, Presidente COGEAPS. Il 29 novembre invece incontro su “Sicurezza, qualità delle cure, accountability: il ruolo delle professioni sanitarie”. Tra gli ospiti il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP Alessandro Beux, Antonio Bortone, Presidente CONAPS, Amedeo Bianco, relatore legge 24 8 marzo 2017, Francesco Saverio Proia, Consulente ARAN.

LEGGI ANCHE: SIMEDET, PARLA IL PRESIDENTE CAPUANO: «GRAZIE ALLA MULTIDISCIPLINARIETA’ PUNTIAMO A DARE UNA CORRETTA INFORMAZIONE IN SANITA’»

«Quest’anno grazie alla disponibilità incondizionata della Fondazione Gutenberg per la sicurezza in sanità – afferma il presidente nazionale della Simedet Fernando Capuano – abbiamo realizzato due eventi formativi interdisciplinari che vedranno centinaia di professionisti della salute trattare il tema della formazione continua in medicina con i nuovi strumenti del dossier formativo individuale e di gruppo e delle buone pratiche clinico assistenziali previste dalla Legge Gelli-Bianco sulla ridefinizione della Responsabilità Professionale. Con noi saranno presenti i rappresentanti delle Istituzioni Agenas Commissione Nazionale ECM, Cogeaps, Regione Toscana e i relatori Amedeo Bianco e Federico Gelli. Gli eventi sono patrocinati dal Presidente del Conaps Antonio Bortone e dal Presidente dell’Ordine TSRM e PSTRP Alessandro Beux presenti ai lavori».

La SIMEDET in sinergia con Antel e la Federazione Nazionale per la lotta al Diabete Giovanile cureranno uno stand per la prevenzione del diabete e delle malattie cardio-vascolari. Molto alta l’attenzione della SIMEDET sulle malattie cardiovascolari che rappresentano in Italia, così come in gran parte dei paesi occidentali, la principale causa di morbilità e mortalità, nonché la principale fonte di spesa sanitaria. Le condizioni cliniche che determinano un’aumentata suscettibilità a sviluppare eventi cardiovascolari maggiori (ictus cerebrale, infarto del miocardio o scompenso cardiaco) sono denominate “fattori di rischio”. La Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica intende dare il proprio contributo promuovendo un “approccio integrato”, a livello individuale e di popolazione, mediante il riconoscimento e la gestione multidisciplinare dei fattori di rischio. Nel corso del 13° Forum Risk Management in Sanità, sarà allestito uno stand allo scopo di sensibilizzare la popolazione sull’importanza del controllo dei fattori di rischio cardiovascolari, verranno effettuate visite mediche nell’ambito dell’iniziativa “SIMEDET per la prevenzione cardiovascolare”. Sarà rivolta la massima attenzione all’esposizione dell’importanza della stima del rischio cardiovascolare per valorizzare le eventuali correzioni dello stile di vita, anche in assenza di segni o sintomi di malattia. In particolare verrà rafforzato il concetto che un incremento dell’attività fisica, l’interruzione del fumo ed il controllo del peso mediante corrette abitudini alimentari non sono semplicemente un efficace metodo di prevenzione ma contribuiscono ad un miglioramento globale del benessere e della qualità della vita, secondo i principi dell’Educazione Terapeutica.

Articoli correlati
Agoaspirato, decolla il progetto “CytoMatrix” per analisi più rapide e precise. Trombetta (Campus Bio-Medico): «Così diagnosticheremo meglio le patologie»
Il lavoro, svolto dall’Università Campus Bio-Medico di Roma grazie al finanziamento della Regione Lazio, è stato coordinato dalla professoressa Marcella Trombetta, Coordinatore della Ricerca della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria. La Simedet, Società italiana di Medicina diagnostica e terapeutica, ha patrocinato l’evento di presentazione: «Questo lavoro è un'espressione significativa e vincente di multiprofessionalità tra saperi e competenze diverse, tra Ingegneria e Medicina di laboratorio» ha affermato il Presidente Capuano
Professioni sanitarie, Capaccioli (Tsrm-Pstrp): «Attendiamo ultimi decreti per rendere operativo Ordine. 70% professionisti già iscritto»
«Ancora non abbiamo dati numerici oggettivi delle possibili criticità». E sulla finalità degli elenchi speciali: «Evitano di creare un problema di carattere sociale» così il Vice Presidente della Federazione nazionale
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Responsabilità professionale e cause temerarie, De Lillo (Agenas): «Formazione continua fondamentale per ridurre rischi»
Ai microfoni di Sanità Informazione il Presidente Facente Funzione dell’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali spiega quali sono le possibili soluzioni per ridurre un contenzioso che riguarda circa 300mila cause all’anno: «Bene l’arbitrato della salute, ma rivedere anche applicazione del patto quota lite»
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Formazione, Vanja Ciolli (CeOR): «Aggiornamento fondamentale, tecnico ortopedico responsabile sicurezza dispositivi e qualità processi di produzione»
«Il tecnico ortopedico è obbligato da norme regionali e nazionali ad aggiornarsi al passo con l’evoluzione continua in medicina e a rispondere ai crediti formativi necessari» dichiara Vanja Ciolli (Amministratore Ce.OR) a Sanità Informazione
Le pubblicazioni scientifiche danno diritto a crediti ECM?
Sì, sono una tipologia di formazione individuale, secondo quanto stabilito al paragrafo 3.2.1 (Pubblicazioni scientifiche) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario. I professionisti sanitari autori di pubblicazioni scientifiche censite nelle banche dati internazionali Scopus e Web of Science/Web of Knowledge maturano il diritto al riconoscimento, per singola pubblicazione, di: – 3 crediti (se […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...